username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Lora Boccardo

in archivio dal 29 giu 2015

04 marzo 1948, Torino - Italia

segni particolari:
Nessuno

mi descrivo così:
Scrivo per piacere personale. Non ho quindi una biografia in questo senso e non ho mai pubblicato niente, tranne che sul mio profilo di Facebook nelle "note".

20 marzo alle ore 19:10

Io, Isotta e La Totta

di Lora Boccardo

editore: Amazon KDP

pagine: 372

prezzo: 13.00 €

Acquista `Io, Isotta e La Totta`!Acquista!

I racconti di Lora Boccardo sono un concentrato di ironia, arguzia, sensibilità e forza d’animo.
Diviso di in tre sezioni, il libro si apre con una storia “non classificata”: la storia vera dell’autrice, raccontata in poche pagine e densa di significato. Una storia che con semplicità ci fa entrare in un mondo dove il sorriso e le battute sono la facciata felicemente leggera di una profondità d’animo che conquista.

La lettura scorre piacevole tra episodi di vita vissuta e racconti di fantasia, scritti con uno stile diretto, privo di artifici eccessivi ma che dimostra la capacità di scrittura di chi, dai pensieri di ogni giorno, riesce a tesserne una trama letteraria.

Storie che fanno ridere e riflettere, raccontate con leggerezza anche quando affrontano tematiche di dolore, sofferenza e, a volte, sfortuna. Come quando la tempesta si accanisce contro una quercia, che le scompiglia i rami nel vento eppure resta saldamente ancorata al suo esistere. Racconti di addii (“Quando muore la mamma”), di pause (“La vestaglia rosa”) di arrivi si alternano a situazioni paradossali e buffe (“A proposito di ferie”), storie d’amore di altri tempi che ci portano in fughe adolescenziali, gite fuori porta e classici equilibri tra uomo e donna. Così come tra oggetti di uso comune che, grazie alla fantasia dell’autrice, hanno un nome e un’esistenza propria. E sarà curioso scoprire chi sono Isotta e La Totta!

A fine lettura viene di chiamarla per nome, quest’autrice. Quando chiudiamo il libro e lasciamo riposare la compagnia delle “Pennellate di vita”, Danilo, Rosaura e tutti i personaggi delle Favole, restiamo soli con Lora, come fosse una nostra amica da tempo. Un’amica che ci risolleva il morale quando siamo sottotono, che ha sempre un sorriso e una risata da darci, una lezione di vita impartita con leggerezza o una battuta divertente come solo la spontaneità sa fare. Una forza nascosta più potente di ogni immaginario, capace di andare oltre le pagine e restarci addosso nella vita reale.

recensione di Federica Ciccariello

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento