username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Francesco Giuliano

in archivio dal 13 set 2011

Idria - Italia

segni particolari:
Barba bianca e capelli radi. Scrivo e pubblico articoli di Didattica della chimica in "CnS" (SCI) e in "Scienze & Ricerche" (AIL), in www.latinainvetrina.it, in www.buongiornolatina.it e in http://educa.univpm.it. Aborro la separazione della cultura umana, che è una e una sola.

mi descrivo così:
I romanzi:I sassi di Kasmenai,Il foglio;Come fumo nell'aria, Prospett.Ed.;Il cercatore di tramonti, Il foglio; L'intrepido alchimista,SensoInversoEd.; Sulle ali dell'immaginazione,Aracne. Le poesie: M'accorsi d'amarti;Quando bellezza m'appare;Ragione e sentimento;Voglio lasciare traccia,Libr.Ed.Urso

07 ottobre 2013 alle ore 16:51

Fu vera amicizia?

Il racconto

Mino seguiva con molta frequenza i post del suo amico Mario su Facebook, in cui si era scritto da poco dietro suggerimento di una sua amica umbra Dany, molto appassionata che vantava di avere più di tremila amicizie. Mino aveva ancora pochi amici con cui poteva scambiarsi commenti o condivisioni, ma non era interessato a farne tante. Si sentiva spaesato in quel nuovo mondo di Facebook dove si usava un linguaggio poco usuale, particolare, sicuramente bizzarro, e di cui non era semplice afferrarne il significato rapidamente. Non solo. Ad ogni parola corrispondeva anche un’operazione che agli inizi gli sembrava un mistero. Cosa voleva dire “taggare”, “postare”, “condividere un commento o una foto”, o quale procedura bisognava seguire per inserire una foto come copertina e una come immagine di profilo?  Mino faceva pure confusione tra il suo diario e la Home in cui, oltre a comparire nomi di persone che non erano amici ma risultavano amici dei suoi pochi amici, spuntava una finestra in alto, dove c’era scritto “A cosa stai pensando?”. Diciamo che Mino risultava un po’ imbranato nell’eseguire tutte quelle operazioni e nel districarsi in quel mondo in cui si considerava un iniziato. Facebok  era un “social network” o, più semplicemente, un “servizio di rete sociale”, in cui per comprendere le connessioni che in esso si instauravano Mino aveva dovuto rispolverare quella “teoria dei grafi” che aveva studiato a scuola e che lo aveva tanto affascinato. La situazione gli appariva molto semplice dal punto di vista teorico, ma dal punto di vista pratico gli presentava diverse difficoltà. Una delle quali era quella che corrispondeva alla domanda “Ma come si fa a instaurare un’amicizia con una persona che non si conosce? Facebook serve in particolare a fare nuove amicizie con persone che si possono trovare anche dall’altra parte del mondo!”. Da cui derivava la seguente domanda “Ma come si fa a dialogare se non si conoscono le lingue?” Lui, in questo si sarebbe trovato a suo agio dato che conosceva diverse lingue straniere come il francese, lo spagnolo, l’inglese e il tedesco a causa della sua attività professionale di ricercatore biologo. E per questo considerava Facebook un potente mezzo di comunicazione rapida anche visivamente. Mino, però, aveva delle perplessità in merito, perché non credeva che si potesse stabilire un’amicizia con una persona con la quale non poteva esserci un contatto visivo fisico. Ogni volta che si collegava su Facebook, andava nella pagina del suo amico Mario, con il quale si conosceva da circa trent’anni, dove prestava attenzione ai commenti che si intrecciavano tra Mario e i suoi amici. Li leggeva ad uno ad uno. Alcuni erano insignificanti, altri invece erano divertenti e stimolanti, e tra questi ne individuò uno alquanto spiritoso che lo colpì inspiegabilmente.Era di un’amica di Mario che si chiamava Mara Savonini. Cliccò sul nome di questa e gli comparve la sua pagina che riportava oltre alla copertina e l’immagine di profilo, soprattutto alcune informazioni delle quali prese nota. Mara era un medico psicanalista di Trieste con tanto di Laurea conseguita presso l’Università di Genova ed una serie infinita di diverse specializzazioni. “Deve essere una donna che ha una certa cultura dimostrata dai suoi commenti molto precisi, netti, e di significato profondo, a volte colorati da una punta di ironia, ed è questo che mi piace. C’è qualcosa di questa donna che mi affascina e mi incuriosisce, mi prende, a dir poco mi stravolge” pensò Mino. Gli piacque anche la foto anzi un disegno che ritraeva il volto di una bella donna, una quarantenne o giù di lì molto attraente, con i capelli neri molto folti e gli occhi color del mare. Un volto che gli risultava molto familiare anche se non l'aveva visto prima di allora. Mino fu attratto anche dall’immagine di copertina che ritraeva la scritta in spagnolo di una frase riportata come un graffito su un muro “No importa si el viaje es largo cuando el destino es tu corazòn” che Mino, conoscendo lo spagnolo, tradusse subito “Non importa se il viaggio è lungo quando l'obiettivo è il tuo cuore”. Tradusse, tuttavia, quella frase pure in inglese “It does not matter if the journey is long when the target is your heart” che scrisse inspiegabilmente come post nella pagina di Mara. Una frase questa che lo colpì subito a tal punto che gli fece capire i sentimenti profondi  posseduti dalla donna che doveva avere una grande sensibilità e che lo entusiasmò inspiegabilmente. Forse aveva ragione Platone che nel “Simposio” sosteneva che al mondo ci fossero delle anime gemelle predestinate, come le due parti di una mela tagliata a metà, tra le quali esistesse un “amore romantico”, un “amore ideale”, cioè un’affinità  trascendente e sentimentale così profondamente innata da portarle, una volta incontratesi, ad unirsi indissolubilmente e definitivamente.  
Mino avvertiva, in cuor suo, di avere una certa affinità con quella donna, gli ispirava simpatia ed aveva la sensazione di averla cercata e conosciuta da sempre.  Sulla stessa pagina di Mara trovò il link “Aggiungi agli amici” su cui fece “click” e gli comparve subito dopo la scritta “Richiesta di amicizia inviata”. Tutto congiurava in quella pagina al suggello di un’amicizia. Vera amicizia? E così fu. Dopo circa mezza giornata a Mino arrivò il messaggio che l’amicizia era stata accettata e così il suo numero di amici era aumentato quantitativamente. Ma qualitativamente? “Grazie di aver accettato la mia amicizia” scrisse Mino nel diario di Mara, la quale rispose “Grazie a te di avermi chiesto l’amicizia che ti ho concesso anche perché mi hai postato la frase in inglese 'It does not matter if the journey is long when the target is your heart', fatto che ho considerato spiritoso e attraente”.
Da quel momento iniziò un continuo e duraturo scambio di idee, di brani musicali, di sogni, di opinioni, di pareri concordi e discordi, che trasmise, inconsapevolmente e vicendevolmente, a ciascuno dei due un’attrazione affettuosa verso l’altro. Da questo scambio Mino comprese il carattere di Mara, una donna sincera, volitiva, remissiva, intelligente, generosa, altruista, che quando si faceva guidare dal cuore era una prodigio della natura, ma quando faceva prevalere la ragione risultava fredda, distaccata, egoista, caparbia e trasmetteva torpore e tristezza. Mino sognava spesso Mara e quando si ricordò di un sogno glielo scrisse come messaggio "Mi sentii baciare nel sogno da un angelo che svolazzava su di me. Erano le labbra tue, rugose, vellutare, eccitanti. Anch’io sfiorai le tue labbra nella loro interezza e assaporai la tua tenerezza per me e la tua infinita dolcezza”.  Mino capì, allora, ciò che a scuola non era riuscito a comprendere, cioè il significato profondo di “amore platonico”, grazie al social network tanto vituperato. Era nata tra Mino e Mara un’amicizia profonda, idealmente reale!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento