username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Gabriele Prignano

in archivio dal 31 gen 2015

04 aprile 1931, Napoli - Italia

segni particolari:
Scrivo  - poesie, racconti, romanzi -  e continuo a scrivere, per trovare una ragione e un conforto alla fatica di vivere. Le storie di personaggi inquieti, grotteschi rappresentano un po’ lo specchio delle mie personali vicende.

mi descrivo così:
Scrivo poesie  d’Amore o, meglio, per amore della vita, in contrasto perenne con la visione di una Fine irreparabile e inevitabile per tutti. Mi ispira la grazia, la bellezza, la tenerezza in conflitto con l’idea della separazione da quanto amiamo e desideriamo, ma, ripeto,  destinato col tempo dolo

31 gennaio 2015 alle ore 15:26

Futura

Cadono le stelle nel tuo grembo
come foglie vive
con un sospiro e un battito
e l‟infinita pianta che ti partorì
generò nuova luna
e a te donò i suoi occhi
labbra sorriso e luce
frutto ambito conteso
sottratto al cielo
per me
e da me solitario
custodito e baciato.
E da allora luce sempre è la notte
sempre così fu
ricordi?
non ora, no
ora non più
folle ora sono
se levo gli occhi e guardo gli occhi tuoi
ove celi una lacrima tremante
e leggo il tuo e il mio dolore
perché so e sai
perché pronto sono a volare
là ove destino attende
e ora, d’un tratto, i miei occhi sono muti
urla rauco mio cuore
l’invincibile crudeltà della natura.
((Gabriele Prignano))
Tutti i diritti riservati.
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento