username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Diego Bello

in archivio dal 25 feb 2017

23 novembre 1960, Brindisi - Italia

30 maggio 2018 alle ore 11:43

Preannuncio

Intro: Incontro immaginario tra Marcel Proust e il pittore ritrattista Jacques–Émile Blanche (autore del famoso ritratto dell'amico scrittore). È l'inizio dell'estate del 1900. Dalla loro breve conversazione è come se emergesse il preannuncio dell'opera "Le grandi bagnanti" di Paul Cézanne.

Il racconto

Nel giugno del ‘900 Émile e Marcel passeggiano sul lungo Senna. Non si vedono dai tempi di Auteuil. Più in là, su un prato di sole, dodici donne in circolo col costume pudico di quell’estate. Marcel inquadra la scena con entrambe le braccia aperte sui contorni.
- Se ti dicessi, Émile, di dipingere questo? Vedi che luce c’è stamane!
- Sono ormai un ritrattista, Marcel, non mi occupo più di en plein air.
- Infatti! Tu sai che la pittura è sempre una cosa mentale. Trattenere il respiro del paesaggio, ogni essenza della luce e del colore! Come quando scindi in mille punti un volto.
- Riconoscere e inventare!
- Esatto! Mescolare natura e corpi. E questi finalmente nudi. Privi di catene.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento