username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Luciano Ronchetti

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Luciano Ronchetti

  •                                                                                 da: Attilio Bertolucci.

    A Roma, quell'estate lontana;
    le piazze ricolme di gente, noi due soli insieme
    sereni e schietti senza creme
    tu padre io figlio amici: per una settimana.

    A Bologna, alla vecchia stazione
    straziata (così) mutilata da bomba assassina;
    il treno che ci porta su: la calura non é frizzantina
    ma era (sì) la nostra [estate], invero, a ragione.

    Nel mezzo Pescara ed il mare
    "quasi" uguale al nostro; il viale
    lungo che porta allo stadio, il caldo non  faceva male
    da un sorriso freddato: senza parlare!

    Al pranzo e per cena solo un panino
    caldo ripieno di gusto;
    mangiato all'uopo (sì) quello giusto,
    le stelle bagnate di luce...
    innaffiàte da un dorato vino.

    Eppoi al mattino presto arrivammo
    alfìn nelle Trieste giuliana;
    lungo il viaggio; meglio d'una puttana
    in calore: davanti a San Giusto di vento c'inebriammo!

    Taranto, 14 aprile 2017. 
     
     

  • 13 luglio alle ore 16:57
    Il dimoiàre (o: dimòio)

    Vento di fronda soffia
    forte in sopra la dimora
    al fondo della valle
    straniera
    e il dimoiàre lento va della neve
    eppoi del ghiaccio stellato
    in poltiglia d'acqua e fango...nel firmamento.

    Taranto, 6 aprile 2019. 

  • Il mio cuore
    é oltre
    queste sbarre
    di acciaio
    hanno chiuso
    la mia bocca
    hanno legato
    le mie mani
    ma
    il mio cuore
    é oltre
    questa cella
    lui assapora
    un sogno
    lui guarda
    dove i miei occhi
    non possono
    più
    guardare
    lui tocca
    ciocché le mie mani
    non possono
    più
    toccare
    il mio cuore
    é oltre...
    l'isolamento
    non é
    solitudine
    per me
    il mio cuore
    é la mia
    compagnia
    l'isolamento
    non é
    buio
    per me
    il mio cuore
    é
    la mia
    luce
    l'isolamento
    non é
    silenzio
    per me
    il mio cuore
    é
    la mia
    voce
    il mio cuore:
    lui
    é tutto ciò
    che mi hanno tolto
    ormai
    é tutto ciò
    che mi resta 
    ormai
    il mio cuore
    é oltre...

    Taranto, 11 luglio 2019.
     

     

  • 07 luglio alle ore 17:32
    Le rose che non ho mai avuto

    "Donare una rosa
    a chi non ne ha mai
    avuto
    che grande cosa"
    disse in silenzio
    il pagliaccio
    muto
    donare
    quella rosa
    é una parvenza
    di libertà
    lei
    in terra giace
    ma non volerà.
    Donare una rosa
    a chi non ne ha mai
    avuto:
    che grande cosa!

    Taranto, 7 luglio 2019.

  • 07 luglio alle ore 17:25
    Vagabondi del cuore (quelli come noi)

    Il mondo girano
    senza far rumore
    li trovi ad ogni angolo
    di strada
    gente strana che viene
    da lontano
    un sorriso triste
    sempre stretto portano
    in mano
    non hanno età
    mai cambieranno il mondo
    ma hanno
    cuori di lillà
    che sentono ascoltano vedono
    profondo.

    da: "Come ho fatto a stare tanto senza te"&"Quelli come noi" (Claudio Lolli).
     
    Taranto, 7 luglio 2019.

  • 05 luglio alle ore 17:23
    Che te ne fai d'un cuore?

    Che te ne fai del cuore
    se lo uccidi ogni momento?
    Batte forte il cuor tuo, ed ansima
    camminando
    di fianco a muri di platino
    rosso sangue colorati;
    poi si ferma si arresta (così)
    langue
    per un attimo
    - soltanto -
    di paura...
    ("calma piatta").
     Un cavallo alato (vestito di) bianco
    morto
    fa più accorto
    lo smunto viso
    della tua donna
    una giovin madonna
    a cui manca da tanto
    un sorriso;
    quel cavallo
    é stato addormentato
    eppoi 
    ucciso
    da un vecchio torto...
    (senza viso)
    in balia d'un sogno
    gitano
    cuor tuo non
    vede nè ascolta
    una mano
    sollevata
    in pace,
    quello un segnale
    profano: che lassù
    sulle cime innevate
    dei monti giace.
    Che te ne fai del cuore
    se vivi di trasverso
    dispiegando - poi - le ali
    di sbiego ad un intricato
    verso
    muto: quel minuto
    di vita perso...

    Una mattina
    aprii la finestra sul balcone;
    sulla strada
    balbettante
    un vecchio eremita
    fumava il narghilé
    una donna barnabita
    col turbante
    a due mani
    sonava il salterio
    ed un bimbo nero cogli occhi
    a mandorla piangeva: tre
    lampi - tre - (di) rosa nel ceruleo buio.

    Che te ne fai del cuore...
    rivedo i contadini,
    al paese colla vanga
    tra le mani
    sudati per la fatica
    senza domani
    ed il prete rosso
    che legge il vangelo
    in chiesa madre
    alle vecchie col velo
    e a mio padre giovane;
    collla mano santa
    di mia madre
    mentre mi tiene
    i capelli ed accarezza il mio viso
    rotondo di bimbo: satana
    tende agguati solo
    al giorno; giammai
    sotto i chiari di luna e le stelle.

    Che te ne fai del cuore
    quando la neve azzurra già
    é diventata cenere
    pria che tu
    l'abbia baciata
    ed il sole
    - invece -
    ha cresciuto una barba
    piena di vermi?

    Che te ne fai del cuore
    se (tu)
    non ascolti i rumori del mondo
    -  grande uomo -
    né combatti
    le guerre al largo delle onde
    di maestrale
    o più non giuochi neanche
    le partite
    già vinte?
     
    Che te ne fai d'un cuore...
    così soltanto?

    (da: "Quaderni psichedelici", 2017).
     
     

  • 05 luglio alle ore 13:49
    Lacrime di polvere

    In questo mondo di dolore,
    in questa dannata valle di pianto
    siamo noi spiragli
    irrisori di luce fatua, sbiaditi
    colori ed inconsistenti: lacrime di polvere!

    Taranto, 17 giugno 2012.

  • 05 luglio alle ore 13:37
    Declino d'una stella: sunset boulevard

                                                                          a: Stefania Rotolo, splendida "ragazza"
                                                                          degli anni settanta, che brillò come una                                                                              stella nel firmamento della musica.

    Vecchie foto in un cassetto
    parlano di te:
    fatue illusioni d'un mondo perduto;
    nostalgia per giorni passati
    lontani ricordi che si rincorrono
    - nella memoria -
    senza toccarsi mai né più raggiungersi;
    abiti consunti, laceri dal tempo
    chiusi nell'armadio ormai da tanto,
    troppo tempo: tanfo di naftalina!
    Foto, ricordi, abiti
    sommerse nella polvere, sommersi dalla polvere:
    (simboli) d'una effimera
    stagione
    di successi facili,
    lustrini e paillettes.
    Il telefono non squilla più
    ormai...nessuno ti cerca stella cadente!
    I fans più non bramano
    un tuo autografo, ormai;
    i flash dei fotografi
    più non squarciano il buio della notte
    al tuo passaggio, ormai;
    la tv più non parla di te, ormai;
    nessuno più ti cerca: povera stella, ormai!
    Stella cadente...(sei).
    Qual crudele inganno ed atroce,
    amaro più del fiele
    é questo?
    Perché così dura e tal
    punizione serbava
    -  per te -
    il destino?
    Tu
    ch'eri stella di prima grandezza
    nel firmamento arcobaleno;
    ch'eri fresca e bella
    come una rosa;
    che illuminavi la notte a giorno e
    che parevi un arbusto sempreverde
    nel deserto;
    tu
    ch'eri al centro delle scene
    sempre
    ed eri candida, ingenua
    e pura
    come un bambino!
    E' il segno del tempo
    che passa, inesorabile;
    é il prezzo
    del tuo sfiorire, inevitabile;
    é (questo)
    soltanto il tuo declino: sunset boulevard!

    Taranto, 1°agosto 2013. 

     

  • 04 luglio alle ore 21:50
    Una sera di maggio

    Vidi partire
    l'ultimo dei mohicani
    su un vascello di pietra
    vestito
    al porto, una sera
    di maggio
    ammantata
    di fortuna
    carica di coraggio:
    il suo volto
    sembrava
    scolpito
    nella luna
    tutta mia,
    il suo nome
    un pescatore
    mi disse
    "era anarchia"...
    li diedi uno
    sguardo
    lo vidi di traverso
    sembrava
    un lupo bianco
    perso...
    un vecchio
    bardo
    accanto a me
    allora
    declamò
    un verso
    di follia:
    le vele del
    vascello
    colorate di rosso
    e nero
    s'apriron
    così
    come quelle
    d'un uccello
    e lui volò
    via
    perdendosi
    tra le nuvole
    perenni
    per secoli
    millenni
    attraversando quel cielo
    vero!

    Taranto, 31 maggio 2019.

  • 04 luglio alle ore 16:46
    La donna di fiume

    E' colei
    che si ama
    una sola volta
    nella vita:
    la ami senza
    un perchè
    senza limiti
    nè condizioni...
    la donna di fiume
    ti entra
    nella testa
    e non la scordi
    più come una festa
    lei appare
    e scompare
    nel tuo cuore
    a illuminare
    le sue intermittenze
    lei appare
    e scompare
    nella tua mente
    a colorare
    le sue apparenze
    la donna di fiume...
    la si ama
    una sola volta
    nella vita.

    da: "La donna di fiume" (Claudio Lolli).

    Taranto, 4 luglio 2019.

  • 04 luglio alle ore 16:34
    La quiete dopo la tempesta (la guerre)

    Brandelli di carne smunta ormai vuota
    penzolando vanno da quel muro
    il cielo sopra la terra ruota...
    e scorre il sangue triste nello stige scuro...

    Cadaveri senza volto
    sparsi qua e là,
    ossa (sono) senza nome e risvolto
    attendono l'eternità.

    La battaglia ha recato (assai) danni
    e lutto ovunque ha versato a frotte;
    ma ha lasciato vuoti, dubbi ed inganni
    silenziosa quiete.

    Taranto, 26 giugno 2017.

     

  • 02 luglio alle ore 10:07
    Occhi da zingara (amore anarkiko)

    Ora mi rendo conto che sono stato ipnotizzato
    da lei
    dai suoi occhi
    vi amo, occhi da zingara...
    li amo (quegli) occhi da zingara...
    vi amo oggi, li amerò sempre.
    Al culmine della mia vita
    e dei miei pensieri
    sto seduto davanti al fuoco
    per scaldarmi il cuore
    dal freddo che li brucia dentro 
    e mi domando dove tu possa (mai) essere
    a questo mondo
    mi domando quando sarai pronta per me
    se vivi su questa terra ancora
    o sei soltanto una chimera,
    spero ad ogni modo
    tu stia vagabondando per la campagna
    d'inverno
    o ballando sulla spiaggia
    al ritmo strano e lunatico
    della "strada della vita".
    Mi penserai ancora?
    (Oh, mia zingara)
    che la rugiada 
    bagni le tue labbra
    di pioggia rossa
    di pioggia nera:
    quella pioggia
    che sappia d'amore.

    Taranto, 26 febbraio 2019. 

  • Lui (Amore che vieni amore che vai)
    Quei giorni perduti a rincorrere il vento
    a chiederci un bacio e volerne altri cento,
    un giorno qualunque li ricorderai,
    amore che fuggi da me tornerai.
     E tu che con gli occhi di un altro colore
    mi dici le stesse parole d'amore,
    fra un mese, fra un anno scordate le avrai,
    amore che vieni da me fuggirai.
    Venuto dal sole o da spiagge gelate,
    perduto in novembre o col vento d'estate,
    io t'ho amato sempre, non t'ho amato mai,
    amore che vieni, amore che vai.
    (da: "Le cento più belle poesie d'amore italiane", Interlinea edizioni, Novara, 2010).

    IO (Le richieste)
    "Cattura per me
    i raggi del sole"
    la giovane donna
    disse
    al suo amore;
    "voglio che essi
    riscaldino il mio cuore";
    "parla per me
    alla misteriosa luna
    che possa illuminare
    i miei occhi
    e donarli fortuna;
    scala tutte 
    le montagne più alte
    ed attraversa
    i deserti più solitari,
    naviga sui mari
    più tempestosi
    mentre io 
    ti aspetterò
    piangendo ridendo
    e soffrendo..."

    "Ferma pure il tempo
    se vuoi: son sicura
    che da me tornerai!"

    Taranto, 29 maggio 2019. 

  • 29 giugno alle ore 20:32
    Rinascerò

    Rinascerò
    quando le stelle
    smetteranno
    di piangere
    e le montagne
    smetteranno
    di sanguinare
    quel giorno
    allora
    rinascerò
    ritrovando la gioia
    perduta
    e quel dolore
    che il tempo
    mi ha rubato.
     

  • 28 giugno alle ore 18:01
    [Voluttà...]

                                                                         Sii, voluttà, l'eterna mia regina!
                                                                          Prendi la maschera d'una marina
                                                                          Sirena, fatta di carne e velluto,
                                                                          O versa il sonno tuo torpido e muto
                                                                          Nel vino informe che l'estasi da,
                                                                          Volubile fantasma, voluttà!                   
                                                                          (Baudelaire)                 
    Voluttà
    d'un equilibrio instabile
    oppur di un subdolo momento
    ma invero irripetibile.
    Voluttà
    di un mancato appuntamento con
    l'amante discreta
    oppur d'una serata di pioggia:
    in casa trascorsa
    a guardarsi allo specchio
    e poi barare a se stessi (forse) parecchio.
    Voluttà
    di un saluto o d'una carezza
    oppur d'un addio carico di ebrezza.
    Voluttà
    per tutto e per niente
    giacchè sia d'un casuale istante.
    Voluttà
    d'un mattino appena nato,
    d'un tramonto la sera
    - in riva al mare d'estate -
    d'una notte trascorsa intera
    a ballar con gnomi e le fate.
    Voluttà del primo bacio, del primo
    amore,
    del primo appuntamento, del primo tormento
    o del primo dolore: voluttà!
    Voluttà
    di respirare sopra i tuoi piccoli seni,
    di accarezzare il tuo viso smunto
    o baciare la pallida tua pelle
    in cui ti dimeni
    attorno al periplo d'un punto.

    Taranto, 8 febbraio 2015.

  • 27 giugno alle ore 16:04
    È arrivata [lei]

    Deh, siamo già ad un'altra primavera
    e non si son viste nè sentite le rondini
    ancora, quei millenari sciami
    che a festa ingombravano i nostri cieli:
    forse non ci amano più, forse
    non amano più le nostre città...
    forse i nostri cieli, i "cieli" di quelle nostre
    città non hanno più spazio per ospitarle nè tempo
    - anche loro, come noi, ne hanno sempre meno -
    per accoglierle...
    oppure, chissà, sono [io] strano
    che non lo "guardo" più il cielo:
    a scoprir ciocchè vi succeda sopra e dentro?! 

    Taranto, 30 marzo 2015.

  • 27 giugno alle ore 15:32
    [La vita è...]

    La vita è
    il tempo d'aprire una finestra,
    affacciarsi a guardare per strada
    e poi richiuderla:
    la vita ti da appena il tempo
    d'aprirla quella finestra, 
    affacciarti a guardare per strada
    e poi rinchiuderla;
    è un lucido miraggio...giusto un'illusione!

    Taranto, 7 febbraio 2015. 

  • 27 giugno alle ore 15:26
    [Il mare all'eremita...]

    Il mare all'eremita
    lontano si staglia fin oltre 
    l'orizzonte...
    Orizzonti arcani, solitari, vermigli
    e perduti: senza domani.
     Ed ei assiso su uno scoglio,
    insieme al vecchio samurai,
    di passati giorni
    rimembra o vecchie battaglie
    e bramando va
    quel: che già è stato!

    Taranto, 31 gennaio 2015.

  • 27 giugno alle ore 15:12
    La storia del dolce amore

    Un vagabondo ho incontrato
    per strada ieri: si chiamava Astroman.
    E' rimasto con me a lungo
    a tenermi compagnia
    per tenermi sveglio
    davanti ad un fuoco, sulla spiaggia del Belvedere.
    Mi raccontò la storia
    del dolce amore tra il sole
    nascente
    e la luna calante di primavera.
    Quell'amore - disse -
    generò poi le stelle,
    quell'amore portò
    poi fortuna,
    quell'amore si infranse
    sulle scogliere
    dell'ipocrisia;
    quell'amore si perdette
    nella nebbia
    del mattino;
    quell'amore fu imprigionato
    in una gabbia di plastica,
    quel dolce amore
    infine
    si liberò
    e volo via
    per cavalcare le brezze
    dell'ingenuità 
    e della fantasia".
    Quel dolce amore
    - disse ancora il vagabondo -
    oggi vive libero,
    in un posto lontano
    perchè mai nessuno
    può incatenare
    un sole che nasce
    e la luna calante.

    Taranto, 22 aprile 2019.

     

  • 27 giugno alle ore 14:51
    Vagando (elegia psichedelica)

    Vagando
    sopra un mare di lacrime dimenticate
    sulla barca della vita
    mentre navigavo per il tuo amore
    facendo vela verso casa
    m'accorsi
    d'aver perduto qualcosa
    lo skyline, tutto rosa
    di gioia e dolore;
    d'aver lasciato qualcosa
    indietro
    che dorme ma non riposa
    senza aver mai vissuto;
    d'aver dimenticato qualcosa
    un cuore che batte
    senza saper per chi o per cosa.

    Vagando
    sopra un mare di lacrime dimenticate
    sulla barca della vita
    m'accorsi
    d'aver perduto qualcosa
    d'averlo lasciato indietro
    d'averlo dimenticato...
    ma non sapevo quando,
    dove nè cosa!

    Taranto, 26 febbraio 2019.
     

  • 26 giugno alle ore 12:59
    La strada (on the road)

    La strada
    quel luogo sacro
    e profano
    dove le anime vagano
    dove i cuori bruciano
    dei martiri come dei dannati,
    dove osservano le madri
    i loro figli incompresi
    mutili di riso e di pianto;
    dove sterco e diamanti
    brillano e profumano
    uguali,
    dove il fuoco della perdizione
    e quello del sacramento
    bruciano di pietà,
    dove le emozioni ardono
    sotto la pelle e a fior di pelle
    sconquassando viscere e cuore.

    On the road:
    dove vedi ascolti
    occhi e voci senza tempo
    annusi e rivolti
    su te stesso
    gioie e dolori.

    On the road:
    dove non bastano
    sitmmate
    e croci per essere Dio,
    dove non servono
    croci nè stimmate 
    per sentirsi uomo
    e morire a Natale!

    On the road:
    tutti uguali
    sotto il cielo,
    in balia
    del riverbero
    delle stelle...
    ad aspettare
    che quel riverbero
    penetri nei nostri
    cuori. 

     

  •                                                                        A:  tutte le "Venezie" del mondo

    Venezia di notte la notte
    è come cor nostro di giorno:
    illuminato, aperto a tutte le rotte
    che indietro stanno o avanti e all'intorno 
    quella notte magica "d'allora"
    che la scartai come una sorpresa
    mi parve meglio dell'aurora
    boreale: forte, bella ed indifesa!

    Taranto, 7 giugno 2016. 

  • Ho camminato
    respirando polvere, tra il greto fangoso
    ed umido di nebbie fitte accanto al diavolo, ma poi
    ho rivisto la luce delle tenebre
    di giunco come un lampo (chiaro);
    e quel lampo triste
    sapeva di rivolta,
    di vittoria su me stesso
    e l'assoluto,
    e sul mondo cane
    che tante volte m'aveva abbandonato:
    ho camminato respirando polvere...
    (ma non era in riva al mare in autunno).

    da: "Quaderni psichedelici", 2017.
     

  • 15 giugno alle ore 11:19
    Pensieri, pensieri, pensieri...

    Pensieri tristi, pensieri folli
    a volte giusti o sbagliati;
    pensieri duri, pensieri molli
    eroici pensieri, salvifici pensieri...
    ma una volta pensai con gioia,
    a malincuore, d'averli consumati!

    da: "Quaderni psichedelici", 2017. 

  • 15 giugno alle ore 5:48
    Specchiarsi

    Mi guardo allo specchio
    non trovo l'immagine di me stesso
    è soltanto un'immagine sfocata
    persa: un riflesso.

    Taranto, 2 giugno 2019.