username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Lora Boccardo

in archivio dal 29 giu 2015

04 marzo 1948, Torino - Italia

segni particolari:
Nessuno

mi descrivo così:
Scrivo per piacere personale. Non ho quindi una biografia in questo senso e non ho mai pubblicato niente, tranne che sul mio profilo di Facebook nelle "note".

08 luglio 2015 alle ore 20:27

INCANTESIMI

Il racconto

Stamattina sono uscita presto perchè ho scoperto che non lontano da casa mia c'è un supermercato in cui, la domenica mattina, frutta e verdura sono offerti a metà prezzo. Essendo Paolo un roditore compulsivo di verdure crude, ho pensato bene di farci un giretto. Credevo aprisse alle otto e trenta, invece no, di domenica l'orario di apertura slitta di mezz'ora. Mi sono messa a camminare per le traverse lì intorno. Le traverse di Torino che si incuneano geometricamente una nell'altra, dove neppure una come me senza il minimo senso dell'orientamento può perdersi. C'ero solo io a camminare accanto alle auto parcheggiate, se non avessi indossato scarpe da ginnastica avrei potuto udire il rumore dei miei passi sull'asfalto. Nessuno in giro, e un silenzio così innaturale, tanto raro da ascoltare in città! Ho avuto la sensazione di essere l'unica persona rimasta al mondo, in pace, che tutto andasse bene, che tutto andasse davvero bene, nessun pensiero negativo, nessuna ansia: io e il mondo, deserto, disabitato, incontaminato. Ma intanto i minuti passavano, e i quarti d'ora, ed ecco le prime persone a passeggio col cane, la prima accelerata sgommante a ferirmi l'udito, i primi due anziani ad accaparrarsi il tavolino migliore fuori dal bar, già in pieno dibattito su qualunque argomento. Che tenerezza! Però l'incantesimo era finito. Ma ne cominciava un altro: quello della gente in mezzo alla gente, di questa umanità a volte così mediocre, meschina, crudele, e a volte così estaticamente eccelsa, quasi divina, o forse proprio divina. Le prime voci attraverso le finestre, il sorriso e due parole con la signora col cane, perfino la sgommata, tutto ha un suo perchè e fa parte di un insieme in cui io sto molto bene, a mio agio, sempre. Menomale che non sono l'ultima persona rimasta sulla Terra, menomale che faccio parte di un'umanità così grandiosa, incredibile, sorprendente, irripetibile. 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento