username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 05 lug 2013

Gabriella Stigliano

Napoli - Italia
Mi descrivo così: M'incanta l'arte e anche l'arte delle parole che genera poesia, storie, visioni, emozioni e sensazioni. Esprimo a modo mio l'assurdo mondo che mi ritrovo dentro.

elementi per pagina
elementi per pagina
  • sabato alle ore 11:23
    Dietro le carte

    Un dolore nascondo
    dietro le carte,
    la partita avanza
    ed io mi tengo in vita
    con il mio turno,
    che mi affievolisce
    a poco a poco la pena
    e m'illudo di dominare
    il labirintico gioco,
    mentre ruota la fortuna
    a due passi.
    Un Jolly adesso
    mi sorprende,
    ma è troppo tardi,
    serviva prima,
    quando ho scartato
    innocentemente.
    Sogno un triss di assi,
    ma il presente
    ha le sembianze
    di un Jolly a spasso.
    Chissa!?!
    Domani passo.

     
  • 13 luglio alle ore 22:06
    O' ciel' s' facett' scur'

    Nun è cchiù tiemp
    e' m' chiammà :
    “Ammore”,
    m' dicist' nu' juorn'
    ca' purtav' dint'
    all' uocchie o' sole
    e turnann' turnann'
    o' ciel' s' facett' scur'.
    Quann' arrivaje a' cas'
    o' core tremmann'
    t' chiammava ancora
    “Ammore”,
    ma o' ssapeva
    ca' na' magia era fernut'.

     
  • 29 giugno alle ore 12:37
    Tornero' a cercarmi dentro

    Tornerò a cercarmi dentro,
    tornerò forse a parlare di sogni,
    mentre adesso resto in silenzio.
    Tornerò nelle acque
    per dimenticare,
    tornerò controcorrente
    e non vorrò più subire.
    Ma sò che tornerò ancora
    ad illudermi
    e mi vedrai cadere
    nelle malinconie,
    si spegnerà il fuoco
    sotto una pioggia
    di sterili parole,
    riaprirò finestre
    che avevo sigillato.
    Tornerò a pronunciare
    il tuo nome
    senza più dolore?
    Tornerò sul confine d'argilla
    misto a risate e lacrime
    e tu lasciami piangere,
    lasciami ridere,
    lasciami essere,
    essere ancora una volta in volo,
    piena di miracoloso amore,
    parte anche solo della tua ombra.

     
  • 29 giugno alle ore 12:21
    Mentre fuori piove

    Un sogno ramingo
    si fa catena,
    un viaggio utopico
    verso la terra bianca
    dove gli amanti abbracciati
    ricordano,
    dove dormono i livori,
    dove si perdono i passi
    fra gli ulivi e i sigilli aperti
    dell' anima,
    dove un giorno
    torneranno gli angeli
    per portare gli azzurri incanti
    agli uomini chiusi dentro
    scatole di latta arrugginite,
    mentre fuori piove.

     
  • 24 giugno alle ore 19:27
    Dietro il muro dei sorrisi giusti

    Avrei preferito
    essere lì,
    dove sono i tuoi sguardi,
    quelli felici, quelli preoccupati,
    quelli dove camminano
    i sogni e gli incanti,
    e dove nascono
    anche gli affanni,
    dove il tuo tempo
    è costruito da un silenzio
    come quello esistente
    tra i versi di una poesia
    e lì, dove si riesce
    a trovare ancora,
    nelle pieghe delle mani,
    la memoria di carezze
    sterminate.
    Avrei preferito
    non essere presente
    all'abbandono di un cielo
    che emanavi nei miei occhi,
    lasciato cadere
    dietro il muro
    dei sorrisi giusti.

     
  • 20 giugno alle ore 0:28
    Memorie di voci

    Un intero mondo
    di emozioni
    dentro una voce,
    una storia d'amore
    fatta anche di due voci
    che si aspettano,
    troppi inverni racchiusi
    nel cuore
    per non aver ascoltato
    la sua voce.
    Memorie di voci indifese,
    memorie di voci piene
    di ombre,
    memorie di voci
    che cercano d' intonare
    il proprio canto.
    Scorre, a volte,
    il silenzio con un dolore
    e fluttua un sogno
    senza dormire.

     
  • 18 giugno alle ore 23:51
    Sulle rive di un ignoto mare

    Mi levo da un sogno
    per fare spazio
    ad un sorriso
    troppo spesso affaticato.
    Devo ridare un suono
    a questo sentiero silenzioso
    dove si perdono le parole,
    dove sono cadute le stelle,
    dove il cuore si è frantumato
    e taglienti i cocci
    si sono sparsi e diramati,
    originando follie e fantasmi,
    tempeste e lamenti,
    ma ancora
    naufraga amore
    sulle rive di un ignoto mare.

     
  • 23 maggio alle ore 15:00
    Sagome d'attesa

    Sagome d'attesa
    fuori e dentro le stazioni,
    una partenza,
    un arrivo,
    un viaggio prefigurato
    ed un altro compiuto.
    Binari costanti
    su visionarie terre,
    speranze addolcite
    da floridi luoghi
    e colori palpitanti;
    speranze nell'ombra
    dopo scarni confini divisori,
    speranze dentro
    mani strette,
    senza parlare.
    Sagome all'alba
    sveglie già da ore,
    sguardi nel vento
    di ricordi
    tremante anche di dolore,
    sguardi ancora
    propensi ad amare,
    coraggiosi spiriti
    che inseguono verità
    e che non temono di tornare.

     
  • 18 aprile alle ore 21:25
    La voce del cantante

    La voce
    del cantante
    parla di desideri
    nascosti
    nelle giornate
    di piogge,
    di un addio
    dentro una carezza,
    di cieli
    da cercare
    e terre
    da popolare
    con i sogni
    e le promesse,
    di ombre
    da illuminare
    con il coraggio
    e le alleanze.
    Nella voce
    del cantante
    c'è un risveglio,
    una mano
    che ti accompagna,
    una tristezza
    che rimane,
    l'amore indicibile
    che diviene universale,
    uno sguardo doloroso
    sugli sbagli commessi,
    un candore misterioso
    che sale negli occhi.

     
  • 11 aprile alle ore 23:14
    Prima delle mie lacrime

    Prima che arrivi
    la tempesta,
    baciami ancora
    su questa spiaggia
    dell'anima nascosta.
    Prima che sgretolerai
    i miei sogni,
    raccontami i tuoi.
    Prima che arrivi
    il tempo degli addii,
    illudimi, dicendo
    che non te ne andrai.
    Prima delle mie lacrime,
    cerchiamo di non fingere
    davanti a questo amore,
    proteso verso un cielo
    di solitudine.

     
  • 25 marzo alle ore 16:59
    M'annammurai nu' juorn'

    M'annammurai nu' juorn'
    ca' stev' distratta,
    m'annammurai
    senza pensa' ca' ll'ammore
    chiù s'annasconn'
    se o' guard' buon' n' facc'.
    Rimmanet' sola
    cu' na' freccia dint' o' core
    e o' core ca' cantava
    pur' se facev' mal'.
    Che strana sensazion',
    stu' core nun s'aspettav',
    tremmava annanz' o' sole,
    parlava nata lengua
    ca' nun cunusceva.
    M'annammurai senza capì
    ca' nun s' torn' chiù aret',
    m'annammurai tropp'
    e' nu' suonn'
    ca' teneva dint'
    tutt' a' poesia do' ciel'.

     
  • 14 febbraio alle ore 0:41
    L' ammore coce

    L'ammore coce dint' o' core,
    l'ammore tace quann' ten' paur'
    ca' na' lacrima putess' scennr'
    e fa' capì ogni cos',
    ca' tutt' e' suonn' ormai
    stann' dint' all'uocchie tuoj,
    ca' a' vita è na' cannela spent'
    se tu t' n' vaj.
    L'ammore coce quann' è over'
    e tu o' ssaj buon guagliò
    quann' o' core tremm' e
    ha perz' a' capa.

     

     
  • 11 febbraio alle ore 17:30
    Una fine nello sguardo

    Ho assorbito la notte
    che hai negli occhi,
    misteriosa e con sogni di eternità
    di mille amanti.
    Ho assorbito le stelle
    che intorno a te
    si schierano,
    dichiarando destini incrociati
    per le nostre ombre.
    Ho assorbito l'assenza
    di respiri e carezze
    e carezze di parole,
    che erano per me rinascite,
    lasciandomi una fine nello sguardo,
    la fine di una strada,
    che, ormai, conosce soltanto
    il rumore dei miei malinconici passi.

     
  • 07 febbraio alle ore 15:25
    E compresi il mare

    E compresi il mare,
    quando lontano dalla riva
    ascoltai le parole nascoste
    nella voce delle onde,
    dicevano di perdonare
    l'ostinazione del cuore,
    di lasciarlo libero
    anche di ferirsi e sbagliare
    e silenziosamente vivere
    nei respiri dell'amore
    che il sogno moltiplica,
    inchinando tutti i fantasmi
    e le altre forze,
    a volte anche la morte.

     
  • 07 febbraio alle ore 0:20
    Sei tornato ieri

    Sei tornato ieri
    in un pensiero inaspettato,
    mi eri di fianco
    con la tua sciarpa,
    mentre ti allacciavi le scarpe
    per poi percorrere una strada
    lontana dalla mia,
    ma sei tornato lungo il viale
    dei ricordi
    e di immagini costruite
    con il sale delle lacrime.
    Sei tornato ieri
    con il tuo cielo negli occhi:
    torna ad essere ancora
    l'angelo che mi chiedeva
    il cuore e la voce,
    torna a tessere ancora poesia
    con fili infiammati d'amore
    e stupore.
    Sei tornato ieri,
    ma oggi è dolore,
    aspettando la realtà
    per continuare a vedere
    quel cielo nei tuoi occhi.

     
  • 05 febbraio alle ore 22:51
    Cercavo di non amarti

    Cercavo sogni nelle tue parole,
    mentre mi ferivo
    dentro i silenzi.
    Cercavo i tuoi occhi
    quando ti voltavi,
    cercavo di dimenticarti,
    mentre faticavo
    a non emozionarmi
    davanti al tuo ricordo.
    Cercavo di essere forte,
    ma trovai tutte
    le mie debolezze
    dentro un intreccio di mani,
    cercavo di non amarti,
    ma trovai il cuore
    che aveva già deciso.

     
  • 15 gennaio alle ore 19:08
    Rinasco nel tuo sguardo

    Rinasco nel primo
    tepore del vento,
    nel sogno
    di una terra mistica
    senza più angoli bui.
    Rinasco nel tuo sguardo
    che si avvicina
    al mio dolore,
    rinasco nella passione
    che ho per te
    e per i tuoi occhi
    sapienti,
    rinasco
    sulla tela dipinta,
    in una poesia
    d'amore scritta
    per consolare
    l'evanescenza
    dei tuoi baci,
    rinasco
    in una preghiera
    e in una finestra
    di cielo e bagliore,
    rinasco ancora
    tra la pioggia
    ed il giallo del sole,
    fra le parole
    che si perdono
    fra le silenziose lacrime,
    tra l'asfalto
    ed i passi di ansia,
    che arrivano
    stanchi e felici
    a casa tua.

     

     
  • 21 dicembre 2018 alle ore 12:14
    Poesie per...

    Poesie per dimenticare,
    poesie per ricordare,
    poesie per lenire
    la fame di esistere
    di chi è rinchiuso
    nella sua torre polare.

    Poesie per risvegliare,
    poesie per ritornare a casa,
    dopo mille parole dette
    inutilmente,
    dopo mille passi d'attesa
    sotto la pioggia di ogni stagione.

    Poesie per ingoiare meglio
    le lacrime,
    poesie per ritrovare
    un sogno perso nei buchi neri
    di un cielo di pietra,
    poesie per continuare a credere
    alle stelle di un cielo che,
    infinito, mi parlava di te.

     
  • 15 febbraio 2018 alle ore 18:59
    Una traccia del passato

    Porto nell'armadio
    i miei scheletri
    che il tempo
    non ha rimosso,
    porto un vuoto
    che non va via
    al risveglio,
    porto un fuoco
    che potrebbe
    scaldare
    le fredde stanze
    di un letargo
    che mi ha visto
    protagonista
    senza sogni,
    senza voce,
    senza storia,
    ma con in mano
    una traccia
    del passato,
    una lettera
    strappata,
    un ricordo
    che ferisce,
    una lancia
    che d'amore
    trafigge.

     
  • 20 dicembre 2017 alle ore 21:30
    Una chiave nel silenzio

    In uno sguardo
    la confessione,
    un confine
    oltrepassato,
    una chiave
    nel silenzio,
    un dolore
    addormentato.
    Si riconosce
    il cielo
    e la strada
    di casa,
    si fa vivo
    il coraggio
    o parla
    la paura;
    in uno sguardo
    la solitudine scurisce
    il mondo intero,
    in uno sguardo
    vive l'amore
    imprigionato
    che non si riduce
    e si fa vero.

     
  • 15 novembre 2017 alle ore 18:43
    Nasceranno ancora uomini

    Nasceranno
    ancora uomini
    che aspetteranno oracoli
    dietro i sigilli
    di un cielo muto,
    uomini presenti
    nell'assenza di luce,
    uomini imperfetti
    che perdono i confini.

    Nasceranno uomini
    per popolare terre
    in dissolvenza,
    per nutrire di sogni
    una realtà non finita.

    Nasceranno ancora
    uomini
    che detteranno leggi
    e uomini per ribellarsi
    a voce alta
    con le mani stanche;
    uomini che costruiranno
    templi
    e altri che faranno guerre.

    Nasceranno destini,
    invocazioni
    e poetiche chimere,
    nascerà l'amore
    che vivrà nella malinconia
    di un autunno
    e nel canto di primavere.

     
  • 15 settembre 2017 alle ore 21:26
    Il poeta della notte

    Il poeta della notte
    vive fra l'antica luce
    delle stelle,
    portando
    a spasso
    il suo sogno,
    che di giorno
    lascia a casa
    rinchiuso.
    Il poeta della notte
    scrive memorie
    e silenzi
    nelle parole,
    scrive l'amore
    stringendosi l'anima
    e ascoltando
    il suo dolore.
    Il poeta della notte
    si nasconde
    dietro il sipario
    della realtà,
    inseguendo
    solitario
    la sua verità.

     
  • 23 luglio 2017 alle ore 22:37
    Mi ubriaco

    Mi ubriaco

    per estirpare

    la piaga nell'anima,

    mi ubriaco nella notte

    per dimenticare

    la bellezza solenne

    delle stelle,

    che mi ricorda

    l'amore provato,

    ingoiato

    e dal petto strappato,

    con le sembianze

    di un lutto.

    Mi ubriaco

    di visioni

    apocalittiche

    nascoste

    nelle poesie

    e tra i fantasmi

    loquaci,

    mi ubriaco

    e resto impavida

    nella polvere

    del tempo solitario.

     
  • 14 luglio 2017 alle ore 22:35
    Rinasco nel tuo sguardo

    Rinasco nel primo

    tepore del vento,

    nel sogno

    di una terra mistica

    senza più angoli bui.

    Rinasco nel tuo sguardo

    che si avvicina

    al mio dolore,

    rinasco nella passione

    che ho per te

    e per i tuoi occhi

    sapienti,

    rinasco

    sulla tela dipinta,

    in una poesia

    d'amore scritta

    per consolare

    l'evanescenza

    dei tuoi baci,

    rinasco

    in una preghiera

    e in una finestra

    di cielo e bagliore,

    rinasco ancora

    tra la pioggia

    ed il giallo del sole,

    fra le parole

    che si perdono

    fra le silenziose lacrime,

    tra l'asfalto

    ed i passi di ansia,

    che arrivano

    stanchi e felici

    a casa tua.

     

     
  • 29 maggio 2017 alle ore 18:30
    Scenografie di carta

    Scenografie di carta

    si reggono

    ai miei polsi stanchi,

    in cui fluisce

    un fuoco ancestrale,

    una passione

    che non vuole finire,

    un sogno d'amore

    che ritorna

    a farmi male.

    Scenografie di carta

    per disegnare altre strade

    ed il proprio reame,

    per non vedere

    il pianto del reale,

    per essere guardate

    prima di sapere.