username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Luciano Ronchetti

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Luciano Ronchetti

  •                                                                                  

                                                                                       Chissà perché ogni tempo                                                                                                   trascorso ci sembra più felice di
                                                                                       quello presente (Italo Calvino)

    Nostalgia bastarda:
    triste nostalgia del tempo.
    Nostalgia delle cose perdute della vita passata,
    di momenti vissuti delle persone amiche.
    Nostalgia dell'azzurro del mare:
    del mare azzurro terso cristallino;
    nostalgia dei tramonti (in riva al mare),
    dei felici orizzonti: ora
    soltanto cieli grigi, non mi illumino più di voi!

    Ricorda un giorno prima di oggi
    Un giorno in cui eri giovane
    Libero di giocare con il tempo
    La sera non arrivava mai
    (Richard Wright)

  • 30 agosto alle ore 21:25
    Ogni giorno

                                                                                                                                                           

                                                                                                                                                                                                                                 di: Nabila, donna di luoghi lontani 
                                                                                         dimenticati da tutti...anche da Dio.
    Laggiù
    fra sparuti e affamati alberi
    cerco riparo.
    Cerco riparo in un villaggio,
    un villaggio
    che mio non è.
    Un villaggio
    che mi fa da casa
    ma che mia non è.
    Ogni giorno
    questa casa
    combatte ostinata contro il vento,
    combatte stanca contro la pioggia:
    combatte.
    Ogni giorno
    questa casa
    si abbandona triste alla terra,
    si abbandona rasseganata a ciò che sarà:
    si abbandona.
    Ogni giorno 
    questa casa è quì,
    forte.
    Ogni giorno 
    questa casa
    mia non è. 

  • 22 agosto alle ore 9:38
    Inutile rivolta

    Un bacio
    di ghiaccio
    mia amata,
    sul cuore
    mio pirata scagliasti
    e [lui] freddato rimase
    da quel fulmineo
    sguardo
    come una saetta.
    Rivoltoso
    il sole cercò
    di riportar
    pace tra
    quel tiranno
    bacio

    quel cuore
    malato: ma
    or anch'esso 
    giace
    in un campo
    di girasoli
    diafani e neri
    imprigionato dentro
    solitaria speranza.

    Taranto, 13 agosto 2018.

  • 21 agosto alle ore 16:13
    Mi tengo tutto... tutto serve! (Pride)

    Mi tengo tutto ciò che ho, ben stretto
    (...tutto serve!)
    Mi tengo tutto ciò che ho: ciecamente,
    cinicamente e strenuamente.
    (...tutto serve!)
    Mi tengo il (mio) dolore,
    mi tengo la (mia) insicurezza,
    mi tengo la (mia) confusione,
    mi tengo la (mia) infinita nostalgia
    e tutta la (mia) dolcezza
    (...tutto serve!).
    Mi tengo i (miei) bagliori notturni,
    mi tengo il (mio) stupore,
    mi tengo i (miei) sogni diurni,
    mi tengo i sogni quelli chiusi in un cassetto
    mi tengo le parole che non ho (mai) detto,
    mi tengo il (mio) fervore;
    (...tutto serve!).
    Mi tengo le (mie) tristezze e le (mie) malinconie: 
    che sono tutte mie
    Mi tengo i (miei) ricordi belli ed anche quelli brutti
    e me li tengo proprio tutti;
    (...tutto serve!).
    Mi tengo il (mio) stupido orgoglio ferito,
    mi tengo le (mie) ferite,
    mi tengo i (miei) sbagli fatti: che tanto hanno influito;
    mi tengo il (mio) fare lunatico e tutte le (mie)
    inutili battaglie: quelle perdute e quelle vinte,
    quelle concluse e quelle (mai) finite...quelle finte!
    (...tutto serve!).
    Mi tengo le (mie) inquietudini
    mi tengo il (mio) passato e il (mio) presente
    mi tengo le (mie) strane manie e le (mie) cattive abitudini,
    mi tengo tutto quanto: che è sempre meglio di niente!
    (...tutto serve!).
    Mi tengo la (mia) naturale paura della morte,
    mi tengo la (mia) voglia di vivere, a volte;
    mi tengo la (mia) joye de vivre d'ieri, la (mia) voglia di
    morire di oggi, nonché le (mie) naturali ed insane emozioni,
    mi tengo le (mie) ipocrisie e le (mie) contraddizioni;
    (...tutto serve!).
    Mi tengo il (mio) pensiero libero ed il (mio) mondo,
    mi tengo il (mio) curioso sentire e vedere...le cose a tutto tondo;
    mi tengo le (mie) piccole e buone "cose",
    mi tengo il (mio) vivere alla giornata, senza futuro:
    né in grande o in piccola dose;
    mi tengo il (mio) mollare ed il (mio) tener duro!
    (...tutto serve!).
    Mi tengo il (mio) senso di vuoto ed i (miei) pensieri: tristi e cupi,
    mi tengo la (mia) misantropia e la (mia) testardaggine;
    mi tengo le (mie) fatue illusioni e le (mie) disillusioni:
    in dentro dei "dirupi" ,
    mi tengo le (mie) giravolte col tempo e la (mia) stupidaggine,
    (...tutto serve!).
    Mi tengo i (miei) sogni svaniti e quelli realizzati,
    mi tengo le (mie) occasioni perdute ed i (miei) fallimenti,
    mi tengo i (miei) pugni presi in...faccia (sui treni mai presi)
    e quelli dati
    mi tengo, sì, mi tengo i (miei) malcontenti i (miei) tradimenti,
    (...tutto serve!).
    Mi tengo le (mie) fantastiche allucinazioni e la (mia) ingenuità,
    mi tengo i (miei) alti e bassi ed i (miei) malumori;
    mi tengo le (mie) debolezze e la (mia) umana fragilità,
    mi tengo il (mio) romanticismo démodé e le mie fantasie: coi (miei)
    tanti languori!
    (...tutto serve!).
    Mi tengo la (mia) solitudine e la (mia) anima inquieta e ribelle
    mi tengo le (mie) insofferenze ed i (miei) beceri idealismi;
    mi tengo i (miei) qualunquismi ed i (miei) falsi moralismi,
    mi tengo i (miei) antiquati principi: trovati sotto cattive stelle
    vissuti sulla mia pelle!
    (...tutto quanto serve!).
    Mi tengo la (mia) indifferenza e la (mia) apatia,
    mi tengo (mio) immenso rimpianto di vita vissuta...passata!
    Mi tengo (mio) indelebile rimpianto per le persone amate
    (perdute) andate via,
    mi tengo la (mia) vita di merda...: che non l'ho cercata!
    (...tutto serve!)
    Mi tengo il (mio) inguaribile "male di vivere" ed il
    (mio) incurabile istintivo "spirito di sopravvivenza",
    mi tengo il (mio) cuore, a volte tenero altre di pietra: ma già
    pronto ad ogni evenenza!
    Mi tengo il (mio) grande cuore - che batte - spesso ferito, ed oramai
    inaridito spento;
    mi tengo il (mio) raziocinio e la (mia) razionalità, il (mio) momento,
    mi tengo il (mio) tenero dolce cinismo, la (mia) calda freddezza, il (mio) lurido
    fare di ghiaccio,
    mi tengo la (mia) sporca rabbia in corpo e (mia) fottuta vita:
    e con lei vò a braccio!
    (...tutto quanto serve!).
    Mi tengo (miei) castelli di sabbia: scivolati in mare;
    mi tengo (miei) ricordi di allora: di estati in riva al mare;
    mi tengo (miei) ricordi di estati: ad aspettare a nuotare,
    a ballare, a volare via a...
    (...tutto quanto serve!).
    Mi tengo tutto ciò di cui ho scritto in queste
    insulse righe:
    e lo porto sulle (mie) spalle,
    mi tengo tutto ciò di cui ho scritto in queste
    insulse righe:
    e lo vivo sulla (mia) pelle,
    mi tengo tutto ciò perché è (mio),
    mi tengo tutto ciò perché è quanto mi resta!
    (...proprio tutto serve, sì, tutto quanto serve!)...
    ma non so se mi basta!

    Taranto, 20 giugno 2013 (modificata in data 10 maggio 2016).

  • 21 agosto alle ore 14:59
    E'soltanto un funerale

                                                     da: Delio Tessa, poeta anarchico milanese.
    E'soltanto un funerale:
    cornacchie andate a male,
    suonano violini guzla
    e trombettieri del Piave;
    "Dove sono gli invitati?"
    grida un vecchio indiano
    con la stampella d'oro in mano:
    "Forse sono andati a male
    anche loro"
    risponde la moglie del morto.
    E'soltanto un funerale:
    la chiesa è chiusa, allora
    dritti al camposanto!

    a: Vladimir Majakovskji, poeta rivoluzionario (russo)...amante della vita!

     

  • Sempre = tutti = (li trovi li vedi li senti)
    da ogni dove, in ogni dove: migrantes!
    Parton tutti lontano da dove per andare...
    lontano da dove; pieni di sogni
    sono e di speranze, e di illusioni;
    parton tutti lontano da dove: carichi di illusioni ma
    senza soldi, disperati, senza nulla da perdere.
    Migrantes!
    Lasciano le loro case e le loro famiglie per
    andare in un punto, verso l'ignoto;
    per andare in un punto...lontano
    da dove: basta che sia lontano,
    lontanissimo dalla loro miseria, dalla
    loro fame di...sogni;
    basta che il vento, anzi, un vento di libertà
    li porti...lontano da dove: migrantes!
    Migrantes!
    Ma il porto d'approdo è
    pieno di trappole, migrantes,
    il porto d'approdo è scaltro,
    spietato con voi, migrantes;
    non lascia scampo a quelli come voi: migrantes!
    Il porto d'approdo, le terre di approdo
    non amano i viaggiatori come voi: perché
    han paura del vostro anelito di libertà;
    della vostra sete di nuove terre...
    hanno paura della vostra disperazione, migrantes!
    Migrantes!...
    Ma voi non vi lasciate abbagliare,
    e non vi lasciate accecare dall'odio (di quell'approdo,
    di quelle terre)
    non vi lasciate ingannare, non vi lasciate fottere,
    non vi lasciate illudere (da quell'approdo,
    da quelle terre...mai, migrantes!).
    Migrantes: non vi lasciate umiliare mai.
    E non perdete il rispetto di voi stessi;
    continuate a sognare, a lottare,
    a credere...
    nella forza della speranza e del coraggio: migrantes!
    Migrantes!
    Siate sempre fieri di voi stessi, abbiate
    sempre fede...(solo) in voi stessi;
    contate (sempre e soltanto)...su voi stessi, o
    migrantes!
    Migrantes!
    Mantenete intatta e pura
    la vostra dignità,
    la purezza dei primordi che è in voi;
    non smettete mai di sentire...il vento
    che spira forte da sud (quello è)
    il vento del cambiamento,
    migrantes!
    Migrantes!
    Abbiate sempre sete:
    di giustizia, di pace
    e fratellanza, migrantes!
    Migrantes!
    Non smettete mai
    di guardare: verso
    l'orizzonte,
    di cercare
    nel cielo il punto d'incontro
    con l'infinito, 
    di camminare lungo
    una strada chiamata...domani,
    di immaginare il sole
    che nasce;
    di camminare ed arrivare
    ad una strada chiamata...domani:
    quella è la vostra meta, migrantes!
    Migrantes!
    Non smettete mai
    di essere voi (stessi);
    di essere padri e figli,
    madri e sorelle,
    uomini e donne: ricordatevi
    quelli siete voi, migrantes!

    Taranto, 11 febbraio 2013.

  • 18 agosto alle ore 21:36
    La scoperta

    Nel gelido tepore
    di quei freddi e lunghi inverni
    il mio cuore si bagnò di solitudine:
    fu allora che scoprii
    d'esser nudo innanzi
    al mistero
    della vita e della morte...
    annusai d'esser uomo veramente.

    Taranto, 22 gennaio 2018.

  • 18 agosto alle ore 21:32
    Strani luoghi

    A Katmandu
    non esiste (la) luna piena
    ma soltanto "petali di sole"
    che si schiudono al crepuscolo;
    a Katmandu
    le farfalle non sono scimmie
    impazzite
    ma soltanto "ladre di parole".

    a: Robert Wyatt

    Taranto, 15 febbraio 2018.

  • 18 agosto alle ore 21:22
    Ascolto, ascolta...

    Ascolto il mio silenzio: ascoltare
    il proprio silenzio
    colma i vuoti da sempre vuoti
    dissonanti e remoti;
    ascolta il suo (di) silenzio: ascoltare
    i silenzi altrui svuota
    di vuoto il proprio vuoto, sia
    quello sconosciuto eppur lo già noto.
    Una piccola candela
    come una cometa nella notte
    arde vispa forte arde;
    eppoi lentamente si consuma: nessuno
    mai, però, va ascoltando il suo
    "silenzio".

    Taranto, 15 febbraio 2018. 

  • 18 agosto alle ore 21:15
    Avec le temps

    Al ragazzo il vecchio disse:
    "con il tempo avec le temps...
    tutto si consuma, lentamente tutto
    si consuma,
    il tempo tutto consuma (e divora): il fuoco lento
    d'una candela smunta o quello fatuo delle passioni;
    tutto si consuma, le catene si spezzano;
    la solitudine è la nostra libertà:
    soltanto l'uomo solo è veramente libero
    ragazzo: lascia così che sia,
    lascia che il tempo consumi
    con il tempo avec le temps...
    la paura della solitudine passa,
    passa la paura della malinconia;
    la paura di essere amati e quella
    della morte passano,
    Tutto alla fine passa: perciò, ragazzo,
    - dammi ascolto -
    lascia che sia
    lascia che scorrano le cose
    lascia pure che trascorra e passi il tempo:
    e vada per la sua strada...
    con il tempo avec le temps".

    da: Leo Ferré (a Leo Ferré).

    Taranto, 5 settembre 2017. 

  • 17 agosto alle ore 16:43
    Er bon governo

    Un bon governo, fijji nun è cquello
    che vv'abbotta l'orecchie in zempiterno
    de visscere pietose e ccor paterno:
    puro er lupo s'ammaschera da aggnello...
    nun ve fate confonne: un bon governo
    se sta zzitto e ssoccorre er poverello.
    Er restante fijjoli, è tutt'orpello
    pe accecà ll'occhi e ccomparì a l'isterno.
    Er vino a bbommercato, er pane grosso,
    li pesi ggiusti, le piggione bbasse,
    bbona la robba che pportàmo addosso...
    ecco cos'ha da fà un governo bbono;
     e nno ppiaggneve er morto, eppoi magnasse
    quant'avete, e llassavve in abbandono.

    (da: "Sonetti", G.G. Belli) 

  • 14 agosto alle ore 4:00
    Lei verrà

    Verrà la morte e
    avrà
    i miei occhi
    ma non la loro
    luce.

  • 11 agosto alle ore 13:10
    Isola dispersa

    ...Tam tam tam
    isola
    dispersa
    nell'azzurro
    turchino dell'oblio

    consumano 
    mansueti tarli il tempo
    e gli anni giuocando
    a dadi...
    Zum zum zum.

    da: "Poesie di maggio" (canti anarchici, lampi di controcultura, visioni ermetiche), 2018.

  • 11 agosto alle ore 13:06
    Rapimento

    D'incanto
    rapito
    dal canto delle sirene
    lungo
    le rive del fiume
    delle piogge.
    M'accquatto
    in un fosso
    e grido: "c'é qualcuno
    laggiù?"
    Un fiore
    nero
    e pallido
    nel deserto
    nacque
    ricordo
    rosso sangue
    di bambino
    ora 
    non si vede più!

    da: "Poesie di maggio" (canti anarchici, lampi di controcultura, visioni ermetiche), 2018.

  • 11 agosto alle ore 13:02
    Assassinio

    Una conchiglia 
    rubai
    parlante
    al mercatino
    del popolo
    di Samarcanda
    quando 
    un vaso
    di dalie si ruppe
    uscirono
    mani vuote;
    con la stessa
    mano
    ladra salutai
    le stelle
    il mio giovane
    ardore
    di poeta
    uccisi.

    da: "Poesie di maggio" (canti anarchici, lampi di controcultura, visioni ermetiche), 2018.
     

  • 11 agosto alle ore 12:59
    Grido

    In segreto
    spesso 
    prendevo
    l'ascensore
    per salire il patibolo
    dissennato
    dell'oblio
    l'esistenza
    dimenticavo
    con parole
    sonanti
    soffocavo il silenzio
    e le voci della notte
    mi venivano in sogno:
    Aiuto! Aiuto! Aiuto! grida ora
    il marinaio 
    senza testa.

    da: "Poesie di maggio" (canti anarchici, lampi di controcultura, visioni ermetiche), 2018.

  • Quella terra conosci laddove esalasti
    primordiale vagito? Laddove giovane madre
    tua, sangue del sangue tuo morì
    nel darti alla luce?

    Colà dove il volo del gabbiano
    è lastricato di betulle sempreverdi
    ed un vento da ponente
    l'accompagna notte e giorno.

    Conosci quella terra?
    Guarda occidua il mare, 
    quella terra;
    colà le statue
    ridono e piangono
    al suono dell'arpa d'eolia
    al verso sibillino
    e sanguigno dei poeti s'addormentano
    vergini e matrone.

    Conosci quella terra?
    Le sue montagne
    ed i suoi verdi pascoli
    affollati di giumente
    bianche e brune;
    sulle sue colline 
    crescono dorati cedri,
    nelle sue vigne
    trovi chicchi dipinti di manna.

    Conosci quella terra?
    Colà dove le spighe di grano
    germoglian di notte
    e rossi papaveri all'alba muoiono?

    Quella terra sarà la tua terra
    figlia se lo vorrai: quella terra
    è sorella
    d'ogni terra del mondo!

    da: "Poesie di maggio" (canti anarchici, lampi di controcultura, visioni ermetiche), 2018.

  • 10 agosto alle ore 9:58
    Joie de vivre "anarchica"

                                                                                      Una quercia secolare
                                                                                      vive sola una vita intera
                                                                                      eppure non è mai triste.

    Esser contenti
    d'esser venuti al mondo
    e di continuare ad esserci
    anche quando il mondo
    sembra sia
    una "gola profonda"
    che ti divora

    da: "Poesie di maggio" (canti anarchici, lampi di controcultura, visioni ermetiche), 2018.

  • 10 agosto alle ore 9:51
    L'altomare (ricordi del vento)

    Vidi scomparire
    una nave
    tra i flutti delle onde
    era carica
    di idee piangevo;
    l'altomare
    sembrava
    aggredirmi sopraffarmi
     travolgermi...
    "Ricomicerò" dissi
    a me stesso.
    Sensazioni
    emozioni
    riflessioni parvenze
    di realtà
    paventa
    il poeta
    immaginifico:
    è un lembo
    d'aria
    portento
    che non teme
    l'avverso
    né 'l cor suo
    si spaura!

    da: "Poesie di maggio" (canti anarchici, lampi di controcultura, visioni ermetiche), 2018.
     

  • 10 agosto alle ore 0:13
    Di sera

    Il poeta gridò:
    "assassini!"
    avevano rubato
    il cuore ad un bimbo
    estirpandone
    per sempre
    il (suo) candido
    primordiale stupore.

    da: "Poesie di maggio" (canti anarchici, lampi di controcultura, visioni ermetiche), 2018.

  • 10 agosto alle ore 0:10
    Rosso

    Risvegliati
    dal lungo sonno
    colore
    della passione:
    le pietre
    ed i cuori 
    di pietra capiranno.
    Rose rosse
    porta
    il masnadiero
    all'amante di giugno.

    da: "Poesie di maggio" (canti anarchici, lampi di controcultura, visioni ermetiche), 2018.
     

  • 10 agosto alle ore 0:05
    Collina "81"

    Case sventrate
    accartocciate
    su se stesse sedute
    sopra collina "81"
    (la)
    mutila
    l'aria 
    il cielo
    delle stelle
    ed il vento
    muto
    sibila
    di paura.
    Su quella collina
    nessuno
    più
    canterà insonne
    ma
    un lupo grigio
    piange
    la notte vicino
    ad una
    croce senza nome.

    da: "Poesie di maggio" (canti anarchici, lampi di controcultura, visioni ermetiche), 2018.

  • 09 agosto alle ore 23:59
    Il "cane" Mohammed Sceab

    Era
    una notte
    (strana)
    al cimitero
    marino
    quella mutila
    e sorda
    delle ore
    sussurrava
    una scimmia
    parlante
    dentro
    l'orecchio
    che sarei
    morto presto.
    Non avevo
    paura
    pregavo
    di gioia...
    due dita
    confuse
    facevano
    l'amore
    con quella scimmia
    ed una pioggia
    di meteore
    verdi e rosse
    inondò
    il cielo
    di farfalle
    cieche.
    In quel 
    cimitero
    riposa
    un "cane"
    di nome
    Mohammed Sceab
    leggeva
    il corano
    e fumava
    hascisc
    della Turchia
    era morto
    suicida
    per paura
    della vita
    e senza patria
    ma nessuno
    lo sapeva
    e forse io solo
    so ancora
    che non era
    un vigliacco
    e visse due
    volte: che visse
    per
    due volte
    una volta
    nel mio 
    cuore.

    da: "Poesie di maggio" (canti anarchici, lampi di controcultura, visioni ermetiche), 2018. 

  • 09 agosto alle ore 23:50
    Nostalgia del tempo

                                                                                  da: Ungaretti.

    Fanciullo
    nella quiete
    un motore
    rombante
    attizza il dolore 
    di mezz'età...
    Prendo
    l'ascensore
    e divento vecchio.
    Sento 
    ateo l'odore
    acre della vita
    tornare indietro.

    da: "Poesie di maggio" (canti anarchici, lampi di controcultura, visioni ermetiche), 2018.

  • 09 agosto alle ore 15:05
    In memoriam (ad Ahmed, mio fratello)

    Amò la Francia
    il poeta
    ma non era francese:
    era cittadino del mondo
    e della vita.
    Amò la Francia
    si chiamava Ahmed
    era un nomade del deserto,
    non era francese;
    non aveva più patria
    era cittadino del mondo 
    e della vita: i versi
    suoi
    un giorno incendiò
    e poi si gettò giù
    da un dirupo.
    Amò la Francia
    si chiamava Ahmed
    era cittadino del mondo e della vita.

                                              = Autocommento =
    "Gente strana davvero, i poeti", dice lo stesso poeta; "van sempre giuocando con le parole, corrono dietro ai sogni e a volte rincorrono le utopie come un bimbo rincorre un aquilone, sono soggetti ai mutamenti repentini e infingardi del loro cuore...si beffano di tutti e di tutto; "gente strana, sì, davvero: un giorno li capita di prendere a calci nel culo la vita, il giorno dopo prendono calci nel culo dalla vita (ma il loro deretano sarà abituato, poi, a prendere quei calci? Chissà!)...Poi la baciano, la guardano dritta in mezzo agli occhi, la amano come fosse una puttana da quattro soldi!". Ahmed era un poeta: fratello del poeta!