username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Edgar Allan Poe

in archivio dal 28 giu 2001

19 gennaio 1809, Boston - Stati Uniti

07 ottobre 1849, Baltimora - Stati Uniti

segni particolari:
Allan è il cognome dello zio che mi ha cresciuto. L'ho aggiunto al mio per riconoscenza.

mi descrivo così:
Sono il padre di un nuovo genere letterario, "l'horror". Devo molto a Charles Baudelaire.

31 marzo 2006

A -- --

Or non è molto, chi scrive queste righe,
nel suo folle orgoglio d' intellettualità,
sosteneva il <<potere delle parole>> - negando
che mai pensiero in un cervello umano possa nascere
di là dall'espressione dell'umana lingua;
ed ora, quasi a beffardo per quel vanto,
due sole parole - due dolci disillabi stranieri -
italiani suoni - di quelli che solo bisbigliano
gli angeli sognanti alla luna, nella <<rugiada
che perlacea catena, avvolge il colle Hermon>> -
hanno tratto dagli oscuri abissi del suo cuore
pensieri non-pensati, anime di pensiero,
più ricche visioni, più selvagge e più estatiche
di quelle che l'angelo arpista, Israfel,
cui fra tutti diede Iddio voce blanda e soave
non potrebbe dire mai. E io! Ogni risorsa è svanita.
Cade la penna inerte dalla mia mano che trema.
Col tuo caro nome come testo, pur da te richiesto,
nulla riesco a scrivere - a dire, a pensare,
a sentire, ahimè; giacchè non è sentire
questo mio immobile soffermarmi sulla dorata
soglia dell'aurea porta dei sogni, mentre
ne ammiro, estasiato, la fuggente prospettiva,
ed esaltarmi nel veder, sia dal destro lato
o da quello a sinistra, e lungo tutto il cammino,
tra vapori purpurei, fin dove in lontananza
quel prospetto s'arresta - te sola.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento