username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

David Grossman

in archivio dal 02 set 2011

25 gennaio 1954, Gerusalemme - Israele

segni particolari:
Il vento giallo, saggio sulla popolazione palestinese nei territori occupati dagli israeliani in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza, è stato accolto con calore all'estero ma ha innescato dibattiti e polemiche nel mio paese.

mi descrivo così:
Autore di romanzi, saggi e letteratura per bambini, ragazzi e adulti, tradotti in numerose lingue.

06 settembre 2011 alle ore 18:21

Che tu sia per me il coltello

di David Grossman

editore: Mondadori

pagine: 336

prezzo: 8,08 €

Acquista `Che tu sia per me il coltello `!Acquista!

Possono due sconosciuti innamorarsi e compenetrarsi a distanza, conoscendo a malapena i rispettivi volti? Questo è l'inizio del capolavoro di grossman: l'amore diventa necessità di immaginarsi, magari a propria immagine e somiglianza; necessità di costruirsi a vicenda, e volontà di rendersi migliori o al contrario di trascinarsi all'inferno, trainati dal sospetto e dai sensi di colpa. Un libro intenso e paziente, come i tempi cadenzati di una relazione epistolare. qui le emozioni sono costrette a venire filtrate dalla realtà e forse a filtrarla a loro volta, in un gioco della corda in cui entrambe le parti vacillano visibilmente. "Ho letto una volta che gli antichi saggi credevano che nel corpo ci fosse un ossicino minuscolo, indistruttibile, posto all'estremità della spina dorsale. Si chiama luz in ebraico, e non si decompone dopo la morte né brucia nel fuoco. Da lì, da quell'ossicino, l'uomo verrà ricreato al momento della resurrezione dai morti. (...) Ovviamente ho cercato anche il mio, ma nessuna parte soddisfaceva tutte le condizioni. Allora ho smesso di cercarlo. L'ho dichiarato disperso finché l'ho visto nel cortile della scuola. Subito quell'idea si è risvegliata in me e con lei è sorto il pensiero, folle e dolce, che forse il mio luz non si trova dentro di me, bensì in un'altra persona".

recensione di Cristina Mosca

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento