username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Laura Lapietra

in archivio dal 24 set 2017

02 maggio 1980, Bari - Italia

mi descrivo così:
Amante dell'arte in tutte le sue forme e colori.

29 ottobre alle ore 16:57

Angelo Radioso

Angelo Radioso Brillano le melanconie vive in questa sera dai malesseri di un cuore trafitto dai dispiaceri, e tristi ormai sono gli effluvi che ne respira l'anima ai ricordi del bel tempo, con te...dolce presenza dove carezze e sorrisi sospirati nell'anima, si mescolavano tra i silenzi e le profonde parole taciute ma profondamente sentite nei teneri abbracci dentro nel cuore nei desideri che resteranno lì immobili, paralizzati, dove non potranno mai più realizzarsi a colpi di battiti di cuore, quel cuore ora ormai piangente, il mio, in questa livida sera inconsolabile! E in quei ricordi che ormai vaganti nel vento dei sentimenti aleggiano in questo tempo che mi investe colpendomi alle spalle, gelandomi il respiro! Morsi nella notte mi infliggeranno mentre tenteranno di approdare sui terreni fertili della mia fragilità, pronta a sprofondare per non combattere lucida, ma insistenti e prepotenti nel porsi soli, quei morsi di dolore solo per tentare di afferrare anche ormai l'inafferrabile, i ricordi d'amore di una figlia, la tua. Solo per tentare di riabbracciare nei segreti profondi chi, ormai con un paio d'ali ha vestito il suo essere, per esser oltre la terra della mia vita diventando Angelo Radioso! Solo per riabbracciare chi, ormai non c'è più, ma quel flusso d'amore che ci ha legati, potente e sconfinato sigillato nel profondo dell'essere mio, vivrà per sempre! Solo unicamente per esso, un ricordo dolce che ha combattuto per tutta la sua vita e tanto amato la sua famiglia nel suo meraviglioso animo radioso come un angelo sempre allegro silenzioso, tanto umile nelle sue malinconie, senza far pesare mai a nessuno le tristezze dell'anima sua sensibile, proprio come me! Nel cielo del mio cuore, riposerai e sorriderai sempre, libero dal male che lentamente ti ha divorato le viscere e la luce dei tuoi occhi, e tu in silenzioso ti spegnevi nei tuoi sguardi consapevoli che quel mostro presto ti avrebbe strappato dalle mie, dalle nostre braccia impreparate e impotenti, ma mai dal mio cuore, dal nostro cuore. E io caro dolce papá ... Ti avrò sempre dentro di me e ti amerò per sempre, non salutandoti mai con un addio ma con un"Arrivederci" in quella certezza vera in cui noi abbiamo salda fede, che un giorno ritorneremo a essere nuovamente insieme per sempre nel verde giardino della pace, eterno regno celeste sempre radioso come te.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento