username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Laura Lapietra

in archivio dal 24 set 2017

02 maggio 1980, Bari - Italia

mi descrivo così:
Amante dell'arte in tutte le sue forme e colori.

12 aprile alle ore 16:16

Elisir Di Una Madre

Si addormenta delicatamente il tuo cuore sul mio animo emozionato, e il tuo dolce respiro si confonde col battito del candore della mia sensibilità. Or sogna dolce angelo gentile, affinché tra le mie braccia materne culla sincera puoi trovar per il tuo succedere nell’avvenire, che il destino ti ha preordinato. Or sogna dolce angelo innocente, che tra le mie braccia ristoro sicuro puoi trovar per la tua consolata tranquillità. Or tutto tace, ma il rumore è assordante quando nella quiete mi converto alla tua dolce presenza, puro dono prezioso disceso dalle mani di Dio per dilettare i miei giorni intrecciati coi tuoi. Or tutto tace, ma il rumore è assordante quando nell’auspicio di un nuovo domani tra i tafferugli delle incertezze si fanno strada paure, e monili di gioie vere da portare orgogliosamente sul cuore nella via della vita, mentre intessono quel tuo futuro che un giorno vivrai solo con le sole tue forze rendendoti uomo fra la ressa indifferente del mondo. Sogna oh puro e limpido angelo mio, serafico e chiaro nella tua ingenuità inconsapevole lasciati cullare dall’amore della tua mamma, tuo inconfondibile inestimabile mantello d’oro che eternamente proteggerà la tua essenza vitale su questa terra tra le tempeste e soleggiate della realtà, che la vita stessa ti preparerà come una beffarda ragnatela su cui lottare incessantemente per potersi salvaguardare. Ma or sogna figlio mio affinché il tempo faccia il suo percorso in te, oh sincera speranza del mio cuore. E sogna dolce angelo mio, il tuo mondo che verrà. ©Laura Lapietra

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento