username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 24 set 2017

Laura Lapietra

02 maggio 1980, Bari - Italia
Mi descrivo così: Amante dell'arte in tutte le sue forme e colori.

elementi per pagina
elementi per pagina
  • 30 dicembre 2021 alle ore 16:20
    Anno Nuovo Vita Nuova

    Anno Nuovo Vita Nuova Nasce dal grembo dell'esperienza il mio precetto quest'oggi nella sua lezione alle perle di sudore! Bottino astratto agrodolce trasmutato in una nuova giara di saggezza da adagiare e custodire lungo il boulevard di rose di rovi del mio sentire a senso unico! Mentre spirano addosso le vecchie cellule al sapor di accaduto che una storia a suo tempo ha creato lungo andando per la mia inesplicabile via per aggiungerla nel bagaglio della vita di quest'anno che nel suo addio mi accarezza l'anima adiaforo galoppando mentre mi lascia incotrastato a passo lento! Ma che non porterò mai nel futuro mescolando quei tralci della antica vite colti con mani fertili coi frutti acerbi che maturi diverranno al tempo del suo reale, sotto al ciel propizio delle opportunità da cogliere con mani di speranza affinché il vino vecchio non si mescoli col vino nuovo! Poiché di acre terra infeconda è la sua sintesi ormai nello spartito del passato della mia anima che vuol cantar solo Oro e Argento da partorire sulla soglia del nuovo anno in cui rinasco ritemprandomi nel suo rigenerante riproduente volto dai sui multiformi colori mentre intingerà ancora la mia vita oltre al grigio della cenere di cui il mio cuor si specchia nella pozzanghera del controvertibile per riflettere brillante come fiore di loto nel futuro sognante di questo nuovo anno che mi attendete e che blanda ammaliata fiduciosa abbraccio nel rammentare il vecchio detto dei miei avi Anno nuovo... Vita nuova! ©Laura Lapietra 30/12/2021

     
  • 21 dicembre 2021 alle ore 14:58
    Anima Di Rosa

    Anima Di Rosa Sospira nello stupore l'anima di donna che si specchia nell'adagiare il suo cuore sui pelali vellutati di rosa, e come luce di brina gaia rifulge d'immenso amore per l'effondersi nell'atmosfera assieme a lei, per quel suo effluvio di primavera romantica quando abbraccerà il tempo in cui si rispecchierà rivelandosi verosimilmente identica a lei, un'anima di rosa dal monstre incanto nel rubino vellutato che bacia lievemente la sua guancia!

     
  • 16 dicembre 2021 alle ore 16:43
    Utopie Sgretolate

    Utopie Sgretolate Esigue utopie come rocche di sabbia dorate sul palmo della speranza si sgretolano allo sbuffo avverso del vento importuno al loro sbocciare in quella realità che scalfisce lieve i loro sogni, poiché di ovattata fralezza son le loro fondamenta! E come stelle cadenti sboccheranno disperse e morenti in nuovi paesaggi di altre dimensioni disegnate con calce e indaco a forma di frammenti composti in aghi astratti per ferire il cuore portando via con sé l'argento sciame non variegato di sabbia lucente nell'anima. E come polvere di stelle pennellate di acre balioso nel disincanto di quelle sconfitte quando impotenti a svelarsi nudi per essere rischiarati e ammirati come gemme dischiuse sul ramo sapiente di una molteplice speranza poliedrica in tutte le sue stagioni nel lungo andare della vita nella realtà, che vuol parlare al futuro auspicando il sereno celeste possa proiettare meteore a forma di chimere tra le mie mani proteste a riceverle esaudite. ©Laura Lapietra 14/12/21

     
  • 12 dicembre 2021 alle ore 18:42
    Destini Incrociati

    Destini Incrociati Sguardi che si incrociano e occhi che si fondono, emozioni che assalgono il cuore e voci che tremano ma non per il freddo ma per la scossa del cuore, quando urla l’amore che divampa i sensi. E poi baci che non finiscono che in un tramonto di un nuovo orizzonte, ove i sogni si disperdono nelle folate di vento estivo. All’improvviso tutto arriva per poi andare via più in fretta di come è arrivato, in quegli abbracci che sanno toglierti il respiro e morirci dentro! Sarà colpo di fulmine che irrompe e brucia forte più forte di un incendio, ma assomiglia più ad una prigione da cui l’anima non potrà che richiederne che l’ergastolo d’amore per liberarsi per sempre da ciò che brama, più di qualsiasi altro sentimento per poter vivere. E poi la fine vite che riprendono il loro cammino, sguardi che si scontrano, dissapori che si mescolano, voci che assumono tono autorevole sulla resa dei conti, e poi distanze, distanze sotto tutti i punti di vista per poi finire lontani, dispersi dove ogni lume di comprensione ormai ha consumato la sua luce nella calma del disinteresse. Cosi all’improvviso, tutto arriva per poi andare via, più in fretta di come in realtà è arrivato sfiorando l’irreale passione. ©Laura Lapietra

     
  • 03 dicembre 2021 alle ore 16:27
    Poesia Haiku

    Lisi dai nembi - stille con aster scialbe schiudon cieli bui

     
  • 30 novembre 2021 alle ore 17:04
    Ricameró

    Ricameró Ricameró amore nel tuo cielo affinché tu possa ammirarlo con occhi nuovi, lucidi pieni di luce nella speranza, sotterrando sotto il selciato della triste amarezza la delusione, che ti ha ferito lasciandoti sanguinare l'anima umiliata dal gelo della sua scia sulla tua pelle. Ricameró amore nelle pareti della tua anima per regalarti il sorriso sulle tue labbra assetate di quelle parole, che scaldano il cuore pregno di lacrime che or sono. Ricameró sulle tue mani il mio nome affinché tu possa ricordare che i miei occhi non vedono che te, riflesso nei miei sogni! E se fosse necessario ricameró il mondo intero col suo firmamento solo per poterti rendere felice, solo per poterti vedere felice!

     
  • 25 novembre 2021 alle ore 20:21
    La Spada Del Diavolo

    La Spada Del Diavolo La violenza è una spada avvelenata d'odio nella mano del diavolo con gli occhi bui, trafigge il cuore oltrepassando l'anima facendola sua vittima prediletta uccidendo con inaudita ferocia e gelosia inarrestabile la sua sensibilità umana affogandola nel sangue per vendetta, gettandole addosso la sua melma contorta, e il dolore che ne cagiona perpetuerà per sempre in quelle cicatrici mute che non tutti gli occhi sanno percepire in quelle paure che partoriscono angosce ogni giorno, e lacrime asciutte e segrete in ogni angolo della vita! Ricorda che seppur sorridono e scherzano tra la ressa nelle strade del mondo non dimenticheranno mai di essere vittime innocenti guardandosi allo specchio del passato che per loro non passerà mai, ma non te lo confideranno mai per essere compatite poiché non ne hanno bisogno! Rivogliono solo quello che gli è stato privato e calpestato, la dignità di essere fiori con le loro essenze profumate nell'espressione di essere semplicemente donne!

     
  • 19 novembre 2021 alle ore 16:11
    Speranza

    Speranza I miei occhi soffrivano al riverbero spento riflesso nello spazio dello specchio dei miei giorni in questi astratti istanti che incorniciano le mie assenze nelle immersioni oscure delle apprensioni di amare! Speranza non affievolirti ai livori del tempo, non sfiorire i tuoi sogni alla risma dei sentimenti appassendo il tuo sguardo fulgido quando inarcato nei sorrisi lustri pieni di luce, in quelle baldanzose movenze riverse nelle rosee speranze! Ma no, la tua mano non mi lascerà lacrimare nel mare delle scure amarezze spegnendomi al gelo dei fallimenti e dei tramonti delle paure, poiché sei spirito puro in autentici essenze lucenti, riflessi nell'amore per cui vivi! Nitida nel tuo mistico, viaggi a cuor sincero nell'anima di chi ti respira benevolmente! Folle nella tua convulsa frenesia d'adagiare l'ancora dei sussulti nel fondo della risolutezza! Viaggia nei cicli del tempo, e attraversa la mia anima poiché parte di te è il nocciolo del mio essere. Oh mia speranza, inarcati ancora sul volto del mio cuore e lasciati riflettere nei miei occhi affinché possa sentirti viva e autentica in chiunque mi guarderà parlandomi di te con assoluta esperienza! Oh dolce speranza risorgi audace e sfavillante ma con blande braccia cullami soverchiando fiducia nel mio cuore pronto a riceverla, lasciandomi rifiorire ancora corolla d'amore nel cuore di chi mi ama, profumandolo in ogni angolo di vivida gioia coi miei petali colorati che delicatamente, incanterà chi mi incrocerà.

     
  • 15 novembre 2021 alle ore 13:05
    Amanti Noi

    Amanti Noi Lene il suo giuncare la mia pelle con le sue trepidazioni come drappi di luce d'estasi sparsi dappertutto su di me a tinteggiarmi d'ambra, oro pregiato per i suoi occhi all'imbrunire della sera! E una florida carezza madreperlacea su cui adagiare il suo cuore accanto al mio cinse l'incanto che il tempo sprigionava senza una clessidra a suggerirci una fine! Flamine era l'immensità della voce del suo sguardo quando mi parlava a suon di liuto al chiarore delle stelle nascenti nell'indaco di quel turbamento che desiderava agghindarmi di sol di porpora e coralli da accostare tra i petali di rose e i diamanti con cui adularmi in quei suoi baci d'amore, brillantini sulle mie labbra timide nella bramosia! Ove far scivolare ogni desiderio delicato quanto profondo in fondo alla mia anima come gocce di glicine in grappoli penduli ad addolcire i miei occhi, per dissetare i miei sensi rapiti dal suo culto imperante! E come farfalle bianche che si librano in ogni direzione nel mio essere ammaliato in quell'incontro sublime in piena di letizia e di sussulti in quei sussurri luminosi e incandescenti vibravo armoniosamente, mentre pervadevano nelle nostre sensazioni e nelle nostre parole quelle non dette, ma dettate dalle nostre mani intrecciate pronte per accogliere e allacciare un unico abbraccio eterno ove fermare il tempo, il dolce sentire delle nostre pelli, I nostri corpi recitare poemi intrisi di passione nella danza della dolce voluttà! Amanti noi... In una notte già vissuta, cadde una stella, sotto lo sguardo pallido della luna piena di miele, un desiderio in un unico destino, nasce l'amore etereo nell'eterna atmosfera! E quella fresca folata di venticello che disegnava le nostre pelli scoperte senza arrossire al pudore, adagiate sulla calda terra della natura sotto le folte chiome degli antichi ulivi, mi spogliava dai miei ultimi petali multicolori di quei fiori che coltivavi unicamente per me, affinché il tuo calore d'amore mi coprisse il cuore fin quando l'alba non ci guardasse sorpresa coi suoi primi raggi di sole alla luce di questo mondo non giudicandoci amanti segreti di un ardore, che si consuma con l'eccitazione di una piccola eternità in un momento fra tanti che decanta passione al firmamento, ma semplicemente chiamandoci urlandoci, Amore! E non... Amanti noi in questo nostro amore, un amore che vive e che ama solo per amore!

     
  • 11 novembre 2021 alle ore 12:30
    Ricordi Di Te

    Ricordi Di Te Guardo l'orizzonte mentre muore il sole nel seno del mare, e un gabbiano quasi mi sfiora il ricordo che tra la sabbia disegno con malinconia, quel tuo nome che amo accanto al mio nel cuore della vita, ma un'onda bagna i miei nudi piedi e ritiratosi nel suo immenso blu porta via con sé il mio ricordo mentre penso, mentre ti penso... E penso che fin quando sarai nel mio di cuore, nessun'onda, nessun'altra emozione, nessun'altra persona può distoglierti dai miei sentimenti cancellandoti via dal mio cuore, poiché in essi vivrai sempre!

     
  • 08 novembre 2021 alle ore 15:32
    Novembre

    Novembre Timido come un bambino il sole sbircia dietro alle nuvole che si prendono per mano come sorelle amiche, a formare un'unica lastra di marmo grigio perla che si specchia sul volto pallido e silenzioso del lago adagiato ai piedi di questa collina dalle tinte aranciate nei suoi rossori più intensi, mentre salutano il nuovo giorno che nasce, quando calmo se ne sta nella sua eterna posa in quel sonno delle prime ore dalle tenue luci di questo mattino. Lui, indeciso se sorridermi e scaldarmi coi sui luminosi raggi o imbronciarsi versando le sue lacrime capricciose sul mio capo, il mio sole oggi non sa imporsi beffeggiandosi indisturbato del mio intimo! E imbroglione è quel vento fresco e scherzoso che si innalza avanzando da lontano a risvegliare le folte chiome degli alberi che ondeggiano distratte come una danza spasmodica a sciogliere le loro foglie rivelandole bronzate nel fruscio della loro inconfondibile voce, un dialogo comprensibile per l'anima pregna di sensibilità accentuata nella meditazione di un cuor profondo che sa percepire quei segreti dell'essere spirituale della natura del mondo, raccolto nella preghiera protesa all'ascolto, senza un rosario in mano. E i fili d'erba del mio giardino che i miei occhi intravedono non hanno più quel peculiare profumo dei loro fiori ad adornare quei loro movimenti sereni ad allietare l'anima mia nei giorni che verranno, e l'eco del cuculo che risuona nell'aria è lontano, è altrove, si farà attendere ancora, dopo il freddo, dopo la pioggia, dopo la neve, dopo i camini accesi con la sua legna e le caldarroste, e le corte giornate intorpidite dal cattivo suo umore, dopo le serate chiuse in casa in compagnia e non, solo allora lo sentirò cantare al cuore riportando la primavera nelle mie narici. Ricordavo poi trasognante in frammenti di nostalgia la mia antica betulla triste e gialla nella caduca dei suoi innumerevoli sorrisi quando accarezzava lieve le mie gote di adolescente, baci autunnali! Quella che regnava una volta nell'altra mia casa, quella di una volta. Formidabile nel suo abito color giallo brillante mesto a oro vivido in quegli autunni che si ripetevano nel ciclo del tempo, e questo è uno di quelli! Come starà!? Il mio sorriso è uno scolpito malinconico nel segreto ricordo del mio essere nel volo della reminiscenza, la rivedrò serena nel sogno agghindare la sua criniera di verde vellutato a primavera, e sarà ancora lontana, dovrà aspettare perché prima dovrà indossare il suo solito lucido argento, per poi essere grigio con lenticelle orizzontali, lei mia confidente che mi ha visto piangere, gioire, e aver mal di pancia! Nel sole, nel vento e sotto la pioggia del giorno e della notte, ripenso a lei e penso che è solo novembre, dietro la finestra ove il suo vetro non riflette l'espressione dei miei sogni e ricordi, ma solo il mio volto perso e condizionando dai rivoli del tempo, forse. La mia dolce micia dal pelo lungo e bianco mi fa le fusa, e come per incanto mi risveglio con lei in braccio in un appagante sussulto, e fiduciosa guardo il presente nella stanza della mia casa, tra le mie cose e i miei affetti, confidandole a gran voce guardando nell'azzurro dei suoi occhietti, che è solo novembre, nel muso lungo plumbeo del sole che oggi ha tutta l'aria di non voler splendere nella sua bella posa lì in alto oltre il coro delle nubi in quel rombo di tuono che ha appena emanato. Or piove a dirotto e sono solo le otto, ma in cuor mio sono serena dentro!

     
  • 06 novembre 2021 alle ore 19:15
    Incantesimo

    La magia di un incanto nasce spontaneo come un fiore afrodisiaco nel cuor intriso di passione, offerto sul vascello d'amore quando naviga a gonfie vele per i mari delle emozioni colmo di scintille e voluttà da consacrare sull'altare dell'amore nell'isola del cuore, tra le braccia della vita verso chi si ama! Quel ti amo sussurrato ai quattro venti originando uragano in paradiso sceso in terra, sol per noi bramanti d'amore che a fior di baci suggella il tempo del suo ardore, per non essere mai dimenticato nell'abissale incantesimo che ci lega fuori dal mondo!

     
  • 04 novembre 2021 alle ore 15:37
    I Tuoi Occhi

    I tuoi occhi non brillano di quella luce di cui io ho bisogno per sentirmi stella divina, la tua voce non scalda e non brucia come il fuoco che arde la sua legna consumandola del tutto nella sua brace fervente, e io semplicemente non sento il tuo amore sotto pelle a farmi rabbrividire il cuore coccolandomi nei suoi vezzi! Semplicemente non sento in te la mia vita, il mio cuore che t'appartiene con tutta me stessa! I tuoi occhi non brillano come quelli miei, quando ti affacci nel mio animo per guardarmi trasognante d'incanto. Semplicemente non mi ami come ti amo io!

     
  • 02 novembre 2021 alle ore 15:25
    Poesia Tanka

    brezza d'amore nel cuore vivi sempre mia primavera - aurora senza fine nel cielo del mio cuore

     
  • 29 ottobre 2021 alle ore 16:57
    Angelo Radioso

    Angelo Radioso Brillano le melanconie vive in questa sera dai malesseri di un cuore trafitto dai dispiaceri, e tristi ormai sono gli effluvi che ne respira l'anima ai ricordi del bel tempo, con te...dolce presenza dove carezze e sorrisi sospirati nell'anima, si mescolavano tra i silenzi e le profonde parole taciute ma profondamente sentite nei teneri abbracci dentro nel cuore nei desideri che resteranno lì immobili, paralizzati, dove non potranno mai più realizzarsi a colpi di battiti di cuore, quel cuore ora ormai piangente, il mio, in questa livida sera inconsolabile! E in quei ricordi che ormai vaganti nel vento dei sentimenti aleggiano in questo tempo che mi investe colpendomi alle spalle, gelandomi il respiro! Morsi nella notte mi infliggeranno mentre tenteranno di approdare sui terreni fertili della mia fragilità, pronta a sprofondare per non combattere lucida, ma insistenti e prepotenti nel porsi soli, quei morsi di dolore solo per tentare di afferrare anche ormai l'inafferrabile, i ricordi d'amore di una figlia, la tua. Solo per tentare di riabbracciare nei segreti profondi chi, ormai con un paio d'ali ha vestito il suo essere, per esser oltre la terra della mia vita diventando Angelo Radioso! Solo per riabbracciare chi, ormai non c'è più, ma quel flusso d'amore che ci ha legati, potente e sconfinato sigillato nel profondo dell'essere mio, vivrà per sempre! Solo unicamente per esso, un ricordo dolce che ha combattuto per tutta la sua vita e tanto amato la sua famiglia nel suo meraviglioso animo radioso come un angelo sempre allegro silenzioso, tanto umile nelle sue malinconie, senza far pesare mai a nessuno le tristezze dell'anima sua sensibile, proprio come me! Nel cielo del mio cuore, riposerai e sorriderai sempre, libero dal male che lentamente ti ha divorato le viscere e la luce dei tuoi occhi, e tu in silenzioso ti spegnevi nei tuoi sguardi consapevoli che quel mostro presto ti avrebbe strappato dalle mie, dalle nostre braccia impreparate e impotenti, ma mai dal mio cuore, dal nostro cuore. E io caro dolce papá ... Ti avrò sempre dentro di me e ti amerò per sempre, non salutandoti mai con un addio ma con un"Arrivederci" in quella certezza vera in cui noi abbiamo salda fede, che un giorno ritorneremo a essere nuovamente insieme per sempre nel verde giardino della pace, eterno regno celeste sempre radioso come te.

     
  • 25 ottobre 2021 alle ore 16:19
    Parodia D'Amore

    Sensuale il suo sorriso
    sotto ai suoi occhi
    pronti a divorarmi
    in un sol boccone!

    Invitante per la mia brama
    di assaggiare il suo collo
    dopo le sue labbra,
    per fondergli il mio calore
    intriso di pura passione
    quella che sapeva accendere
    nel fondo del mio essere.

    Un lampo d'insana follia
    avvolge i nostri sensi infuocati
    nel limbo dei sussulti e carezze esplosive,
    che perlustrano quei segreti svelati
    ai nostri occhi accecati
    dalla voglia di sospirare
    quel che si pretende
    con foga intinta di spudorata dolcezza!

    Ed è magia pura
    nelle contorsioni dei corpi
    pronti a riceversi
    per poi lasciarsi andare
    per riallacciarsi formando un unico cuore,
    un cuore che pulsa,
    un cuore che brucia,
    un cuore che si vive,
    un cuore che respira,
    un cuore che si ama!

    E tutto il mondo intero
    gira intorno a noi
    nella notte che ci lega
    nel letto dell'amore etereo,
    sotto le lenzuola dai petali di rose
    che hai preparato per me al lume di candela!
    Sotto le brillanti stelle
    quelle che scintillano
    dai gemiti d'amore
    che decantano all'universo intero
    questa nostra parodia d'amore!

     
  • 24 ottobre 2021 alle ore 18:44
    Haiku D'autunno

    pedro violetto fecondo nel suo tino- nasce buon vino

     
  • 13 ottobre 2021 alle ore 16:15
    Essenza Di Poesia

    Poesia, essenza linfatica che si libra nel sentimento quando tinteggia con l'inchiostro dell'anima quell'emozione sulla pergamena del tempo, trascrivendone le sue sfumature nel cuor sensibile pregno di ancestrali antichi in cui risvegliare i suoi origgini in chi è solerte al suo sentire. O genuinamente dar tono a quella blanda ventata di imperturbabilità, invocando e decantando ogni forma d'amore senza cessare mai il suo flautato passo nel labirinto del cuore, incline ad abbracciare tutta la sua immane immensità per respirarla estasiati dalla sua sconfinata magia quando si eleva nel nocciolo dell'essere

     
  • 11 ottobre 2021 alle ore 16:09
    Preferisco

    Preferisco Preferisco piangere sola perché ho imparato a stare sola, da molto, molto, molto tempo, nascosta dietro ad una grande nuvola lì, lassù nel cielo al riparo e lontano da tutti perché non ho bisogno di loro, non ho bisogno di loro, ma voglio il sole in faccia che mi scaldi l'anima, voglio il brivido nel cuore per sentirmi viva, voglio la gioia per essere vera, voglio i fiori tra le mani per sentirmi bella come loro, Voglio le stelle per brillare più di loro, voglio l'avventura che mi porta lontano, voglio il mare per perdermi dentro, e poi voglio voglio abbattere questo muro di malinconia sconfinata che mi rende debole e fragile quando mi imprigiona nella sua fredda gabbia, senza una chiave che mi possa far uscire! Ma preferisco non dire nulla, chiudere gli occhi, le braccia, le labbra, e il cuore, perché fa male perché soffro perché è così, e non so perché! No non è pazzia, ma è una sensibilità senza fondo che mi rende schiava del suo sentire, ed io non posso far altro che sentirne tutto il suo peso, tutte le sue vicissitudini, anche se fa male perché fa soffrire e per questo preferisco piangere da sola nascosta, dietro ad una nuvola lì, lassù nel cielo lontano da tutti da sola con me stessa, l'unica che può capire, l'unica che sa ciò che non capirà mai nessuno e perché.

     
  • 11 ottobre 2021 alle ore 14:41
    Come l'onda del mare

    Il mio amore è come l'onda del mare, quando è più forte ti divoro nella passione che mi susciti mosso dalla voluttà che soffia nelle vene, quando è più calmo semplicemente ti ammiro, bella come sei sabbia dorata tra gli scogli dei tuoi dubbi, ma non dimenticare mai che fin quando esisterà il mare sulla terra anche l'amore profondo che io nutro per te, come esso abiterà sempre nel mio cuore sulla faccia della terra

     
  • 07 ottobre 2021 alle ore 16:02
    Bugia D'amore

    Bugia D'Amore Ti ho adagiato piano delicatamente nella vetusta bugia d'oro che ho meticolosamente conservato a lungo nel fondale del mio cuore. Affinché tu potessi fare, luce eterna come una candela d'amore che arde il suo fuoco non estinguendolo mai, per me. Affinché il suo olezzo magia fragorosa per il mio essere emotivo al suo sentire, possa diventare mausoleo d'eternità per me. Per rammentarlo nei cicli dei tempi, per te. Affinché questo amore divenga una fulgida ineguagliabile, bugia d'amore! Che possa mutarsi in una dolce perla nella sua verità, unica nel suo vibrare, unica nel suo vivere.

     
  • 06 ottobre 2021 alle ore 15:17
    Haiku D'autunno

    fronda bronzata orna il selcio scevro - caduca secca

     
  • 27 settembre 2021 alle ore 16:59
    Segreto D'amore

    Segreto D'amore Sorrido a fior di labbra, di colorata emozione! Ed è una lene poesia stampata sull'indole del mio cuore, una briosa gioia racchiusa in una goccia di pura rugiada, che gaia e fioca posata lieve sui petali dei miei sentimenti fioriti, mi inducono in un bel stupore che tinteggia con subissi di sogni che investono la mia anima tenera e delicata, con un vortice di melodiosa passione in cui mi perdo a occhi arresi, per rapire il mio sentire, privandomi del respiro, per poi esprimere questo nuovo sentimento attraverso le mie sensazioni, che resteranno solo mie. Oh illumina, seppur minuscola come sei fresca rugiada tanto bella e profonda, il mio blando cuore tremante e impaurito al sol scoprire, l'amore che non confesserò mai alla luce del sole! Ma lo custodirò nel segreto, nelle viscere della terra dove il fuoco antico della vita non possa mai estinguersi. E con esso anche il fiore dell'amor segreto, che curo per te! Sorrido, tra le sincera lacrime che per te in silenzio dono alla notte insonne, per concepire con la fantasia inventando i colori del tuo bel viso quando esprime il tuo cuore, per farsi ammirare dolcemente arrossendo io a mia volta al sol pensiero, che non sarai solo illusione. Disegnando nella memoria i tuoi occhi belli che sanno guardare con sensibilità oltre l'oltre, sognando la tua voce che sa parlare d'amore in quella lingua creata da puri sentimenti, e le tue mani, oh le tue mani che saprebbero dare fregola e riparo in quel conforto magico alle mie mani, così incerte e vaganti donandomi un autentico brivido di felicità, lasciandomi fluttuare d'amor in esso. Ma, chimera sarai e resterai tu per me, poiché troppo piccola io son per te mentre tu, troppo grande sarai e resterai per me, ma nel nome del mio cuore prostrato per te ti amerò in segreto, in disparte per sempre! E tu, non lo saprai mai. Resterò all'ombra della tua ombra nascosta intimidita, velata nella nostalgia di quell'incantevole malessere che ha come nome il tuo bel nome! Un bacio del cielo che non pronuncerò mai. Ma, che resterà scolpito per sempre tra le pareti del mio essere adorandoti come una croce di salvezza, anelandoti come una goccia di salvezza, ambirandoti come una corda di salvezza, quando sarò sola in balia della mia sconfinata malinconia per rievocare dentro me, che solo tu sei riuscito a incastrarti perfettamente con le tue inesauribili note dedicate al mondo dei sensibili, negli interstizi delle mie percezioni fondendoli interamente, con l'oro del tuo nobil animo per elargire fino nell'intimo del nocciolo di ardimento mio, Ia gemma preziosa del cuore, il mio amor per te! E sarà segreto per sempre, finché quel mondo racchiuso nel mio petto esisterà nel seno della mia vita che pulsa emozione per te in ogni istante che la mia anima ti amerà, in quel bellissimo segreto d'amore, resterà per sempre. Sarà sogno supremo. Splendi in eterno mia dolce rugiada d'amore e fammi vibrare ancora ammirandoti da lontano, nel silenzio di un bellissimo segreto, e sarò tua per sempre.

     
  • 24 settembre 2021 alle ore 17:15
    Non Dimenticare Mai

    Non Dimenticare Mai Non dimenticare mai quella lanterna preziosa che per illuminare il tuo cuore un giorno primaverile ti donai, riscaldando con l'essenza del mio essere il grigiore dei tuoi giorni all'ombra della tua tristezza, non dimenticarmi. E non dimenticarmi, quando mi volterai le spalle chiudendo gli occhi al passato, e soffiando sulla sua fiamma spegnendo quell'amore per la quale hai vissuto una nuova stagione colma di pace, brio e felicità che ti hanno salvato dalla fossa interiore ove hai sepolto tutte le tue speranze nel dolore assordante della caparbia rabbia, nella quale affogavi te stesso, ed io ti ho soccorso come un angelo custode! Non dimenticare che, nella scoperta delle nuove emozioni che or colmano il tuo cuore colorandolo di nuove tonalità dettate dall'istinto imprevedibile che gonfia il tuo volere come una mongolfiera in fiera, lo lasci volare alto nella volta celeste della tua anima che credevi persa nelle acque immote, intorpidite dai vecchi tormenti che affliggeva il giardino secco della tua terra fatta d'anima opaca e sola sbiadita nei lamenti dei tuoi stridori, l'abbandonasti senza scrupoli, ed io la trovai come una rosa nel mare in piena tempesta, curando la sua essenza da tutte le sue cicatrici, leccando le sue spine non curandomi di ferirmi insieme a te! Ti prego, non dimenticarmi mai in un'altra occasione che or ti rapisce lontano senza conosce il suo bene nel suo miele, anche se il suo di sapore è amaro al mio palato mentre assaporo il dolore delle mie lacrime d'addio che mi hai lasciato come crisantemo alla sua tomba per commemorare quel che fu , non dimenticare mai, ti prego, ciò che è stato fatto per amor per te perché la luce puoi anche spegnerla tu, ma l'essenza dell'olio magico creato dal vero amore non te lo donano mai tutti devotamente solo per te, e or ormai mi basta sol questo. Non dimenticare mai.

     
  • 22 settembre 2021 alle ore 16:47
    Kiss Me

    Kiss me Baciami. Baciami con tutto l'amore che ti esplode nell'anima, Baciami fino a quando la notte incontrerà le prime luci dell'alba, baciami con tutto te stesso! Avvolgendo d'invidia le onde del mare che tentano di separare i nostri corpi abbracciati e sospinti dalla bramosia di passione l'uno verso l'altro! Baciami, baciami intensamente fino a sputare l'anima dal cuore. Kiss me, my love Kiss me, forever! Fino a quando resisteremo in questa tempesta d'amore travolgente e passionale come non mai. Kiss me, forever. My love, fino a dimenticarci che non siamo fatti solo di carne e ossa, ma solo di anima e amore! Solo venustà ed emozione, solo cuore e sensazione. Kiss me, solamente fino a quando il cuore batte come un tamburo pazzo! Baciami amore mio, baciami fino all'ultimo verso d'alito che ci rimane. Kiss me, forever my love! E sarà immensurabile sentimento che brucia nella voglia di amare. kiss me è sarà per sempre amore vero il nostro, oh dolce my love!

     
elementi per pagina
  • 07 maggio 2021 alle ore 14:00
    Mamma

    Come comincia: Mamma, la più bella parola del mondo, la più bella parola d'amore che possa mai esserci, un'infinità di significati profondi racchiusi in un'unica persona lei dolce profumo indimenticabile che sa di giardino di rose fiorito nell'anima del nostro destino che sa di vita vera, e ancora molto molto di più e amore puro, autentico, indescrivibile! Colei che ad un semplice sguardo fuggente del proprio figlio risponde con un bacio caldo nelle sue carezze più sentite, colei che vorrebbe stringere forte al suo petto trattenendo nelle sue braccia per sempre l'unico tesoro importante, e che per esso darebbe la propria vita ma a sua volta trova la forza nel dargli una spinta e dirgli "Vai!" solo per il suo bene. Colei che sbaglia ma per troppo amore, in lei la tenerezza delle sue effusioni da donare nella sua sensibilità, quel bacio della buonanotte nella quiete del silenzio che il sonno trasmette, colei che nelle notti insonne non conta le ore ma i respiri del proprio figlio, dolce mano che dona sicurezza incoraggiando nei passi della vita la forza dell'avventura in ogni circostanza, quel rifugio e conforto sicuro nelle lacrime delle delusioni che si incontrano inevitabilmente nel camino. Saggia educazione nello spirito introducendo e proiettando nel mondo il cuore che cura amorevolmente in quello che è la realtà, e mentre veglia incessantemente tenendosi da parte mentre tutto vede ma nel contempo tace, soffre ma sorride trovando il tempo per mille lavori per il benessere del proprio figlio non curandosi di chiedere in cambio un semplice "Grazie". Con grande tenacia non molla mai la presa, anche quando sommersa da grandi sacrifici! Auguri mamma, auguri per quello che rappresenti per l'amore che sai mantenere e dare senza sosta, senza riserve! Auguri per te mamma, che non ti risparmi mai, auguri speciali a te nel giorno della tua festa, tu che conosci fino in fondo nel profondo del tuo cuore l'emozione di cosa vuol dire davvero essere e sentirsi chiamare mamma. Auguri a te che non fai mai pesare l'importanza che rappresenti in famiglia e nel mondo, ma che vuoi essere fin in fondo da quando hai deciso di esserlo, per scelta e per amore!

     
  • 28 aprile 2021 alle ore 20:13
    Il Contadino Dell'Anima

    Come comincia: Il Contadino Dell'Anima Il Contadino lavorava costantemente la sua amata terra però le sue mani non erano mai sporche di terriccio, poiché esso curava il giardino del suo cuore affinché nè errori di parassiti nè falle di pericolose intemperie potessero contaminarlo fino a trasformarlo in aride zolle senza sentimenti! Non aveva timore che le più gravi siccità potessero essiccare il nocciolo della sua coscienza, perché di luce delle proprie lacrime colme di pure emozioni che nascevano dalla foce del cuore sensibile alle percezioni della vita, irrigava quel suo giardino dagli alberi adorni di frutti profumati e deliziosi al sapore delle sue opere! Non temeva neppure i suoi convicini quando nelle loro schernie beffeggiandolo con sguardi austeri provocavano la sua dignità nella sua pazienza lenta all'ira, ma larga alla perseveranza del perdono! Amava contemplare il suo faustello nel segreto del suo essere, lavoro fatto con passione non per essere realizzato davanti agli occhi degli uomini, neppure per sé stesso, ma solo davanti allo sguardo di Dio! No, non era un santo era semplicemente un uomo che sceglieva ogni giorno di percorrere la strada della vera saggezza per amore della pace nel bene dell'umanità! Non considerava mai contando le cadute che non erano mai troppe, e neppure le vittorie che egregiamente raggiungeva, gli ostacoli che aveva imparato a scavalcare poiché nonostante fosse un buon contadino che amava prendersi cura del terreno della sua anima affinché fosse sempre fertile e feconda all'insegnamento del suo Signore, era anche un bravo e onesto soldato che senza lamentarsi per la troppa fatica sapeva combattere ogni giorno per il suo raccolto affinché fosse sempre prospicuo non per gli occhi degli uomini, né per sé, ma per lo sguardo di Dio! Era semplicemente uno in mezzo a tanti con una salda volontà votata e riflessa all'immagine e somiglianza di Dio, quel Dio che non amava a parole poiché fin troppo spesso e facilmente quelle volano via nel vento col tempo, ma amava col cuore e con l'anima attraverso le sue gesta vera essenza gradita che eleva ogni angelo figlio di Dio nel suo di giardino, per abitarvi per sempre circondato dalle sue di meraviglie in una particolare situazione di non più contadino ma concittadino in quel regno che solo i veri valorosi soldati della pace e dell'amore del bene, sanno meritare fin da questa terra! Terra che fin troppe volte sporca le mani inquinando l'animo col suo terriccio sterile e avvelenato dal male, che incontrastato contamina chi lo sovrasta! Ogniuno di noi è fondamentalmente contadino nella vita, se sa essere un vero soldato nelle battaglie tra il bene e il male sul suolo del giardino dell'anima, e il suo olezzo è nella volontà delle nostre mani, a noi la scelta se renderle pulite o sporche colme di fango! No, non per gli occhi degli uomini, né per sé stessi, ma solo per lo sguardo di Dio che non tutti sanno accettare e amare nella propria vita, no non a parole, ma con le gesta dell'anima l'essenza del cuore quando vive la pace di essere figlio di Dio.

     
  • 27 aprile 2021 alle ore 12:32
    Inquietanti Passi

    Come comincia: Inquietanti Passi All'improvviso il rumore della porta d'ingresso la fece sobbalzare dai suoi sogni che la trasportavano lontano nel tempo, quegli interminabili tuffi dell'anima nei ricordi del passato, quando l'amore era ancora in fiore nella sua vita sotto un bel ciel sereno senza nubi in circolo illuminato dal suo raggiante sole, quel che fu il suo adorato e perfetto uomo! Quando quella porta si chiuse con un click lasciando dietro di sé un'incessante pioggia di pieno inverno, in un pomeriggio decisamente rigido, Lisa trasalì per l'improvviso accaduto e di certo non si aspettava che qualcuno potesse varcare la soglia della porta di casa sua da padrone, un attimo dopo dal corridoio giunse un consistente rumore di stivali tipo alla cowboy sul pavimento di legno massello di un'abitazione dallo stile rustico ma romantico , che accoglieva intimamente chi vi entrava in quell'atmosfera calda e rassicurante in cui sentirsi a proprio agio in quell'ambiente confortevole e genuino nella sua semplicità. Mentre lei era ancora inchiodata sul divano in pelle di bufalo color marrone sulla quale era adagiata per potersi leggere in pace il suo libro preferito, e non mancava molto per terminarlo solo altri due capitoli , sì chiedeva chi potesse essere nel lasso di tempo in cui le mancavano alcuni battiti di cuore a dar vita alla giovane donna, soprattutto quando riuscì a concepire chi poteva aver potuto aprire la porta di casa sua con un mazzo di chiavi, poiché due erano le copie e quella mancante dall'appendichiavi da parete era in possesso del suo.... O meglio ex Leo. "Impossibile!" risolse scioccamente fra sé, i passi si fermarono per qualche istante all'altezza della camera da letto come se cercassero qualcuno o qualcosa di fortemente intimo e personale, poi ripresero a gran passo spediti verso il salotto quando nel contempo Lisa dopo che la paura iniziò a padroneggiare intrufolandosi nelle sue vene inducendo il suo respiro ad affannarsi, di scatto si alzò lasciando scivolare via dalle sue mani il libro che con cura maneggiava, e guardandosi intorno con un bel nodo in gola tinto di paura cercava un qualcosa da usare come arma di difesa, e il suo sguardo non mancò più di un minuto a posarsi non molto lontano, cadde su un vaso cinese che poco c'entrava con l'arredo di casa, lo afferrò sensa esitazione in gran fretta per poterlo spaccare addosso all'agressore, certo perché questo credeva la povera Lisa mentre fissava il vaso che tempo addietro gli aveva regalato il suo Leo, in un viaggio d'amore in Cina.Era certa che stesse per accadere l'impensabile per lei, doversi difendere da un ladro per direttissima adoperando la violenza che odiava da morire! E quando la presenza inquietante non era ancora nel raggio visivo della donna, quest'ultima era già pronta per scagliarsi di sorpresa al visitatore, ma ecco che all'improvviso il suono rauco della voce di Leo, si proprio lui in carne ed ossa di fronte a lei diede timbro vocale diffondendosi per tutta la stanza, fecendo si che il vaso cadde per terra frantumandosi in mille pezzi, piuttosto che addosso all'ospite indesiderato! Lisa fece per gridare colta da assordante sconcerto e attonimento mesti a tanta stizza e disappunto, incorniciati da una rara emozione che mozzava l'aria impedendo di respirare liberamente, ma proprio in quel momento la collera ebbe il sopravvento su tutto quel grosso groviglio di sentimenti. Esplose verbalmente punendo severamente chi di certo non avrebbe voluto vedere dinanzi a sé, soprattutto senza alcun tipo di preavviso! Ma Leo non si scoraggió, anzi al contrario deciso come non mai prese coraggio accorciando la distanza che separava i corpi dei due ex amanti, e con un sol saldo abbraccio cinse la vita di lei attirandola a sé contro i suoi possenti pettorali, stringendo quel corpo esile e delicato per sentire quel contatto fisico, quel contatto di cui Leo aveva bisogno poiché gli era mancato da morire, e che aveva sognato di riavere ogni notte trascorsa senza lei. Racchiuse quell'impulso naturale in quel momento con un'unica parola, la sola che poi riuscì a pronunciare dato che anche in lui l'emozione si faceva sentire nel profondo inducendolo a dirle "Ascoltami! ". I loro occhi si incontrarono, serrati e lucidi in preda all'imprevedibile, vi susseguì un momento muto in cui Leo ricordando rammaricandosi in cuor suo per come l'aveva bruscamente accusata nella maniera più cruda, poiché lei in passato aveva accusato Leo di averla tradita con Sandra un'amica di famiglia di vecchia data, difatti Lisa mancò di fiducia verso Leo ingiustamente però, mandando all'aria il loro rapporto felicemente consolidato, diversamente dal canto di Leo che si dichiarava innocente e fedele solo a lei la sua unica gioia, sostenendo sempre che in realtà erano stati vittime di un crudele e freddo tranello teso da Sandra, l'eterna falsa amica dalla faccia pulita e dal cuore sporco di nequizia.Infatti era segretamente innamorata di Leo sin da bambina e non sopportava l'idea di vederlo felice accanto ad un'altra. Infatti tentò di distruggere la loro relazione seminando zizzania tra loro riuscendoci alla grande raccogliendo i suoi frutti, separazione, lacrime e dolore! Finalmente recentemente Leo era venuto a conoscenza della verità grazie alla confessione della medesima, l'autrice di quella trappola tesa alle loro spalle poiché il rimorso fece capolino nel suo minuscolo impassibile cuore!Proprio lei Sandra, che fu complice di chi originó quella telefonata anonima fatta a Lisa la quale lasciava intendere che vi era tra i due una relazione segreta ed era giusto che Lisa ne venisse a conoscenza, e quando fu il momento di affrontare Sandra a viso scoperto per un confronto, Sandra non negò anzi al contrario affermò colma di gelosia e invidia mascherate a dovere, che era tutto vero, ferendo a morte Lisa! A nulla servirono le parole di Leo per difendersi da quello che accadde in seguito alle rivelazioni che vennero alla luce dei fatti, e per salvare la loro storia tentó di tutto ma trovó solo un muro insormontabile da abbattere, Lisa non gli credette e si sfiló l'anello d'oro coi diamanti per lanciarlo dalla finestra, che gli fu regalato dal suo fidanzamento ufficiale con Leo, lanciandogli contro inoltre tutto il suo disprezzo! Ed ora che anche Lisa sapeva tutto, lentamente si spoglió di quello che la sua amareggiata anima vestiva e non appena fu completamente priva da ogni sentimento di rabbia, delusione e rancore, esplose di gioia incontrollata e i suoi occhi si illuminarono come stelle scintillanti per la consapevolezza che il suo Leo non l'aveva mai tradita, ma allo stesso tempo soffriva perché all'epoca non gli aveva creduto! Il calore dei loro corpi si fuse in un solo abbraccio sprigionando tanta tenerezza in quelle lacrime liberatorie, che oppressatamente aspettavano di scivolare copiose sui loro visi inarcati da sorrisi di pura gioia, per poi guardarsi scrutandosi negli occhi per dichiararsi tra mille infiniti emozioni che facevano a gara per esprimere tutto l'amore che provavano, tra i nodi in gola per la troppa letizia che impedivano quelle parole mancate da troppo tempo a dar nota d'amore, anche se era passato solo un anno ma per loro era un secolo! I loro cuori pulsavano amore allo stato puro, le loro carezze si fecero più intense esplorando ogni parte del corpo e il loro ardore sempre più marcato nei loro animi in preda al turbamento, che impaziente divampava consumandosi in quei baci così profondi e passionali quando tremava il suolo sotto i loro piedi, o meglio, erano loro tremanti soggiogati dalla sensualità dei movimenti dei loro corpi ormai riscoperti l'un per l'altro, per ripromettersi ancora una volta in quelle parole magiche che le loro orecchie finalmente quasi incredule potevano riascoltare tra infiniti brividi e trepidazioni, che esalavano dal cuore inducendo ambedue a gridare quel "Ti Amo" tanto sospirato a polmoni pieni sull'apice della loro passione che sigillava il loro tempo col loro sentimento ormai riconsolidificato , firmando la loro storia nel filmato del loro destino nuovamente intrecciato sulla pelle delle loro vite, per non sciogliersi mai più!

     
  • 20 aprile 2021 alle ore 14:29
    Ambigue Speranze

    Come comincia: Ambigue Speranze Il suo respiro si fece affannoso, mentre dentro di lei un panico sempre più intenso faceva a gara di intensità con un'incredulità istupidita, sapeva che a breve l'avrebbe incontrato dopo quel brusco litigio che determinò la loro separazione. Ma l'idea di poter rivedere i suoi occhi scuri e riascoltare la sua profonda voce, le faceva traboccare il cuore d'amore sul suolo d'asfalto! Per non parlare della voce grondante dal cinismo della sua coscienza che le martellava continuamente la mente, urlandole che sarebbe stato un'incontro puramente spinto dalla pietà di lui unicamente per potersi lavare la coscienza, per averle tanto onta nella sua irruenta impulsività, ma mica per regalarle delle rose rosse e profumate come segno di pace, e anche se fosse stato così sarebbero state delle bellissime rose tempestate di spine pungenti, a farle sanguinare nuovamente le sue emozioni.Non le restava altro che attendere quel momento cinta di ansia che le fuorisciva da tutti pori della pelle, e abbracciare ciò che il destino serbava in seno ancora una volta per lei.

     
  • 19 aprile 2021 alle ore 20:37
    Tradigione

    Come comincia: Tradigione Riversa sul pavimento di marmo di marquina, lei in cuor suo era consapevole del dolore sordo che la stava lacerando l’interno del nocciolo del suo essere, così profondo e delicato quanto immenso da perdersi dentro volutamente, e con gli occhi gonfi bagnati dalle copiose lacrime che le rigavano le rosse gote inflitte dal dolore angoscioso, fulminó rapidamente con lo sguardo respirando a fatica col petto stretto nella nella morsa del duolo, quella foto che ritraeva chi fino ad un’ora prima rappresentava tutto il suo mondo. Maledicendo quell’immagine sgualcita dal calore delle sue mani infuocate dalla rabbia, e dal freddo sudore che il suo corpo emanava tremando come se il suolo fosse colto da una scossa tellurica lasciando vibrare tutto ciò che vi era sovrapposto. Strappò con violenza incontrollata quell’immagine come se volesse sfregiare il ricordo di quello che fu origine in lei di tanto amore, per poi riversarlo in chi sapeva concepire dentro di sé quelle emozioni senza eguali, per effondere il cuore di chi la sapeva ancora far sgorgare acqua d’amore che nasceva spontanea da un profondo intaglio in una cresta fatta di cuore, affinché il suo corso di sentimento che dissetava la sua anima s’immettesse nel mar profondo bruciante d’ardore, abbracciando e inebriando in ogni parte il suo amato. Ma ormai consumato e prosciugato dalla delusione di un tradigione compiuto senza rimorso, quell’oceano di passione si trasformava in un vuoto di animosità che pacatamente colmerà con nuovi impulsi inclini alla fiducia verso qualcuno, ed ora non vi era intorno a lei che una fievole speranza nell’oscurità dei suoi triboli, di riuscire ad accartocciare tutto il suo corruccio per rialzarsi lentamente raccogliendo la sua dignità per farne perno per il suo invigorire interiore.Affidó il suo cuore al tempo affinché cura vi possa trovare nelle sue sagge braccia, per ottener sollievo da quel lamento disperso sotto le ali della solitudine, per amore. ©LAURA LAPIETRA

     
  • 23 marzo 2021 alle ore 21:21
    Il Cavalier Covid-19

    Come comincia: Il Cavalier Covid-19 Leggero e invisibile nemico silente avanzi nelle nostre vite senza bussare alle porte dei nostri cuori, i sentieri sono afflitti dal pianto e lo stridore dei denti ora è malinconica melodia che aleggia nelle nostre menti dove ogni nostra fiducia si scioglie nel fango delle tenebre nel momento in cui si spegne pian piano la vita segnando i tristi destini irrimediabilmente in chi ha perso la battaglia, e non restan altro di loro che un numero che li identificano nelle memorie di quel registro ospedaliero segnato con l'inchiostro della necrosi. Dimmi chi sei veramente? Per lungo e in largo le tue scure orme hai impresso nelle nostre anime, lacrime amare a sorpresa ci hai lasciato e lene speranze accendi negli angoli delle nostre case a riscaldarci di gelida psicosi fasciata da inquietudine. Dimmi chi sei veramente? Dimmi chi sei veramente?! Ferrigno e ben corazzato percorri la tua redola senza considerar la fragilità della nostra vita. Dimmi chi sei veramente? Dimmi chi sei veramente?Ma sappi o guerriero di questo tempo così periglioso di cui vuoi intingerlo di dolore che spacca le viscere della pace, noi uomini donne e bambini siamo una umanità dalla quale di tutto puoi privarci tranne la speranza che mai nessuno può estinguere sul volto della terra, ossia quell'amore immenso per la vita che mai nessuno potrà placare, neppure dopo la morte. Ma non si può neppure restare indifferenti allo sguardo del male quando ci sceglie sue predilette vittime, non puoi non tentare di osteggiarlo poiché è in noi la fiamma della folgorante speranza mentre ci indica la strada della sua espugnazione. Lui scenderà e scaverà fino in fondo al nostro più remoto essere per provarci e stancarci fino all'estremo, ma risaliremo se sapremo esser previdenti e circospetti in ogni sua mossa perché di pura speranza è formato il nostro plasma mentre scorre positivo nelle vene. Lui invece così forte e superbo si fa sentire nell'anima quando i suoi abbracci avvolgono la vita dalla sua crudele morsa per farci suoi martiri nel suo preciso obbiettivo di defraudarci dagli affetti più cari, dai sorrisi sinceri di chi amiamo debellando nell'intimo quanto è più prezioso per la nostra vitalità, protraendoci nel tunnel del supplizio ove non molte anime sapranno combattere le sue insidie. Sarà dunque una gran lotta e su una gran moltitudine di gente la sua ombra estenderà diventando loro imponente patrono, ma mai nel loro e nostro cuore noi che ancora siamo al sicuro! Perché proprietà sublime di quella luce fatta di vita ossia l'immortalità della speranza dentro l'anima che resterà in eterno in noi. Dunque dimmi chi sei o guerriero salito dall'inferno col mantello fatto di particelle untuose e avvelenate che al tuo scuoterlo ci allontani dalla libertà sconvolgendo ogni nostra libera scelta e stile di vita! Dillo chi sei perché noi ci siamo identificati! Ma sappi anche che sulla tua meditata rivincita su noi, sappi che saremo più preparati che mai a giocarci la partita perché incredibilmente audaci saremo nella vittoria, e finalmente tu sarai Covid-19 nella scaletta dei sconfitti e archiviati negli scaffali delle memorie del tempo di questo mondo per sempre.

     
  • 19 maggio 2020 alle ore 16:06
    Il Sole Dopo L'Oscurità

    Come comincia: Di giallo dorato splende nell'anima ad ogni ora di ogni bel mattin, raggiante e pago senza mai slittare in quei crepuscoli che ottenebrano la ponderatezza. Nel tempo impestato ha fortificato i suoi rilucenti albori nella scia del suo sentiero per essere cardine reale. E nelle anime dei sensibili fiorile e autentico accarezza dolcemente le loro emozioni, elargendo calore fiorito. Ma semmai incappasse nei cingi del tramonto, incanto intenso traspare per il mondo intero e fieramente lieto se ne sta. Non vi son più antiche livide nubi ad offuscare la sua brillantezza né plumbee tristezze a velare la sua essenza, poiché il cuore quando salmodia calorosamente alla vita che germina di entusiasmo lo si percepisce oltremondo e il suo eco si rigenera fra i pendii del tempo in eterno.