username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Francesco Cossiga

in archivio dal 22 giu 2010

26 luglio 1928, Sassari

17 agosto 2010, Roma

segni particolari:
In seguito all'uccisione di Aldo Moro mi dimisi da Ministro degli Interni.

mi descrivo così:
In passato sono stato Senatore a vita, Presidente del consiglio, Presidente del Senato, e ho ricoperto tante altre cariche.

22 giugno 2010

Francesco Cossiga dixit:

Non accetto lezioni di etica politica dalla Bindi: è brutta, cattiva e cretina.

Commenti
  • Luciano Ronchetti La Bindi non è certo una donna affascinante: su questo non ci piove! Anche se fascino non è soltanto sinonimo di bellezza: è anche simpatia, è anche - e soprattutto - classe! Due doti che se non le possiedi innate, non potrai trovarle né "acquistarle" da nessuna altra parte! (e questo vale tanto per la donna, quanto, a mio modesto parere, per l'uomo!). Comunque sia, a prescindere dal suo credo politico, la Bindi mi "garba abbastanza", come dicono in Toscana: nel senso, cioé, che è abbastanza simpatica. Per quanto riguarda, invece, il nostro esimio (mi riferisco al compianto KOSSIGA) devo dire che non ha mai conosciuto, a mio avviso, il concetto di simpatia né, tanto meno, quello di classe: penso, anzi, che lui non sapesse neanche dove fossero di casa! In un commento sul mio profilo facebook, un paio di settimane fa (o giù di lì: la data precisa non conta!), ad un post che riguardava un suo parere, a dir poco scabroso, sul giudice Livatino, ho dichiarato che "adesso egli sta bene dove sta ": sotto tre, o più - chissà - metri di terra! Mi sono fermato a quelle parole e lo faccio anche quì per rispetto delle donne della redazione del blog, il quale - tra l'altro - mi da la possibilità di farmi conoscere. Tuttavia, essendo un anarchico e un simpatizzante del "movimento 77" si è già capito quale sia il mio parere sul "sardagnolo d'oc", come lo chiamavamo da ragazzi! Del resto se ho usato la kappa anziché la c per indicare il suo cognome, ci sarà un motivo? A conclusione del mio commento voglio aggiungere quanto segue: l'offesa più brutta che si possa fare ad una donna è dirle quanto sia brutta; un uomo può pure pensarlo e tenerselo per sé, ma non dovrebbe mai umiliare una donna e dirglielo apertamente!

    07 ottobre alle ore 11:40


Accedi o registrati per lasciare un commento