username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

George Orwell

in archivio dal 20 apr 2001

25 giugno 1903, Motihari, Bengala - India

21 gennaio 1950, Londra - Inghilterra

segni particolari:
Il mio nome è lo pseudonimo di Eric Arthur Blair.

mi descrivo così:
Avete mai letto 1984? Troverete lì il vero Grande Fratello!

07 agosto alle ore 18:42

Fiorirà l’aspidistra

di George Orwell

editore: Mondadori

pagine: 283

prezzo: 9.75 €

Acquista `Fiorirà l’aspidistra`!Acquista!

Accade di frequente di trovare, nella produzione di uno scrittore, almeno uno scritto meta-autoriale, ossia la rappresentazione di quanto sia impegnativo, duro e a volte frustrante scrivere per mestiere. Lo hanno fatto, solo per nominare i più recenti, Jack London nel 1909 con Martin Eden, Virginia Woolf nel 1929 con “Una stanza tutta per sé” e persino Alessandro Baricco nel 2011, in Mr Gwyn. George Orwell non è da meno. In “Fiorirà l’aspidistra” (1936) non trattiene le riflessioni di uno scrittore che fa di tutto per boicottare il Sistema, naturalmente boicottando per primo se stesso. Gordon Comstock ha talmente a disgusto il dover lavorare per denaro, che abbandona il suo posto fisso e ne cerca uno che sia non solo umile, ma senza possibilità di carriera. Disprezza il fatto di non potersi dedicare a una sua lunga poesia, che va scrivendo attraverso le sue giornate, perché deve lavorare. Disprezza il circolo vizioso secondo cui, se non può dedicarsi alla scrittura perché ha bisogno di soldi e quindi deve lavorare, allora non potrà giocarsi la possibilità di affermarsi come scrittore. Per ricordarsi di tutta la normalità che odia, si porta dietro un’aspidistra, simbolo, secondo lui, della piccola borghesia, perché dalle case ben sistemate che lui osserva dall’esterno e che gli sembra non poter sognare di avere, “sventolano” queste piante da appartamento, come se fossero bandiere di uno status a lui negato (infatti il titolo originale del libro è “Keep the Aspidistra Flying”, lascia sventolare l’aspidistra). Disprezza tutto questo. Vorrebbe starsene da solo. Ma.

È innamorato. La sua fidanzata ha quasi quarant’anni come lui e appartiene a un ceto leggermente più alto. Sopporta con pazienza e amore i malumori del fidanzato, perché quando ci si mettono, stanno veramente bene insieme. E qui si insinua, prepotente, di nuovo il disprezzo verso il Sistema, perché questi soldi che Gordon non vuole sono davvero importanti e condizionano anche la vita sociale. Lui vorrebbe essere in grado di “fare l’uomo” e offrire una giornata di vacanza alla sua amata; vorrebbe passare del tempo con un amico ma deve rimanere fuori dai pub perché ha i soldi contati. E così via. 

Gordon Comstock sprofonda in un’amarezza autoinflitta sempre maggiore. 

La sua caparbietà subisce però un duro colpo. A un certo punto si trova a dover uscire dal suo ego e a distogliere l’attenzione dai suoi propositi. Gordon Comstock si trova a dover scegliere tra la sua guerra personale e l’Amore. E qui, d’improvviso, spunta fuori un Orwell che non ci si aspetta.

recensione di Cristina Mosca

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento