username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Lora Boccardo

in archivio dal 29 giu 2015

04 marzo 1948, Torino - Italia

segni particolari:
Nessuno

mi descrivo così:
Scrivo per piacere personale. Non ho quindi una biografia in questo senso e non ho mai pubblicato niente, tranne che sul mio profilo di Facebook nelle "note".

22 dicembre 2015 alle ore 21:40

Il dono

Intro: Racconto natalizio un po' fantasioso e un po' vero.

Il racconto

Quando Viola aprì la porta della cantina si sentì persa. Davanti a lei si presentò una montagna di cose accatastate, disordinatamente e senza un senso logico. Niente che potesse far capire cosa contenessero scatoloni, sacchi neri, e qualunque altro contenitore. Davvero una caccia al tesoro, anche perchè lei non si ricordava più, negli anni, cosa avesse portato lì. L'importante era sempre stato togliersi di torno in casa quello che pensava non le sarebbe servito più. Ma mettere ordine in cantina era qualcosa che era stato sempre rimandato ad altri momenti. Bene, adesso era arrivata l'ora della resa dei conti, perchè il trasloco imponeva di provvedere subito a svuotare. Solo pronunciare la parola "trasloco" la faceva rabbrividire. Non aveva immaginato di dover affrontare un altro trasloco nella sua vita. Le era sembrato tutto così definitivo fino a poco tempo prima, e invece, all'improvviso, il cambiamento. Bisognava traslocare. Sospirò, chiedendosi da che parte incominciare. Spostò qualche scatola e raggiunse il vecchio baule verde con le borchie cromate. Vide che c'era un po' di ruggine intorno alle serrature a scatto. Chissà se sarebbe riuscita ad aprirlo. Ci si sedette sopra e pensò: ecco, adesso sono nel bel mezzo del caos. Che differenza di sensazione: avere il caos di fronte appena aperta la porta le aveva procurato angoscia. Ora, seduta sul baule, si sentiva parte del tutto, e a suo agio. Cominciò a incuriosirsi, come se lì dovesse esserci qualcosa di sconosciuto, di sorprendente, di inaspettato. Non ricordava neppure cosa contenesse il baule. Si alzò e cercò di distaccarlo un po' dalla parete perchè il coperchio rimanesse verticale nel caso fosse riuscita ad aprirlo. Era davvero pesantissimo. Non fu facile, ma, insistendo, le serrature scattarono e il coperchio si alzò. Oh, ma certo! "La Settimana Enigmistica". Quante ce ne potevano stare in un baule? Decine, centinaia? Mah, comunque era pieno fino all'orlo. Viola abbassò il coperchio e si sedette di nuovo. L'emozione era forte. Il passato l'aveva schiaffeggiata all'improvviso. Nelle orecchie la voce di Gianni:
"Non le buttiamo, mi raccomando, perchè se un giorno dovessi ammalarmi e rimanere a lungo in un letto, potrò completare tutti i cruciverba che adesso non ho tempo di risolvere. E anche tutti gli altri giochi."
Viola aveva riso.
"Che assurdità. E secondo te, dove dovrei tenere tutti questi giornaletti?"
"Mah, non so. C'è un baule in casa, mettili lì dentro."
"Parli seriamente? Davvero devo conservarli? Credevo scherzassi."
Ma non stava scherzando, e Viola aveva cominciato a gettare nel baule tutte le "Settimana Enigmistica"
Il destino grazie a Dio non aveva costretto in un letto Gianni per una lunga malattia, ma se l'era portato via anche troppo presto. Era morto di infarto in pochi minuti, inaspettatamente.
Viola, la faccia appoggiata alle mani, lasciò che le lacrime scendessero liberamente, e quando le lacrime diventarono singhiozzi, non fece nulla per ricacciarli indietro. Per qualche minuto la disperazione si impadronì di lei, lasciandola stordita e svuotata di emozioni. Gianni, Gianni, il suo Gianni, l'amore della sua vita, il compagno di ogni giorno per così tanti anni. Le parve di sentire il calore delle mani di lui sul viso. Col respiro intermittente, quasi soffocante, ascoltò il dolore che le attraversava il petto, mai diminuito, mai accettato, finchè il dolore uscì dalle sue labbra sotto forma di urlo soffocato.Allora, passandosi le mani fra i capelli, si ricompose: pensò che doveva reagire con forza. Adesso doveva affrontare il trasloco, l'abbandono della casa che tanto amava, un futuro incerto, sconosciuto, che le faceva paura. Inoltre il Natale si avvicinava, come sarebbe stato triste quest' anno! Lei aveva pregato l'incaricato della banca affinchè fosse rimandato il tutto all'anno nuovo, soltanto a gennaio, non più tardi. Non aveva ottenuto nulla. Le sarebbe piaciuto trascorrere ancora un Natale nella casa, soprattutto per sua figlia. Dopo che erano rimaste sole la loro vita era diventata difficile, in discesa verticale. Non solo Gianni non c'era più, ma con lui era svanita ogni sicurezza finanziaria, ad un certo punto Viola era stata costretta ad indebitarsi e trascurare le rate del mutuo, fino a perdere la casa. Non era rimasto tantissimo da dare alla banca, tanto era stato già versato. Era assurdo perdere la casa così, ma non era riuscita ad ottenere nessun tipo di prestito.
Seduta sul baule Viola pensò a sua madre. Era stata da lei pochi giorni prima.
-Mamma, non puoi aiutarmi?
La madre aveva preso al volo l'occasione per rinfacciarle l'incapacità di gestirsi che aveva dimostrato negli ultimi anni.
-Non posso aiutarti, ma anche se potessi non lo farei. Non lo meriti. Non hai saputo gestire te stessa e neppure tua figlia. L'avevo sempre detto che non vali nulla, e appena tuo marito se n'è andato con Dio, hai dimostrato esattamente quello che mi aspettavo.
Viola non aveva neppure tentato di spiegare a sua madre che era tutto molto più complicato di come lo vedesse lei. Aveva alzato le spalle in silenzio, non aveva neppure voluto darle la soddisfazione di discutere con lei. Se n'era andata. Mentre sbatteva la porta di casa di sua madre si era chiesta fino a che punto le volesse bene, e fino a che punto la odiasse, evitando però di darsi una risposta. Quanti progetti, quanti sogni svaniti nel nulla!
Con la testa fra le mani Viola pensò che era ora di mettersi al lavoro, la cantina andava svuotata, inutile stare lì a crogiolarsi nelle malinconie e nei rimpianti.
-Mamma!
La voce di sua figlia la raggiunse all'improvviso.
-Sono qui, in cantina, vieni giù.
La sentì scendere per le scale di corsa e pensò a quanto fosse piena di vitalità e di allegria sempre, nonostante tutto.-Mamma, cosa fai qui in cantina?
-Chissà cosa! Non ti ricordi che dobbiamo traslocare? La cantina va svuotata.
Intanto Viola mostrava alla figlia il baule pieno di "settimana enigmistica".
-Pensi che possiamo gettarlo così, pieno di giornaletti?
-Figurati mamma! Non è neppure possibile sollevarlo, così, ma non preoccuparti,  ci penso io a svuotarlo, anzi lo faccio subito, dammi solo qualche sacco di plastica, parecchi, perché non posso appesantirli troppo.

Viola racattò tutti i sacchetti di plastica presenti in casa e li diede alla figlia, poi si sedette sulla vecchia poltrona in cucina, il primo pezzo di arredamento che lei e Gianni avevano comprato insieme. Non avevano neppure ancora la casa, ma quella poltrona li aveva affascinati subito. Lui nel negozio si era seduto per "provarla" e aveva trascinato lei sopra di sè. Avevano riso come bambini ed anche il negoziante era stato indulgente di fronte alla loro felicità. E poi erano riusciti a ottenere il mutuo e acquistare la casa. Il giorno che avevano presso possesso della casa avevano affittato un furgoncino e portato la poltrona nella nuova casa. Non c'era nulla, solo quella poltrona e il letto matrimoniale. Per terra valige aperte, masserizie appoggiate dappertutto sui pavimenti, e loro due, con tutta la tenerezza e l'amore che provavano reciprocamente, divertiti dall'allegro caos che li circondava, pronti a sfidare il futuro con il loro entusiasmo e la gioia di vivere.
Viola pensò che non fosse il momento di commuoversi, c'era sua figlia, e non voleva in alcun modo turbarla. Le aveva raccontato quanto l'amore verso suo padre fosse stato grande e ricambiato, ma ormai la realtà aveva preso il sopravvento, lui non c'era più, e loro dovevano fare i conti con un futuro che certamente non avevano immaginato.
Decise di andare in cantina ad aiutare la figlia, ma proprio in quel momento...
-Mamma!  Vieni giù, vieni giù subito.
Viola corse giù per le scale allarmata dal tono agitato della figlia.
-Mamma, qui in mezzo ai giornali ci sono dei cilindri di cartone, pesanti.
Col cuore in gola Viola ne prese uno in mano e lo aprì: sterline d'oro.
Con la voce tremante chiese alla figlia quanti cilindri ci fossero: ce ne sono dieci, mamma.
Dieci! e in ognuno venti sterline!
Viola in un attimo capì che i suoi problemi non esistevano più, e cominciò a singhiozzare senza potersi trattenere, e cominciò a pensare, a ricordare. Perché, perché non lo sapeva?
La sua mente tornò a quel giorno, il giorno terribile della morte del marito. Era rientrato a casa prima, e lei stava uscendo per andare a fare la spesa.
-No, non uscire adesso. Adesso ho bisogno di parlarti, è molto importante. Devo darti una bella notizia, ma ci vuole una bottiglia speciale. Vado in cantina a prenderla, aspettami!
Gianni era sceso in cantina, lei era andata in sala a preparare i bicchieri, incuriosita e contenta, ma lui dalla cantina non era più tornato. Ad un tratto un tonfo per le scale, un fracasso di vetri rotti, e lei col cuore in gola che correva, in tempo per vederlo riverso sulle scale, ormai senza vita.
Il dolore aveva soffocato tutto il resto, lei non si era mai più chiesta cosa dovesse comunicarle Gianni quel giorno. Ormai, quale importanza poteva avere, qualunque cosa fosse!
La figlia adesso la guardava interrogativamente, ma Viola non aveva risposte, poteva soltanto raccontarle ciò che ricordava, e immaginare che Gianni quel giorno non aveva solo preso una bottiglia speciale, ma  era riuscito finalmente a tramutare in risparmi il sudore della sua fronte, e il baule aveva raccolto e conservato il segreto che lui non aveva fatto in tempo a condividere con la moglie.
Arrivò Natale, nella casa tutta illuminata. L'albero splendeva al centro della sala, profumo di arance e vaniglia si spandeva e catturava l'olfatto. Quando suonò il campanello di casa, Viola e sua figlia si scambiarono uno sguardo di rassegnazione prima di aprire la porta.
-Sarò curiosa di sapere come te la sei cavata questa volta!
Ma Viola, forse per la prima volta nella sua vita, aveva deciso che non si sarebbe confidata con sua madre. Si amavano? Si odiavano? Pensò che non aveva nessuna importanza, comunque era sua madre. La strinse in un abbraccio sincero.
-Buon Natale, mamma.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento