username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Lorenzo Spurio

in archivio dal 28 giu 2012

11 maggio 1985, Jesi - Italia

mi descrivo così:
Lorenzo Spurio (Jesi, 1985) si dedica alla narrativa: racconto breve e saggi di critica letteraria. E' l'ideatore e il gestore unico di Blog Letteratura e Cultura dove pubblica commenti, testi, recensioni e saggi. Lì alla voce "Chi sono" è presente la sua bibliografia.

23 febbraio 2015 alle ore 10:21

Neoplasie civili

di Lorenzo Spurio

editore: Agemina Edizioni

pagine: 72

prezzo: 8.50 €

Acquista `Neoplasie civili`!Acquista!

Ho letto con molto interesse la prima silloge poetica di Lorenzo Spurio, scrittore e critico letterario che, dal 2013 ha iniziato a scrivere anche in versi e, devo ammetterlo, questa "Neoplasie civili" non sembra una silloge di esordio, in essa si nota già uno stile originale e personalissimo; evidentemente Spurio ha riversato tutto il bagaglio di scrittore nella sua poesia. Abbiamo quindi, una poesia di riflessioni, di pensieri, di indagine; già il titolo "Neoplasie civili" è tutto un programma: poesie-“neoplasie” che, come tumori in metastasi vogliono erodere l'indifferenza verso i mali del mondo, perché di poesia civile scrive il poeta in questa silloge. Dalla prima “Giù la serranda”, immedesimandosi in chi vuol chiudere gli occhi di fronte al marcio lì fuori (“La sommità d'un capannone d'eternit/ mi squadrava sospetta.// L'intonaco fradicio dalla recente pioggia/ sembrava una spugna di sangue”), tirando giù una serranda e infilandosi sotto le coperte; all'ultima “Colloquio”, tra l'io poetante e la natura, forse ispirato dal leopardiano “Dialogo della Natura e di un islandese”, lì Leopardi, attraverso l'islandese incolpava la natura dei mali del mondo, qui Spurio, attraverso l'io poetante le chiede scusa, ma la risposta della natura è sempre la stessa, funesta e terribile: "M'inginocchiai e baciai la terra/ chiedendole scusa;/ [...] e nel mentre dall'alto/ una pioggia acuminata/ m'infilzò dappertutto [...]" ​In mezzo, l'indagine poetica e partecipante si sposta all'osservazione critica del mondo, dalla scena politica ("[...] exit polls ossidati/ da lacrime d'emoglobina."; "Il presidente avrebbe lasciato,/ il tempo aveva fatto il suo corso;/ [...] Il presidente era diventato re.") a scene di guerra ("Non ho mai avuto tanto freddo;/ serravo i pugni con sovrumana forza/ con la speranza di polverizzarmi.// [...] impavidi cecchini sparavano,/ uccidendo soldati amici."), a scene di rivolta ("[...] una patria/ affollata nelle preoccupazioni,/ massacrata nelle opposizioni,/ martoriata dalle aberrazioni,/ [...] e le donne denunciavano stupri/ mentre piazza Kizilay/ veniva sgomberata con la forza."), alla tragedia del mare di Lampedusa ("Polpastrelli dalle impronte/ slavate dal mare/ e stinti per sempre/ affioravano ora qui, ora là.") a quella dell'Oceano Pacifico ("Strozzai un bicchier d'acqua/ e mi commossi.// Il comandante oceanico/ [...] accoltellava l'umanità di angoscia/ con il traghetto-catafalco [...]"). Si sofferma sulla tragedia di cui rimane vittima la giovane quindicenne di Corigliano Calabro, accoltellata e poi arsa ancora viva: "Ritornato sei,// [...] Le fronde assistevano/ attonite, mute per la vergogna,/ l'hai arsa// [...] e Dio piangeva a fiumi,/ genuflesso sui carboni ardenti". Si sofferma poi sul ricordo della "donna metallica", con un omaggio al vetriolo a Margaret Thatcher, responsabile delle "bombe a Port Stanley" e non solo. Commosso, invece, l'omaggio alla "principessa triste", Lady Diana, "Il suo biondo accecante,/il suo amaro sorriso,/ [...] e quel cuore indomito,/calamita a quello dei deboli/ non aveva perduto la carica." Ed ecco che l'indagine poetica si sofferma sulla piaga della pedofilia: "Ho visto un bambino/ con strani lividi al volto/ e ho compreso perché il mare/ fosse purpureo." Infine, non posso non ricordare che, in alcune poesie l'indagine poetica e immedesimativa di Spurio si spinge in terreni impossibili, come quando l'io poetante, con il verbo al passato remoto, narra le circostanze della propria morte.

recensione di Emanuele Marcuccio

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento