username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Diego Bello

in archivio dal 25 feb 2017

23 novembre 1960, Brindisi - Italia

20 marzo alle ore 18:12

La porta nel tumulo

La fronte fredda
Sul coperchio di zinco
Che scivola nell'urna.
Il graffio della spatola pareggia
La malta 
A saldo delle fughe.
Il marmo
Rimbomba 
Nel vuoto del buio
E come a casa
Bussa
Alla porta nel tumulo.
Ora corri 
Corri e sorridi, sul viso più traccia 
d'alcuna ferita.
E ti senti chiamare
Da lontano, dal cielo
Dall'erba che scintilla di sole
Dal rosso della terra d'ulivi 
Dal vento di mare 
Sulle canne piegate
Dai pampini già saturi
D'una promessa d'acini 
Di negramaro.
È la mamma! È la mamma!
È la mamma che chiama!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento