username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 29 set 2018

Luciano Ronchetti

03 novembre 1962, Taranto - Italia
Mi descrivo così: Non ho esperienza letteraria pregressa. Libero pensatore, poeta, appassionato di arte, musica, cinema (e altro ancora) nonché "venditore di parole" (in genere, però, alle belle donne, ed anche a quelle meno belle, le regalo!) a cui piace scrivere di tutto - e su tutto: cittadino del mondo intero!

elementi per pagina
elementi per pagina
  • 08 dicembre alle ore 1:47
    Il vento

    Il vento è come le persone care
    che sono andate via: non si vede
    ma si sente...appare!

    Il vento soffia forte (da nord)
    e quando arriva entra nell'anima
    - ti prende -
    cattura i tuoi pensieri spazzandoli via;
    eppoi ti trascina via con sè: come polvere!

    Il vento, però, non può distruggere
    i ricordi, mai potrà farlo...
    anche quando arriva da ovest;
    [loro] sono  indissolubili
    perchè lievi vivono nel cuore d'ognuno! 

     
  • Queste mani
    le mie mani
    sono (quelle)
    le stesse mani
    che mi accompagnano
    dacchè nacqui, un dì:
    quelle mani!

    Queste mani
    le mie mani
    sono (quelle)
    le stesse
    che hanno stretto
    tante mani, ne hanno
    toccato altre
    che hanno accarezzato 
    tanti volti, il 
    tuo volto: quelle mani!

    Queste mani
    le mie mani
    sono (quelle)
    le stesse
    che mai sono state
    incatenate
    nè mai insanguinate;
    ma hanno conosciuto il dolore
    quello degli uomini,
    hanno asgiugato lagrime
    dagli occhi di molti (uomini)
    e placato il dolore sul tuo
    volto umano, hanno asciugato dalle
    lagrime il tuo viso
    ridandogli gioia
    ed a volte pur flebile
    un sorriso: quelle mani...
    sì, proprio queste mani!

    Taranto, 25 maggio 2016.

     
  • 27 novembre alle ore 22:38
    Nelle solitarie notti

    Nelle solitarie notti
    a te penso,
    dolce amore
    in quelle illuni
    notti
    penso a te,
    luce di rugiada
    che illumini
    discreta
    i miei pensieri
    e ogni volta
    che ti vedo,
    che ti sogno,
    che mi appari
    con i tuoi vestiti di ciliegia
    ed i tuoi occhi
    grandi scintillanti
    le mie notti
    si popolano
    di mistero
    e tutto
    riprendo
    a navigare
    nel mio infinito
    mare.

    Taranto, 27 novembre 2018.

     
  • 26 novembre alle ore 11:48
    Uomini, soltanto uomini

    Uomini, soltanto uomini
    siam solo e soltanto uomini.

    Uomini, uomini
    impronta lasciam ad ogni passo
    ma siamo soltanto uomini.

    Uomini, uomini
    ci sentiam a volte (un) Dio
    ma siamo soltanto uomini
    e ci sembriam infinito
    ma piccoli assai siamo: come uomini.

    Uomini, uomini:
    e nulla piu'!

    Taranto, 14 settembre 2016.

     
  • 16 novembre alle ore 21:31
    Quando odiare vuol dire amore

                                                                         A Veronica, che amai sui banchi di squola...

    Oh amore,
    amore mio grandissimo
    ti odiai dal primo momento
    che t'ho vista
    quasi subito direi:
    eri troppo bella
    per non essere odiata
    eri troppo bella
    per non essere dimenticata
    per non essere desiderata
    per non essere ammirata;
    ti odiai dal primo momento
    che t'ho visto
    sapevi di gioia
    sapevi di sabbia bagnata
    dal mare
    che profuma di stelle
    sapevi di dolcezza
    antica
    come le favole
    belle
    lette ai bambini, un tempo,
    per addormentarli;
    sapevi di freschezza
    soave sopita,
    vera come un quadro
    di Pablo
    in inverno.
    Oh amore,
    amore mio grandissimo
    ti odiai dal primo momento
    che t'ho vista
    eri donna, eri passione
    prendevi fuoco
    come le madonne
    del Caravaggio,
    mettevi fuoco
    addosso
    come la luna vivace
    di aprile
    che poi muore a maggio
    dopo aver dato coraggio;
    tu, eri gentile
    così da sembrare
    una rosa senza spine.
    Tu, amore e basta...
    eri tutto
    amore mio grandissimo
    ti odiai dal primo momento
    che t'ho vista,
    anche tu mi amavi:
    se sapevo che mi amavi
    ti avrei ucciso prima!
     

     
  • 14 novembre alle ore 14:22
    Soldatino di carta

                                                                                    = Il "sistema" fagocita tutto; il                                                                                                  "sistema" - caro soldato - produce
                                                                                        anticorpi! = 
    Spesso rubai
    fitte parvenze
    di nulla
    alla strana 
    avventura
    del tempo.

    Ho combattuto
    contro sciami
    di gnomi indignati
    ed invisibili
    alieni
    e codazzi
    di rane urlatrici
    e scimmie ammaestrate
    di cartapesta;
    in fondo
    sono un bravo
    soldato ubriaco.
    Sono soltanto
    un soldatino di carta
    al servizio
    della vita
    e della morte.

    Serie - Lampi di controcultura.
     

     
  • 12 novembre alle ore 3:29
    Riconoscere

    Camminavo
    lungo il greto d'un fiume
    a novembre
    e guardando
    l'altra sponda
    per cercare fortuna
    un'onda trovai
    il sorriso
    d'una rondine in pena
    all'estate
    sfuggita
    di fronte alla luna
    piena
    eremita.
    Lungo quel greto
    riconobbi
    così la vita
    e lieto
    lo scorrer
    del fiume
    tornò a zoppicare
    come un treno
    che arriva
    ma non vuol
    ripartire.
    Camminavo 
    lungo il greto d'un fiume
    a novembre
    e riconobbi
    nel vento la voce
    di un'anima 
    in pena
    che cercava
    la foce del fiume
    per dissetar
    la sua
    malinconica vena.
    Camminavo
    lungo il greto d'un fiume
    a novembre
    e riconobbi
    nel passato un barlume
    di luce
    splendente.

    Taranto, 10 novembre 2018.

     
  • 06 novembre alle ore 22:00
    Adesso sò

    Adesso sò!
    Non ho più paura
    adesso della morte: lei è mia sorella,
    adesso; è soltanto una parola bisillaba
    ma è mia sorella
    adesso, è la sorella che non ha avuto madre lei.

    Però è mia madre lei, è mio padre [lei],
    è mio fratello [lei],
    è tutti voi, è tutti noi:
    siamo tutti noi che moriamo, siete tutti voi che morite.

    Adesso sò
    adesso sò cos'è la morte:
    è mia madre distesa sul lastricato
    duro di marmo all'obitorio,
    è mio padre disteso
    freddo sul lastricato 
    di marmo all'obitorio: tutti uguali
    lassù, in balia delle stelle.

    Adesso sò: non ho più paura io della morte!

    Taranto, 9 aprile 2018.

     
  • 03 novembre alle ore 16:47
    Tutto in un lampo

    Una stella
    a primavera
    cadde sull'anima
    mia vera
    che colpita fù
    poi
    da un dolce e tenero
    amore...
    durò lui un giorno,
    poche ore
    e poi da solo
    tornò
    a volare
    come un aquilone.
     

     
  • 31 ottobre alle ore 10:58
    [La luna...](o: elegia della luna)

    La luna non ha lacrime: eppur piange.
    La luna non ha orecchie: eppure ascolta.
    La luna non ha occhi: eppur osserva.
    La luna non ha gambe: eppur cammina.
    La luna non ha mani: eppure tocca.
    La luna non è un fantasma: eppur
    scompare (nelle notti"illuni") ed appare (nelle notti"piene").
    La luna: attraversa il cielo, attraversa le stelle,
    il firmamento intero...
    ma sempre sola è, sempre sola stà!
    La luna...non è tutta luce ciocchè: luccica ed appare;
    la luna...non è tutta sua
    - di tutto -
    la colpa: oppure sì?

    La luna...non fà  (mai)
    una grinza, però: è
    sempre la [lei] lassù
    che ci aspetta;
    a ricordarci quanto siamo piccoli!

     
  • 31 ottobre alle ore 10:43
    Senza alternativa

    Muore giovane
    la foglia scarlatta
    se dal sensuale
    rimorso è presa
    di non aver vissuto
    come voleva...
    ciocchè si deve fare
    però
    dev'esser fatto
    e la foglia foglia scarlatta
    può soltanto morire giovane
    anzichè subire
    gli scherni
    della sorte
    avversa o
    d'una indesiderata vita.

                                                                                                         = La vita: val
                                                                                                          sempre la pena
                                                                                                          di essere vissuta =

     
  • 27 ottobre alle ore 9:41
    Quel giorno

    Quando la vidi partire
    sembrava una farfalla
    d'aprile, la mia donna:
    la salutai con un sorriso
    tra le mani, ripensando
    ai suoi capelli al vento
    alla sua gonna, pensando
    al nostro domani.
    Non la rividi
    più, da allora
    la mia donna: ma
    non dimentico
    mai, i suoi capelli al vento
    e la sua gonna!

     
  • 25 ottobre alle ore 23:19
    Salento: terra di Puglia, del mondo

    Salento è...
    regione di confine
    estremo lembo
    di terra e paradisiaco,
    eden sperduto in terra,
    emanazione
    misteriosa e di vita orben
    fonte sacra e profana...

    Salento: qual
    divina e sconosciuta 
    mano ti fece così
    forgiandoti da
    - chissà quale -
    ancestrale materia?

    Salento: spettacolo 
    di prima natura bagnata
    dal mare
    e sferzata dal sole,
    dal vento baciata
    e dalla sfortuna;
    quella sfortuna maledetta
    d' esser donna (tra gli uomini)
    (e) madre dimenticata:
    terra regione (straniera)
    di confine;
    la sfortuna, quella sfortuna
    d'esser donna
    madre figlia  (soltanto)
    dimenticata...
    figlia di nessuno
    (soltanto) regione di confine:
    ma sei madre tu o lesbica
    o divin puttana e dolce
    cara di greca stirpe
    e sangue normanno, arabo, bizantino.

    Regione di confine
    (soltanto) tu:
    che dalla magica conca dei due
    mari,
    là dove l'ameno lido
    che s'incurva e gira,
    verso posti cari
    ti spandi t'estendi
    sin al tacco dello stivale.

    (Oh) Salento, tu porti
    in grembo la magia
    e la forza delle terre dimenticate.
    Qual buon vento
    (è) la magia
    del bianco e del blu
    del blu e del bianco,
    l' un è quello lucente lindo
    delle case nelle città, nei paesi
    sparsi, nelle strade dei paesi
    ovunque ci sian donne che
    preghino od un mulo che ragli,
    e l'altro invece il colore
    del mare terso e cristallino:
    che ti circonda, ti bagna e tutto a sè
    sincero t'ammanta;
    l'uno è il bianco, sì lucente
    delle case o dei capelli dei vecchi
    seduti agli angoli delle strade
    fuori da quelle case;
    l'altro è il blu, fiero colore
    del mar che ti bagna e del ciel
    infinito che t'osserva.

    Blu e bianco, bianco e blu;
    i colori della passione e della libertà:
    perchè (tu) sei terra donna
    madre antica dimenticata...ma libera,
    come il vento
    che soffia - a volte un portento -
    di scirocco o di grecale
    di maestrale, di libeccio
    e sale; spesso lambendo và
    le tue frastagliate coste,
    sovente colpendo stà
    i tuoi duri scogli.

    Salento (tu) sei
    il vento,
    quel vento,
    (soltanto) quel magico vento e
    maestoso... a volte un portento:
    di noi tutti fratello 
    misterioso,
    dei tuoi abitanti, delle tue genti
    il vento di Sharazan, arriva dalla terra
    di nessuno dalla notte
    dei tempi...
    (è) il vento della follia, il vento
    del dolore.

    Salento tu sei
    il bianco lucente
    delle case
    nelle città bianche di pace,
    di silenzio e di solitudine.

    Tu sei il vento, come il vento
    - Salento -
    che soffia
    all' imbrunire del sole
    su quella terra che freme
    sferzata dal sole:
    e fà le spighe ricurve, sommesse
    benchè umide ancor del sudore
    dell'uomo; ricurva quelle spighe:
    su sè stesse...
    e fà ricurvi pur gli uomini suoi
    - la sua gente -
    ricurvi li fà, quel vento,
    e sommessi:
    come a nascondere
    la propria umiliazione,
    come a nascondersi
    da qualcuno, o da un "non sò che"...

    Salento anche (tu) terra di Puglia, del mondo...
    anche (tu) lo sei;
    terra di nessuno: terra 
    da tutti dimenticata!

     

     
  • 22 ottobre alle ore 13:00
    Trilogia del piacere =3=

                                                                                        da: Patrizia Valduga

    Galleggia
    nel mio 
    sperma
    fuoruscito
    dal tumulto:
    non annegare
    - amor mio -
    galleggia,
    e poi
    avvinghiati
    forte a me
    nuovamente
    per un'altro amplesso
    di disperazione
    e speranza.

     
  • 22 ottobre alle ore 12:52
    Trilogia del piacere =2=

    Notte di luna
    piena
    brilla
    sul tuo corpo
    baciato
    dal vento
    sui tuoi 
    turgidi seni
    riverbera
    la voglia mia
    di te
    la mania
    quella dolce
    malattia
    che ho
    di penetrare
    col mio sesso
    negli spiragli
    più reconditi
    della tua anima
    fino a farti
    gemere
    di piacere...
    e poi
    morire
    insieme,
    divorati
    dal tempo.
     

     
  • 21 ottobre alle ore 0:01
    Trilogia del piacere =1=

    Lecca
    divora
    la mia nuda pelle
    appassionata
    - amor mio -
    succhiami
    il midollo
    prima
    come se fossi
    luna
    - (tu) vampiro -
    abbandonata
    sul mio corpo
    arso
    dai vermi
    consumato 
    dalla voglia 
    ardente che ho
    di te
    fai di me
    amor mio
    cenere
    (carica)
    di voluttà
    brina
    assolata
    di sensualità
    e passione
    amami e consumami
    entra 
    dentro di me
    alla follia
    come il vento
    selvaggio
    di primavera
    quando
    che soffia
    sul mio cuore
    gentile
    di donna.

     
  •                                                       da: un disegno di Maurice Chabas (Studio per il ritratto di un soldato, 1918); da: vari brani dei Pink Floyd&Roger Waters. Ai caduti di ogni guerra.

    E finalmente
    beate candele accese
    nella notte
    felici brillate
    per nemici ed amici:
    così vittime e carnefici,
    amici&nemici...
    son tutti uguali, son tutti amici.

    Cenere e diamanti,
    nemici o amici: siamo tutti
    uguali alla fine...
    dinanzi alla morte tutti
    e soltanto uguaglianza.

    Buoni o canaglie
    pieni di medaglie
    ma restan pur privi
    di gambe, cuore e frattaglie.

    Candele accese 
    nella notte
    finalmente brillate per tutti.

    Pubblicata sul sito: www.pietrigrandeguerra.it il 28 giugno 2018.  

     
  • 18 ottobre alle ore 23:42
    [Amo perdermi...]

    Amo perdermi quando ti guardo
    negli occhi,
    amo perdermi quando sussurri
    che mi ami,
    amo perdermi tra le tue
    braccia,
    quando ti accarezzo con voluttà
    e poi ti bacio sulla bocca.
    Amo perdermi con te,
    soltanto con te.

     
  • 18 ottobre alle ore 23:11
    Quella voglia

    E' dal mare
    che viene quella voglia
    strana
    di lasciarsi andare
    e perdersi nell'oblio
    annullarsi 
    in quel vortice
    assoluto di nulla
    è dal mare
    che viene quella voglia
    strana
    di ritornare bambino
    alla dimensione 
    povera d'un tempo
    quando le favole
    erano vere
    e le leggende sincere...
    è dal mare
    che tutto partì
    cominciò a farsi
    gioia dolore amore.
    E' dal mare...
    che viene il ricordo
    che strugge,
    la nostalgia
    che ti rallegra
    e poi fugge
    è dal mare...
    lì torneremo
    quando il vulcano
    che rugge
    si spegnerà
    é dal mare...
    rossa nera
    dannazione
    di fuggire:
    ribellione arcobaleno!

     
  • Una lagrima (la) scorsi
    sopra il tuo viso;
    io l'acchiappai
    portandola nel mio:
    a condividere la tua tristezza. 

     
  • 18 ottobre alle ore 2:46
    Ciocché rimpiango di te (mia madre)

    Non rimpiango: le tue parole nelle mie orecchie.
    Non rimpiango: le tue carezze sul mio viso.
    Non rimpiango: i tuoi baci sulle mie guance.
    Non rimpiango i tuoi sguardi nei miei occhi.
    Ciocché rimpiango di te, invece, é il bene:
    che mi hai voluto, che mi hai fatto, che mi hai donato!

    Taranto, 30 settembre 2016. 

     
  • 17 ottobre alle ore 13:06
    Un giorno... (a te, amor mio)

                                                                                             agli spiriti liberi della musica italiana: De André, Lolli, Tenco, Gaetano, Daolio, Stratos, Di Giacomo, Di Cioccio, Lanzetti, etc.

    Io verrò, sì verrò
    un giorno io verrò
    da té
    sappi che sono 
    uno zingaro...
    aspettami: io verrò
    sappi che sono uno zingaro, un bandito
    un lupo famelico di vita...
    aspettami: io verrò
    sappi che sono
    uno zingaro
    un gitano ubriaco
    di sapori, di odori
    di rumori
    un cercatore di emozioni...
    io verrò, aspettami
    amore
    aspettami: sappi
    che sono uno zingaro...
    ma io verrò,
    un giorno sì
    verrò, da te verrò
    aspettami! 

     
  • Samarcanda
    è un mare d'azzurro
    d'estate
    una marea di ricordi
    è vita che forte
    s'avvinghia
    al sole
    in estate
    eppoi tra le sue braccia
    muore.

    Le fate
    d'amblè
    governano il cielo
    durante
    quelle notti
    vermiglie
    ammantate di fortuna
    e di paura,
    le streghe
    turchine o brune
    ed i diavoli
    govenano i cuori
    degli innamorati:
    ho visto
    migliaia
    di quei cuori
    perdersi,
    nè mai più ritrovarsi...
    alcuni 
    a vagare
    tra le fiamme
    e la disperazione dell'oblio.
    Una volta,
    una notte
    - seduto ch'ero
    lungo le rive piatte dello Zeravsan -
    vidi un fuoco
    di Sant'Elmo
    accoppiarsi
    con una croce
    splendente d'amore
    sopra
    la collina
    del dispiacere
    Samarcanda d'estate...

    Le spighe di grano
    profumano d'incenso
    e d'ambrosia,
    sono alte
    quasi
    due metri: spighe
    ammantate di fuoco,
    di mistero,
    di follia.
    Mio nonno
    Michail Aleksandrovic
    - morì ubriaco
    lui sotto un treno
    a Leningrado -
    mi raccontò
    che
    una volta
    due giovani compagni
    studenti
    - venuti dalla capitale
    per le vacanze -
    si siano dati fuoco,
    dopo una notte
    d'amore e voluttà
    nei campi di grano:
    nessuno mai
    ritrovò
    i loro resti.
    Samarcanda d'estate...
    è mistero è morte!

    Il poeta anarkiko
    Pierre Joseph,
    amico di Balant,
    compose
    il suo grande
    poema libertario
    ("I popoli antichi sono stati messi
    a tacere per sempre")
    un'estate
    di tanti anni fà,
    quì a Samarcanda;
    era cittadino
    del mondo
    [lui]
    scriveva
    pure
    poesie d'amore
    era 
    un sognatore
    triste
    e fragile,
    scriveva
    poesie d'amore
    e le leggeva
    ai gabbiani
    ed al vento
    soffice e gentile;
    scriveva
    poesie d'amore:
    le leggeva
    in barca
    sulla
    Moscova
    eppoi metteva
    un fiore
    in bocca
    ai soldati,
    le leggeva
    nei bordelli
    della 
    Ville Lumière:
    le leggeva
    ovunque
    ci fossero
    donne gentili ad ascoltarlo
    alle fermate
    dei tram,
    per le strade, sui treni
    lungo
    gli argini
    dei torrenti in piena,
    nelle taverne
    davanti
    a masnadieri
    e farabùtti
    d'ogni specie.
    Morì
    impiccato
    in un gulag
    stalinista
    a Jakutsk
    una fredda alba di dicembre
    1950.
    Samarcanda d'estate...
    Ma poi tornerà inverno
    quello che
    indurisce tutto: come pietra fossile
    anche Lui
    è dolce,
    però quì...

    Samarcanda d'estate, in estate:
    ho paura per i lupi
    in inverno,
    quando verrà
    ho paura
    e sono triste
    per loro
    in questa notte
    lunghissima bellissima
    di San Lorenzo
    che
    mi sta portando
    via dai sogni
    e lontano da Lei!

                                                                                                  Taranto, 28 agosto 2018.

     

     

     
  • 13 ottobre alle ore 5:38
    Mistica del cuore

    Il mio cuore
    si nutrì
    del nettare degli dei
    in terra caduto dal cielo;
    lavò il suo sangue
    e l'onta del suo sangue
    nel mare del destino...
    infine fu rapito
    da Ishtar
    - il vento che uccide -
    ed insieme a lui
    via
    volò nell'eternità.
     
     

     
  • 13 ottobre alle ore 5:14
    Rinascere

    Nudi eravamo
    vestiti solo di noi
    quando
    insieme scoprimmo
    l'amore
    sotto la candida luna
    d'agosto
    un grillo muto
    compagno nostro
    il nostro afflato
    osservò
    di poesia
    e sospiri,
    carezze languide
    voluttà passione
    e senso...
    Nudi eravamo
    quando
    insieme morimmo
    d'amore
    eppoi
    in vita tornammo
    coperti tutti
    di raggi di sole.

     
elementi per pagina
  • Come comincia: La principessa Salim spesso osservava, dal balcone della sua reggia, la montagna incantata rossa che si stagliava enorme di fronte a lei; essa, però, quando lo faceva si rattristava tantissimo: pensando al giorno in cui sarebbe dovuta andare via, in una lontana terra straniera; pensava, cioè, che non avrebbe più rivisto quella "meraviglia della natura": visione paradisiaca ed inquietante assieme!
    Ed un giorno, infatti, quel giorno arrivò: quando che la principessa sposò il suo principe ed andò via con lui lontano.
    Quello stesso giorno , però, anche la montagna incantata andò via, a suo modo: un'ora prima dello scoccar di mezzanotte, infatti, corse dapprima un vento fortissimo tutt'intorno a lei e poi franò per intero in poco più di un attimo!

     
  • Come comincia: Anticamente le lontane terre di Lothian erano abitate da cuori impavidi che non temevano le forze del male, le tenebre e la morte.
    Erano i guerrieri di quelle terre, laddove non sorgeva mai il sole. Essi lottavano contro i draghi Kimono delle caverne ed i maghi Kayleigh, malvagi incantatori di farfalle a pois nere e...cacciatori dei cuori delle giovani fanciulle vergini; oppure contro le streghe Lavender, che vendevano agli abitanti pozioni magiche avvelenate per rubarne poi i loro cuori.
    Quei guerrieri lottavano contro chiunque e ogni forza - visibile o invisibile, oscura ed arcana - tutti i giorni dell'anno d'ogni anno, per difendere la libertà di quelle terre e di chi le abitava.
    Ma un giorno ogni guerriero andò via da quelle terre, tutti si spostarono per andare ancora più a nord, ai confini più desolati dell'estremo nord, più vicino al mare di nessuno.
    Le terre di Lothian così, quelle terre così accanitamente difese per anni, decenni e secoli d'improvviso rimasero incustodite. Infatti, furono invase dal male e dominate, per altrettanti anni, secoli e decenni dai cattivi maghi e dalle altrettanto cattive nonchè subdole streghe...
    Oggi quelle terre lontane non ci sono più: furono sommerse durante un natale di tantissimi decenni fa, il loro ultimo natale, da un cataclisma di pietre e di fuoco piovuto dal cielo; ma gli antenati di quei remoti cuori impavidi, appartenuti ad antichi guerrieri, i quali abitano (in) altre terre, altrettanto remote e lontane delle terre di Lothian, ricordano quelle valorose gesta: raccontandole ai loro figli ed ai figli dei loro figli...per non dimenticare mai!

    Taranto, 2 settembre 2016.

     
  • Come comincia: Ho riascoltato ieri, alcune volte, il brano "Bocca di Rosa", di Fabrizio De Andrè: scritto e 
    composto da lui stesso ed arrangiato da Gianpiero Reverberi.
    La storia di Bocca di Rosa, credo - e spero - la conosciamo tutti: è la storia di una donna di facili costumi, una puttana (o una troia, o una battona: a seconda delle latitudini, vengono così brutalmente apostrofate...ma tutti si dimenticano che sono donne, esseri umani come tutti gli altri!) che arriva, un bel giorno senza data, in un fantomatico paese della provincia nostrana (Sant'Ilario): è comincia a prostituirsi, anzi, a concedersi a tutti; il bello della storia (per alcuni, però, forse è il brutto!) sta proprio nel fatto che la suddetta lo fa in uno strano modo; lo fà, stranamente, senza farsi pagare; lo fà per passione, appunto! 
    Sta proprio quì, l'inganno, ma no, l'inghippo della storia, ciò che mette il pepe al culo alla gente, ciò che non va giù ai benpensànti, ai savi, ai sensati, ai timorati di Dio: che una puttana si conceda a tutti, no per denaro ma perchè li và di farlo!
    Capite Signori, qual'è il nocciolo della questione: non è il fatto che Bocca di Rosa eserciti la professione più antica del mondo, ma il fatto di cui sopra detto, che lo faccia senza farsi pagare.
    Io sono un anarchico, per mia libera scelta, anzi, sono un anarchico sui generis, visto che da alcune settimane oso definirmi un comunista-anarchico (non mi frega niente se non vado a genio nè ai comunisti, nè agli anarchici: ho scelto così, superando, dopo quasi quarant'anni le barriere ideologiche che mi bloccavano, facendo finalmente parlare - merito di una donna con cui sto chattando su un sito di incontri - il mio cuore!), e sono - ahimè! pure un romantico: per questo motivo sto, e starò sempre dalla parte di Bocca di Rosa; cioè, dalla parte dell'AMORE vero, quello che si dà senza chiedere nulla in cambio, quello che si dà a tutti senza chiedersi il perchè, incondizionatamente e senza doppi fini, senza fare calcoli o compromessi di sorta...alla faccia dei preconcetti, dei pregiudizi o quant'altro; alla faccia dei bigotti e dei benpensanti: di coloro i quali pensano ancora che avere un crocifisso in mano ti dia il diritto di sentirti migliore di chi non lo ha, di chi la domenica fa l'amore piuttosto che andare a sentir messa. Ebbene, io Signori, sono di Taranto ed ivi abito: in un appartamento, sito all'ottavo piano - da quasi mezzo secolo - che dà proprio, udite, udite di fronte ad una chiesa, la più grande della città, la nuova concattedrale (costruita nel 1970-71 dall'architetto Giò Ponti): forse, chissà, per ironia della sorte, a voler ricordare perpetuamente, a uno come me, ateo, di essere un essere (scusate il gioco di parole!) infinatamente più piccolo e inferiore agli altri. Ebbene io, Signori, non mi sento nè più grande nè più piccolo di nessuno: io AMO,
    come tutti gli altri, AMO (in una poesia lunghissima che poi riporterò quì, su APHORISM l'ho chiaramente fatto intendere: la considero il mio "manifesto programmatico", se mi si concede il termine!) la natura, la poesia, l'arte, il bello, l'AMORE, le donne, le città, la campagna, la vita semplice... ed ancora il mare, i tramonti in riva al mare, quei tramonti vermigli e fiabeschi che ti mozzano il fiato, il cielo, le stelle, la luna, il creato tutto all'infuori di Dio; perchè tutto ciò che conta per me vive quaggiù, senza risposte di vita eterna ultraterrena, tutto, per mè finisce quaggiù, insieme all'uomo; amo tutti i paesi del mondo come se fossero i miei paesi, le mie patrie: è per questo che noi anarchici amiamo il mondo intero, è per questo che il mondo intero è la nostra patria!
    Quindi, ripeto, di non sentirmi inferiore a nessuno: soltanto per il semplice motivo di non credere in Dio, nè di non frequentare le patrie ga...pardon chiese!
    Il bello della favola, anzi, del racconto che sto scrivendo sta proprio nel fatto che io, in gioventù, sia pure stato chirichetto, che ho pure servito messa (come si diceva una volta!) e ho fatto parte dell'azione cattolica: non rinnego niente, però, del mio passato, in quanto ho conosciuto dei ragazzi fantastici (moltissimi sono miei amici nel mio profilo facebook: vedasi "Gruppo della Concattedrale"), che ancora oggi sono coerenti alle loro scelte, con alcuni dei quali spesso ci si incontra e ci si saluta regolarmente!
    Poi, erano gli anni settanta (metà-fine) ho cominciato a leggere testi diversi (non parlo solo di Bakunin) che mi hanno avvicinato all'ideologia anarchica; ho cominciato ad appassionarmi alle vicende dell'allora "movimento" (quello del '77, tanto per intenderci!)...e poi, il silenzio (politico-ideologico), inframezzato da frequentazioni maldestre (dicasi, udite, udite: Figc-Fuan, estrema destra!). La disillusione, il disincanto, il disimpegno ideologico-politico che colpì tantissimi giovani della mia generazione: la vita spensierata dei magnifici anni ottanta: irripetibili anch'essi!
    Soprattutto, però, la vita vissuta nell'ambito familiare: irripetibile, senza paragoni!
    Non è questo un controsenso, cioè un contestatore come me che esalta la vita in famiglia: la mia famiglia, come ho scritto da qualche altra parte, è stata una famiglia speciale (non lo dico perchè era la mia famiglia, ma proprio perchè lo fù, nel vero senso della parola!), una famiglia ultramoderna, già agli albori degli anni settanta, quando il ruolo dei genitori veniva messo in discussione dagli stravolgimenti socio-politici, quando il rapporto genitori-figli stava per essere capovolto, per non dire stravolto!
    La mia famiglia, invece, era un'eccezione, anzi, lo è stata in tutti i sensi: tanto che, paradossalmente, io sembravo il fascista, rispetto a loro, e loro gli anarchici; io il conservatore tradizionalista, rispetto a loro, e loro i sessantottini! 
    La mia famiglia originaria era composta da mio papà Marco, figlio della bassa reggiana-modenese, venuto in quel di Taranto a diciannove anni per cause non dipendenti dalla sua volontà (dicasi chiamata di leva: era il 1939 ed allo scoppio della guerra, come accadde per molti giovani della sua generazione, ecco il calcio nel culo...e si ritrovò sulla nave "Caio Duilio" della regia marina italiana, a trascorrere le vacanze, alias tutta la guerra!); dalla mia mamma Ada, tarantina d'oc e casalinga per quasi tutta la sua vita (tranne qualche anno di impiego presso l'allora Genio Marino); dalla zia materna Maria e dalla mia amica-sorella ANNA, colei che ha segnato indelebilmente la prima fase della mia vita (è andata via, lei, come tutta la mia famiglia: lei però, è andata via in modo speciale, così come fu tutta la sua vita, ossia lasciando il segno; per colpa di quel mostro a sette code e dieci teste che si chiama Alzheimer!).
    Ebbene, perchè la mia famiglia era speciale? I miei genitori ripetevano spesso, anzi, lo facevano sempre, quanto segue: "Luciano, fai quello che vuoi fare, dì quello che vuoi dire, và ovunque tu voglia andare purchè sia felice: e se tu lo sarai, noi lo saremo per te!". Ora, sfido chiunque a dire che una famiglia del genere non fosse ultramoderna, sfido chiunque a sostenere che una famiglia del genere andasse contestata!
    Tornando al brano di De Andrè, il grande Faber, devo rimarcare questo: Bocca di Rosa verrà cacciata dal paese in cui era misteriosamente giunta; alla stazione l' accompagnano i gendarmi ed anche il parroco: messa sul treno, però, ci si accorge che il suo viaggio di ritorno (verso dove, però, non è dato sapere!) è commovente, a tratti struggente, romanticissimo; infatti, a salutarla, in ogni stazione, diventano sempre più numerose le persone di ogni età, persino qualche prete. Tutti a salutarla con un fazzoletto rosso in mano o a lanciarle addosso un fiore, oppure, addirittura un bacio!
    Bocca di Rosa è uno spaccato di provincia italiana antico: che, però, persiste ancora oggi. Sono ancora vaste, a mio avviso (ringalluzzite, rinvigorite dagli eventi politici recenti), nel nostro paese, le sacche di miseria intellettuale, di povertà di animo e di grettezza di spirito. Ripeto, e con questo termino il mio racconto, io sto - e sempre starò - dalla parte di Bocca di Rosa, dalla parte, cioè, di tutte quelle fantomatiche Bocca di Rosa che amano senza chiedersi il perchè, pur andando contro l'ordine precostituito delle cose, pur andando contro tutto e tutti!    

     
  • Come comincia: In una delle sue Pensées più cupe, Pascal disse che la fonte di tutte le nostre sofferenze era l'incapacità di starcene tranquilli in una stanza.
    Perché, domandava, un uomo che ha di che vivere sente lo stimolo a trovare un diversivo in qualche lungo viaggio per mare? O a vivere in un'altra città, o a andarsene alla ricerca di un grano di pepe, o in guerra a spaccar teste?
    Scoperta la causa delle nostre disgrazie, Pascal volle anche capirne la ragione, e dopo averci riflettuto sopra ne trovò una ottima: e cioè la naturale infelicità della nostra debole condizione mortale;così infelice che, se ci concentriamo  su di essa, nulla può consolarci.
    Solo una cosa può alleviare la nostra disperazione, ed é lo svago (divertissement); eppure proprio questa é la peggiore di tutte le nostre disgrazie, perché lo svago ci impedisce di pensare a noi stessi e ci porta gradualmente alla rovina.
    da: Taccuini in "Le vie dei canti", di Bruce Chatwyn.

    -  L'uomo é nato per muoversi, non per restare fermo: la sua natura é movimento.
    Blaise Pascal, Pensées.
    -  Perché gli uomini invece di stare fermi se ne vanno da un posto all'altro?
    Bruce Chatwyn a Tom Maschler, 1969.
    - Studio della grande malattia: l'orrore del domicilio.
    Charles Baudelaire, Journaux Intimes.
    - Ma i veri viaggiatori partono senz'avere né meta né ragione;da un fatale richiamo sospinti, cuori lievi come le mongolfiere, senza saper perché, dicono sempre: "Andiamo!". Charles Baudelaire, I fiori del male.
    - Soprattutto, non perdere la voglia di camminare... i  pensieri migliori li ho avuti mentre camminavo...ma stando fermi si arriva sempre più vicini a sentirsi malati...perciò basta continuare a camminare e andrà tutto bene. Soren Kierkegaard, Lettera a Jette (1847).
    - Robert Burton - sedentario e libresco don di Oxford - dedicò un'enorme quantità di tempo e di erudizione a dimostrare che il viaggiare non era un flagello ma un rimedio alla malinconia, ossia agli effetti deprimenti della vita sedentaria: "Anche i cieli girano continuamente in tondo, il sole sorge e tramonta, la luna cresce, stelle e pianeti mantengono un moto costante, l'aria é agitata dai venti, le maree montano e rifluiscono: senza dubbio per conservarsi e insegnarci che dovremmo sempre essere in movimento".
    Oppure:
    "Contro questa malattia [la malinconia] non c'é nulla di meglio che cambiare aria, vagabondare qua e là, come quei tartari zalmoensi che vivono in orde, e colgono le opportunità che offrono loro i tempi, i luoghi e le stagioni".
    Anatomia della malinconia
    tutti da: Taccuini in "Le vie dei canti", di Bruce Chatwyn.
    - Il viaggio é scoperta prima, poi diventa ricerca di qualcosa o di qualcuno: ricerca della propria strada, della "via". (mio pensiero breve della domenica delle Palme, 20 marzo 2016).

     
  • 09 ottobre alle ore 6:17
    Estate 1977: "ascoltare il vento"

    Come comincia: Il vento é come una serpe strana
    che viene e che va
    andanseuse...astuto!
    Il vento di Ishtar che soffia
    lungo le colline dell'utopia
    ha reciso molte menti;
    lo zeffiro di primavera ha illuso
    tantissimi cuori di ragazzi e ragazze.
    Il vento gitano, quello che ti rapisce
    e ti porta via con sè, soffia soltanto
    in estate: lo senti sulla faccia,
    sulla pelle, nel cuore...
    In riva al mare, sulla spiaggia,
    sugli scogli; è un vento
    che ti vuole, é il vento della nostalgia,
    delle illusioni dei sogni.

    Notte sul mio scoglio, spira un vento leggero: é un vento che mi vuole bene!

    Un'estate intera trascorsi ad "ascoltare" il vento: era l'estate - quella lunga, lunghissima estate - del 1977.
    Per venti giorni assolati e per altrettante notti stellate lo feci; ascoltai, cioè, quella calda e sottile brezza estiva: senza, però, nulla sentire...quando, alla ventunesima notte, finalmente [lui] mi disse: "vai sicuro, ragazzo, è stai contento" (ma io, allora, ero già abbastanza felice!). La notte dopo, lui [il vento], mi parlò ancora: "ragazzo, vivrai più di cent'anni", disse (ma io, allora, mi sentivo "immortale"!).
    Dopo quelle notti, diciamo pure abbastanza inconsuete e speciali, continuai ad ascoltare per il resto dell'estate: sfortunatamente più nulla accadde. In autunno le vacanze finirono, tornai sui banchi di scuola e nuovi amori sbocciarono: quella rimase, però, per sempre la lunga e meravigliosa estate del 1977, quella dei quindici anni!
    E da quelle notti di quell'estate, inoltre, non ho mai dimenticato ciò che accadde allora: per questo ogni tanto resto ancora ad ascoltare il vento!

     
  • 04 ottobre alle ore 13:51
    Quella strana notte (raccontino)

    Come comincia: Quella notte sulla baia brillava una intensa luce di fuoco, mentre l' ultima nave era partita alle 23, come al solito, dal molo "antico", quello delle barche di pietra e delle sirene impazzite, verso terre lontane.
    Io, dopo aver letto l' ultima pagina de "Il rosso e il nero", dopo aver consumato voluttuosamente soddisfatto l' ultima cicca di un meharis alla menta e dopo strenua lotta con rognose mosche e zanzare letali, mi ero adagiato sul duro letto riuscendo finalmente a chiudere gli occhi.
    Vana illusione: infatti, dopo qualche godurioso minuto di sonno, un boato, secco ed intenso, mi svegliò!
    Feci per andare alla finestra, che era semichiusa, la aprii e mi affacciai sul balcone che dà sulla baia: non riuscendo, ahimé, a scorgere nulla!
    Allora decisi di restare affacciato ancora un pò, a godermi l' insolita atmosfera di quella notte; così restando, lanciai casualmente uno sguardo al cielo e mi balenò in testa un vecchio pensiero, anzi, un vecchio ricordo: tornai indietro nel tempo, cioè a quando ero bambino, e rividi la baia tormentata dai bombardamenti degli SS20 alleati, all' epoca della guerra trent' anni prima.
    Ebbene, ricordai che quei bombardamenti erano sì orrendamente spaventosi e spaventavano me come tutti i bambini, ma al tempo stesso illuminavano la baia a giorno, proprio come in questa strana notte di adesso!
    Allora, tra me e me pensai questo: - è scritto nel destino oppure nelle stelle, o forse da qualche altra parte, che il tempo, in qualche modo ed a suo modo, torni indietro e si ripeta, facendoci rivivere strane sensazioni, e strani ed impensabili dejavu, ponendoci di fronte a inconsueti refrain, sorprendendoci con bellissimi ed emozionanti flash-backs, con certosina dovizia mixati tra vita vissuta (passata) e presente?
    - Il tempo - pensai ancora - é proprio un furbo ed abile, infallibile architetto: infallibile ed assai furbo, non c' è dubbio!
    Dopo tutto ciò, quasi senza accorgermene, eran venute prime luci dell' alba: a quel punto decisi di rientrare in casa dal "viaggio" di pensieri nel balcone; quindi mi adagiai sul letto, lo stesso duro letto di prima, e così finalmente riuscii a riaddormentarmi.