username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Eugène Ionesco

in archivio dal 07 ott 2010

1909, Slatina - Romania

1994, Parigi

segni particolari:
La mia produzione teatrale si colloca nel "Teatro dell'assurdo", dove domina la solitudine, l'angoscia e la morte.

mi descrivo così:
Scrittore e drammaturgo francese di origini rumene. Il mondo e la condizione umana li ho definiti con un solo aggettivo: assurdo.

03 maggio 2011 alle ore 11:43

La cantatrice calva

di Eugène Ionesco

editore: Einaudi

pagine: 52

prezzo: 7,23 €

Acquista `La cantatrice calva `!Acquista!

Sicuramente Ionesco non è un autore facile e tutte le sue opere sono volutamente ermetiche e al di fuori dei canoni tradizionali, tanto è vero che è difficile percepirne l'umorismo e l'ironia, perché si tratta di un 'riso amaro', quasi di un ghigno beffardo che preannuncia un profondo e irreversibile pessimismo.
E' altresi curioso notare la nascita di quest'opera di teatro: lo scrittore aveva deciso di imparare l’inglese e, leggendo un manuale di conversazione, rimane colpito dall’involontaria e quasi inconsapevole comicità dei dialoghi, rendendosi conto di avere davanti un testo quasi pronto e facilmente adattabile. Sin dalle prime battute, infatti, si nota come i personaggi non comunicano tra di loro, ma parlano solamente, emettendo frasi fatte e senza una vera necessità di risposta.
Insieme a Beckett, Ionesco è il grande rappresentante del Teatro dell'Assurdo. Scrive una forma di commedia che porta in sé una grande tragedia, quella di un mondo uscito da pochi anni dalla Seconda Guerra Mondiale, in preda ad una crisi di valori e ad uno smarrimento senza ritorno.

recensione di Francesca Arangio

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento