username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Luciano Ronchetti

in archivio dal 29 set 2018

03 novembre 1962, Taranto - Italia

mi descrivo così:
Non ho esperienza letteraria pregressa. Libero pensatore, poeta, appassionato di arte, musica, cinema (e altro ancora) nonché "venditore di parole" (in genere, però, alle belle donne, ed anche a quelle meno belle, le regalo!) a cui piace scrivere di tutto - e su tutto: cittadino del mondo intero!

18 settembre alle ore 19:58

Amori folli (lungo le rive del fiume sacro)

Restiamo sempre soli
è tutto così lento...
(e) così triste...
così pesante: anche
il desiderio (di amarti) 
L'acqua del fiume
scorre lentamente
è tutto così lento...
così triste...
così pesante: lungo le rive
di quel fiume
Ma presto
saremo vecchi
come quel vecchio fiume
e finalmente tutto finirà
niente sarà mai più lento,
(e) niente sarà mai più triste
e pesante
Leggero il fardello
leggera la piuma d'un uccello;
leggiero si alza in cielo
il gabbiano dorato e saluta
la costa di ponente...
leggero s'alza il vento
e solleva folle di polvere
                                           =Fragment n°1=
Sono venuta a dirti
che me ne vado...
cogli occhi tristi saturi di te
ancora; 
le tue lacrime
ormai
non potranno cambiar nulla...
(e) neanche un pennello,
o una tela o un quadro nuovo bianco
che colorerai.
E come dice Verlaine
- prima di bere vino - 
"me ne vado nel vento maligno"
o come dice il giocatore
che bara alla vita ed al tavolo
"una carta sola basta!"
e come dice Baudelaire
il baro è un ipocrita doppiero santo
che bara e mente due volte: come
fanno sempre gli ipocriti amanti...
                                             =Fragment n°2=
Una sera di rosa e azzurro mistico,
un lampo solo ci vedrà commisti,
lungo singhiozzo carico d'addio.
Un angelo, schiudendo indi le porte,
a ravvivar verrà, gaudioso e pio,
gli opachi specchi e le due fiamme morte...
                                            =Fragment n°3=
Fiamme morte ormai
spenti i tuoi occhi (sono)
come il sorriso tuo;
sono venuta a dirti che me ne vado:
ti ricordi dei giorni felici e piangi
rosse lacrime
sul bianco tuo viso
ma le tue lacrime
adesso
non potranno cambiar nulla...
soffochi e gemi al presente
che ha suonato la sua ora
Adieu, mon amour
adieu
sono venuta a dirti
che me ne vado:
me ne vado nel vento maligno
portandomi l'ombra (dietro) 
gracile
dell'ultimo tuo sguardo
                                         =Fragment n°4=
Tu verrai da me
quando il giorno notte
sarà e la notte il cielo
incendierà e le anime
dei morti
                                         =Fragment n°5=
L'amore è la più crudele delle illusioni,
ma il sogno è la più subdola delle speranze.

Amori folli, sogni disperati, amori folli...
amare alla follia è amore folle!
Nelle pallide acque delle tenebre
gettai il mio sguardo: sperando
di incontrare il suo!

da: "Quaderni psichedelici", 2017.
       

 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento