username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Gabriele Prignano

in archivio dal 31 gen 2015

04 aprile 1931, Napoli - Italia

segni particolari:
Scrivo  - poesie, racconti, romanzi -  e continuo a scrivere, per trovare una ragione e un conforto alla fatica di vivere. Le storie di personaggi inquieti, grotteschi rappresentano un po’ lo specchio delle mie personali vicende.

mi descrivo così:
Scrivo poesie  d’Amore o, meglio, per amore della vita, in contrasto perenne con la visione di una Fine irreparabile e inevitabile per tutti. Mi ispira la grazia, la bellezza, la tenerezza in conflitto con l’idea della separazione da quanto amiamo e desideriamo, ma, ripeto,  destinato col tempo dolo

31 gennaio 2015 alle ore 15:21

Un rosso fiore

Sapore di ciliegio le tue labbra
e miei i morsi di sapidi profumi
ora da boccale bevo nettare fluente
veloci sono i baci e lievi le carezze
come vento nascosto in tua chioma dorata.
Tocchi amorosi erranti
inebriano la sera
e pulsa gioioso e in fretta mio cuore
in fuga da esitante petto
mentre affannato colgo fiori e frutti
da tenero tuo grembo
dischiuso ad insaziata voglia
a folli erranti inappagati artigli.
Ma sua luce dispiegherà domani antico sole
stanco e vecchio aguzzi raggi trafiggeranno
vecchio clochard ingobbito e stanco
deluso compagno di lattiginosa notte
nemica di disabitato cielo.
Di ricordi e sogni nutrirò mio cuore
dolce è la vita e brutto e turpe il mondo
e guardo e chiedo
a rinsecchiti scheletri
di lontani abbracci sepolti e vivi
sotto rimbombante pensiero
di fuggenti giorni e ore e istanti
e tra nubi rossastre
dietro nascosto vergognoso sole
affaccerò rabbiosi i miei sospiri.
Dubbioso andrò per solitarie vie
stralunato e perso a me
replicherò preghiera e pianto e gioia
e riderò del tempo, sorriderò
abbraccerò fremente
apparenti sembianze inconcludenti voli
verso perduti approdi.
Trabocca ora scarna mia bocca
di sudato amore
e capo reclino vinto perdente
su immeritato seno
ove fremendo adagio
una rosa, una rosa soltanto
tra balbettanti labbra serrata
un fiore un solo fiore un rosso fiore
per te.
((Gabriele Prignano))
Tutti i diritti riservati.
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento