username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Luciano Ronchetti

in archivio dal 29 set 2018

03 novembre 1962, Taranto - Italia

mi descrivo così:
Non ho esperienza letteraria pregressa. Libero pensatore, poeta, appassionato di arte, musica, cinema (e altro ancora) nonché "venditore di parole" (in genere, però, alle belle donne, ed anche a quelle meno belle, le regalo!) a cui piace scrivere di tutto - e su tutto: cittadino del mondo intero!

07 ottobre alle ore 22:33

[Amo i poeti...]

Amo i poeti nichilisti
quelli romantici e crepuscolari,
i poeti maledetti e malinconici
futuristi simbolisti laconici
eppur quelli ermetici,
i poeti dannati
- quelli che si dannano il cuore
e l'anima fino al midollo -
i poeti bohemien
- che rubano materia agli astri -
e quelli dandy
- che portan fiori all'occhiello -
quelli "artisti"
e gli intimisti
amo i poeti pittori
e "musicisti", i filosofi
i mistici e gli individualisti.
Amo i poeti anarkici, quelli rivoluzionari
e quelli comunisti o naturalisti;
amo i poeti d'avanguardia
e all'avanguardia, 
quelli tradizionalisti:
sono loro la torre di guardia
del mondo.
Amo i poeti sognatori
- gli stilnovisti e i provenzali -
e quelli psichedelici,
quelli dialettali
che amano gli onori
i visionari
che gioiscon dei dolori.
Amo tutti i poeti
quelli del mondo
e dell'infinito,
quelli dell'animo umano
a tutto tondo
o masnadieri per sempre,
bastardi dentro.
Amo i poeti
perché sono uomini come me
umani.
Amo tutti i poeti
perché sono gentili,
sensibili e fragili come me:
sono loro la vera forza 
dell'universo!

Taranto, 20 ottobre 2018. 
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento