username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Daniela Sulas

in archivio dal 19 apr 2013

Cagliari

19 aprile 2013 alle ore 12:47

In vece tua la voce

In vece tua la voce amata,
bramata, attesa, sperata
entra e fugge come folgore
a ciel sereno e sconvolge
l'ora umida del risveglio,
le mani annaspano l'aria
inseguendo ali azzurre

ed invece la tua voce
si manifesta solo in sogno
circolare giro d'indice
sul bordo del cristallo puro
a farsi suono in note ipnotiche
ed incorporee.

Se tu fossi fatto d'abbraccio,
se tu non fossi solo del sogno la lingua,
il senso, l'archetto ma strumento e fiato,
tasti e corde, in vece tua la voce
si farebbe corpo a divenirmi [in]canto.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento