username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Luciano Ronchetti

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Luciano Ronchetti

  • 27 novembre 2018 alle ore 22:38
    Nelle solitarie notti

    Nelle solitarie notti
    a te penso,
    dolce amore
    in quelle illuni
    notti
    penso a te,
    luce di rugiada
    che illumini
    discreta
    i miei pensieri
    e ogni volta
    che ti vedo,
    che ti sogno,
    che mi appari
    con i tuoi vestiti di ciliegia
    ed i tuoi occhi
    grandi scintillanti
    le mie notti
    si popolano
    di mistero
    e tutto
    riprendo
    a navigare
    nel mio infinito
    mare.

    Taranto, 27 novembre 2018.

  • 26 novembre 2018 alle ore 11:48
    Uomini, soltanto uomini

    Uomini, soltanto uomini
    siam solo e soltanto uomini.

    Uomini, uomini
    impronta lasciam ad ogni passo
    ma siamo soltanto uomini.

    Uomini, uomini
    ci sentiam a volte (un) Dio
    ma siamo soltanto uomini
    e ci sembriam infinito
    ma piccoli assai siamo: come uomini.

    Uomini, uomini:
    e nulla piu'!

    Taranto, 14 settembre 2016.

  • 16 novembre 2018 alle ore 21:31
    Quando odiare vuol dire amore

                                                                         A Veronica, che amai sui banchi di squola...

    Oh amore,
    amore mio grandissimo
    ti odiai dal primo momento
    che t'ho vista
    quasi subito direi:
    eri troppo bella
    per non essere odiata
    eri troppo bella
    per non essere dimenticata
    per non essere desiderata
    per non essere ammirata;
    ti odiai dal primo momento
    che t'ho visto
    sapevi di gioia
    sapevi di sabbia bagnata
    dal mare
    che profuma di stelle
    sapevi di dolcezza
    antica
    come le favole
    belle
    lette ai bambini, un tempo,
    per addormentarli;
    sapevi di freschezza
    soave sopita,
    vera come un quadro
    di Pablo
    in inverno.
    Oh amore,
    amore mio grandissimo
    ti odiai dal primo momento
    che t'ho vista
    eri donna, eri passione
    prendevi fuoco
    come le madonne
    del Caravaggio,
    mettevi fuoco
    addosso
    come la luna vivace
    di aprile
    che poi muore a maggio
    dopo aver dato coraggio;
    tu, eri gentile
    così da sembrare
    una rosa senza spine.
    Tu, amore e basta...
    eri tutto
    amore mio grandissimo
    ti odiai dal primo momento
    che t'ho vista,
    anche tu mi amavi:
    se sapevo che mi amavi
    ti avrei ucciso prima!
     

  • 14 novembre 2018 alle ore 14:22
    Soldatino di carta

                                                                                    = Il "sistema" fagocita tutto; il                                                                                                  "sistema" - caro soldato - produce
                                                                                        anticorpi! = 
    Spesso rubai
    fitte parvenze
    di nulla
    alla strana 
    avventura
    del tempo.

    Ho combattuto
    contro sciami
    di gnomi indignati
    ed invisibili
    alieni
    e codazzi
    di rane urlatrici
    e scimmie ammaestrate
    di cartapesta;
    in fondo
    sono un bravo
    soldato ubriaco.
    Sono soltanto
    un soldatino di carta
    al servizio
    della vita
    e della morte.

    Serie - Lampi di controcultura.
     

  • 12 novembre 2018 alle ore 3:29
    Riconoscere

    Camminavo
    lungo il greto d'un fiume
    a novembre
    e guardando
    l'altra sponda
    per cercare fortuna
    un'onda trovai
    il sorriso
    d'una rondine in pena
    all'estate
    sfuggita
    di fronte alla luna
    piena
    eremita.
    Lungo quel greto
    riconobbi
    così la vita
    e lieto
    lo scorrer
    del fiume
    tornò a zoppicare
    come un treno
    che arriva
    ma non vuol
    ripartire.
    Camminavo 
    lungo il greto d'un fiume
    a novembre
    e riconobbi
    nel vento la voce
    di un'anima 
    in pena
    che cercava
    la foce del fiume
    per dissetar
    la sua
    malinconica vena.
    Camminavo
    lungo il greto d'un fiume
    a novembre
    e riconobbi
    nel passato un barlume
    di luce
    splendente.

    Taranto, 10 novembre 2018.

  • 06 novembre 2018 alle ore 22:00
    Adesso sò

    Adesso sò!
    Non ho più paura
    adesso della morte: lei è mia sorella,
    adesso; è soltanto una parola bisillaba
    ma è mia sorella
    adesso, è la sorella che non ha avuto madre lei.

    Però è mia madre lei, è mio padre [lei],
    è mio fratello [lei],
    è tutti voi, è tutti noi:
    siamo tutti noi che moriamo, siete tutti voi che morite.

    Adesso sò
    adesso sò cos'è la morte:
    è mia madre distesa sul lastricato
    duro di marmo all'obitorio,
    è mio padre disteso
    freddo sul lastricato 
    di marmo all'obitorio: tutti uguali
    lassù, in balia delle stelle.

    Adesso sò: non ho più paura io della morte!

    Taranto, 9 aprile 2018.

  • 03 novembre 2018 alle ore 16:47
    Tutto in un lampo

    Una stella
    a primavera
    cadde sull'anima
    mia vera
    che colpita fù
    poi
    da un dolce e tenero
    amore...
    durò lui un giorno,
    poche ore
    e poi da solo
    tornò
    a volare
    come un aquilone.
     

  • 31 ottobre 2018 alle ore 10:58
    [La luna...](o: elegia della luna)

    La luna non ha lacrime: eppur piange.
    La luna non ha orecchie: eppure ascolta.
    La luna non ha occhi: eppur osserva.
    La luna non ha gambe: eppur cammina.
    La luna non ha mani: eppure tocca.
    La luna non è un fantasma: eppur
    scompare (nelle notti"illuni") ed appare (nelle notti"piene").
    La luna: attraversa il cielo, attraversa le stelle,
    il firmamento intero...
    ma sempre sola è, sempre sola stà!
    La luna...non è tutta luce ciocchè: luccica ed appare;
    la luna...non è tutta sua
    - di tutto -
    la colpa: oppure sì?

    La luna...non fà  (mai)
    una grinza, però: è
    sempre la [lei] lassù
    che ci aspetta;
    a ricordarci quanto siamo piccoli!

  • 31 ottobre 2018 alle ore 10:43
    Senza alternativa

    Muore giovane
    la foglia scarlatta
    se dal sensuale
    rimorso è presa
    di non aver vissuto
    come voleva...
    ciocchè si deve fare
    però
    dev'esser fatto
    e la foglia foglia scarlatta
    può soltanto morire giovane
    anzichè subire
    gli scherni
    della sorte
    avversa o
    d'una indesiderata vita.

                                                                                                         = La vita: val
                                                                                                          sempre la pena
                                                                                                          di essere vissuta =

  • 27 ottobre 2018 alle ore 9:41
    Quel giorno

    Quando la vidi partire
    sembrava una farfalla
    d'aprile, la mia donna:
    la salutai con un sorriso
    tra le mani, ripensando
    ai suoi capelli al vento
    alla sua gonna, pensando
    al nostro domani.
    Non la rividi
    più, da allora
    la mia donna: ma
    non dimentico
    mai, i suoi capelli al vento
    e la sua gonna!

  • 25 ottobre 2018 alle ore 23:19
    Salento: terra di Puglia, del mondo

    Salento è...
    regione di confine
    estremo lembo
    di terra e paradisiaco,
    eden sperduto in terra,
    emanazione
    misteriosa e di vita orben
    fonte sacra e profana...

    Salento: qual
    divina e sconosciuta 
    mano ti fece così
    forgiandoti da
    - chissà quale -
    ancestrale materia?

    Salento: spettacolo 
    di prima natura bagnata
    dal mare
    e sferzata dal sole,
    dal vento baciata
    e dalla sfortuna;
    quella sfortuna maledetta
    d' esser donna (tra gli uomini)
    (e) madre dimenticata:
    terra regione (straniera)
    di confine;
    la sfortuna, quella sfortuna
    d'esser donna
    madre figlia  (soltanto)
    dimenticata...
    figlia di nessuno
    (soltanto) regione di confine:
    ma sei madre tu o lesbica
    o divin puttana e dolce
    cara di greca stirpe
    e sangue normanno, arabo, bizantino.

    Regione di confine
    (soltanto) tu:
    che dalla magica conca dei due
    mari,
    là dove l'ameno lido
    che s'incurva e gira,
    verso posti cari
    ti spandi t'estendi
    sin al tacco dello stivale.

    (Oh) Salento, tu porti
    in grembo la magia
    e la forza delle terre dimenticate.
    Qual buon vento
    (è) la magia
    del bianco e del blu
    del blu e del bianco,
    l' un è quello lucente lindo
    delle case nelle città, nei paesi
    sparsi, nelle strade dei paesi
    ovunque ci sian donne che
    preghino od un mulo che ragli,
    e l'altro invece il colore
    del mare terso e cristallino:
    che ti circonda, ti bagna e tutto a sè
    sincero t'ammanta;
    l'uno è il bianco, sì lucente
    delle case o dei capelli dei vecchi
    seduti agli angoli delle strade
    fuori da quelle case;
    l'altro è il blu, fiero colore
    del mar che ti bagna e del ciel
    infinito che t'osserva.

    Blu e bianco, bianco e blu;
    i colori della passione e della libertà:
    perchè (tu) sei terra donna
    madre antica dimenticata...ma libera,
    come il vento
    che soffia - a volte un portento -
    di scirocco o di grecale
    di maestrale, di libeccio
    e sale; spesso lambendo và
    le tue frastagliate coste,
    sovente colpendo stà
    i tuoi duri scogli.

    Salento (tu) sei
    il vento,
    quel vento,
    (soltanto) quel magico vento e
    maestoso... a volte un portento:
    di noi tutti fratello 
    misterioso,
    dei tuoi abitanti, delle tue genti
    il vento di Sharazan, arriva dalla terra
    di nessuno dalla notte
    dei tempi...
    (è) il vento della follia, il vento
    del dolore.

    Salento tu sei
    il bianco lucente
    delle case
    nelle città bianche di pace,
    di silenzio e di solitudine.

    Tu sei il vento, come il vento
    - Salento -
    che soffia
    all' imbrunire del sole
    su quella terra che freme
    sferzata dal sole:
    e fà le spighe ricurve, sommesse
    benchè umide ancor del sudore
    dell'uomo; ricurva quelle spighe:
    su sè stesse...
    e fà ricurvi pur gli uomini suoi
    - la sua gente -
    ricurvi li fà, quel vento,
    e sommessi:
    come a nascondere
    la propria umiliazione,
    come a nascondersi
    da qualcuno, o da un "non sò che"...

    Salento anche (tu) terra di Puglia, del mondo...
    anche (tu) lo sei;
    terra di nessuno: terra 
    da tutti dimenticata!

     

  • 22 ottobre 2018 alle ore 13:00
    Trilogia del piacere =3=

                                                                                        da: Patrizia Valduga

    Galleggia
    nel mio 
    sperma
    fuoruscito
    dal tumulto:
    non annegare
    - amor mio -
    galleggia,
    e poi
    avvinghiati
    forte a me
    nuovamente
    per un'altro amplesso
    di disperazione
    e speranza.

  • 22 ottobre 2018 alle ore 12:52
    Trilogia del piacere =2=

    Notte di luna
    piena
    brilla
    sul tuo corpo
    baciato
    dal vento
    sui tuoi 
    turgidi seni
    riverbera
    la voglia mia
    di te
    la mania
    quella dolce
    malattia
    che ho
    di penetrare
    col mio sesso
    negli spiragli
    più reconditi
    della tua anima
    fino a farti
    gemere
    di piacere...
    e poi
    morire
    insieme,
    divorati
    dal tempo.
     

  • 21 ottobre 2018 alle ore 0:01
    Trilogia del piacere =1=

    Lecca
    divora
    la mia nuda pelle
    appassionata
    - amor mio -
    succhiami
    il midollo
    prima
    come se fossi
    luna
    - (tu) vampiro -
    abbandonata
    sul mio corpo
    arso
    dai vermi
    consumato 
    dalla voglia 
    ardente che ho
    di te
    fai di me
    amor mio
    cenere
    (carica)
    di voluttà
    brina
    assolata
    di sensualità
    e passione
    amami e consumami
    entra 
    dentro di me
    alla follia
    come il vento
    selvaggio
    di primavera
    quando
    che soffia
    sul mio cuore
    gentile
    di donna.

  • 19 ottobre 2018 alle ore 0:44
    Visioni di guerra = Candele nella notte =

                                                          da: un disegno di Maurice Chabas (Studio per il ritratto di un soldato, 1918); da: vari brani dei Pink Floyd&Roger Waters. Ai caduti di ogni guerra.

    E finalmente
    beate candele accese
    nella notte
    felici brillate
    per nemici ed amici:
    così vittime e carnefici,
    amici&nemici...
    son tutti uguali, son tutti amici.

    Cenere e diamanti,
    nemici o amici: siamo tutti
    uguali alla fine...
    dinanzi alla morte tutti
    e soltanto uguaglianza.

    Buoni o canaglie
    pieni di medaglie
    ma restan pur privi
    di gambe, cuore e frattaglie.

    Candele accese 
    nella notte
    finalmente brillate per tutti.

    Pubblicata sul sito: www.pietrigrandeguerra.it il 28 giugno 2018.  

  • 18 ottobre 2018 alle ore 23:42
    [Amo perdermi...]

    Amo perdermi quando ti guardo
    negli occhi,
    amo perdermi quando sussurri
    che mi ami,
    amo perdermi tra le tue
    braccia,
    quando ti accarezzo con voluttà
    e poi ti bacio sulla bocca.
    Amo perdermi con te,
    soltanto con te.

  • 18 ottobre 2018 alle ore 23:11
    Quella voglia

    E' dal mare
    che viene quella voglia
    strana
    di lasciarsi andare
    e perdersi nell'oblio
    annullarsi 
    in quel vortice
    assoluto di nulla
    è dal mare
    che viene quella voglia
    strana
    di ritornare bambino
    alla dimensione 
    povera d'un tempo
    quando le favole
    erano vere
    e le leggende sincere...
    è dal mare
    che tutto partì
    cominciò a farsi
    gioia dolore amore.
    E' dal mare...
    che viene il ricordo
    che strugge,
    la nostalgia
    che ti rallegra
    e poi fugge
    è dal mare...
    lì torneremo
    quando il vulcano
    che rugge
    si spegnerà
    é dal mare...
    rossa nera
    dannazione
    di fuggire:
    ribellione arcobaleno!

  • 18 ottobre 2018 alle ore 3:04
    [Una lagrima...] (o: la tristezza d'un attimo)

    Una lagrima (la) scorsi
    sopra il tuo viso;
    io l'acchiappai
    portandola nel mio:
    a condividere la tua tristezza. 

  • 18 ottobre 2018 alle ore 2:46
    Ciocché rimpiango di te (mia madre)

    Non rimpiango: le tue parole nelle mie orecchie.
    Non rimpiango: le tue carezze sul mio viso.
    Non rimpiango: i tuoi baci sulle mie guance.
    Non rimpiango i tuoi sguardi nei miei occhi.
    Ciocché rimpiango di te, invece, é il bene:
    che mi hai voluto, che mi hai fatto, che mi hai donato!

    Taranto, 30 settembre 2016. 

  • 17 ottobre 2018 alle ore 13:06
    Un giorno... (a te, amor mio)

                                                                                             agli spiriti liberi della musica italiana: De André, Lolli, Tenco, Gaetano, Daolio, Stratos, Di Giacomo, Di Cioccio, Lanzetti, etc.

    Io verrò, sì verrò
    un giorno io verrò
    da té
    sappi che sono 
    uno zingaro...
    aspettami: io verrò
    sappi che sono uno zingaro, un bandito
    un lupo famelico di vita...
    aspettami: io verrò
    sappi che sono
    uno zingaro
    un gitano ubriaco
    di sapori, di odori
    di rumori
    un cercatore di emozioni...
    io verrò, aspettami
    amore
    aspettami: sappi
    che sono uno zingaro...
    ma io verrò,
    un giorno sì
    verrò, da te verrò
    aspettami! 

  • 13 ottobre 2018 alle ore 10:15
    Samarcanda d'estate, in estate (canto anarchico)

    Samarcanda
    è un mare d'azzurro
    d'estate
    una marea di ricordi
    è vita che forte
    s'avvinghia
    al sole
    in estate
    eppoi tra le sue braccia
    muore.

    Le fate
    d'amblè
    governano il cielo
    durante
    quelle notti
    vermiglie
    ammantate di fortuna
    e di paura,
    le streghe
    turchine o brune
    ed i diavoli
    govenano i cuori
    degli innamorati:
    ho visto
    migliaia
    di quei cuori
    perdersi,
    nè mai più ritrovarsi...
    alcuni 
    a vagare
    tra le fiamme
    e la disperazione dell'oblio.
    Una volta,
    una notte
    - seduto ch'ero
    lungo le rive piatte dello Zeravsan -
    vidi un fuoco
    di Sant'Elmo
    accoppiarsi
    con una croce
    splendente d'amore
    sopra
    la collina
    del dispiacere
    Samarcanda d'estate...

    Le spighe di grano
    profumano d'incenso
    e d'ambrosia,
    sono alte
    quasi
    due metri: spighe
    ammantate di fuoco,
    di mistero,
    di follia.
    Mio nonno
    Michail Aleksandrovic
    - morì ubriaco
    lui sotto un treno
    a Leningrado -
    mi raccontò
    che
    una volta
    due giovani compagni
    studenti
    - venuti dalla capitale
    per le vacanze -
    si siano dati fuoco,
    dopo una notte
    d'amore e voluttà
    nei campi di grano:
    nessuno mai
    ritrovò
    i loro resti.
    Samarcanda d'estate...
    è mistero è morte!

    Il poeta anarkiko
    Pierre Joseph,
    amico di Balant,
    compose
    il suo grande
    poema libertario
    ("I popoli antichi sono stati messi
    a tacere per sempre")
    un'estate
    di tanti anni fà,
    quì a Samarcanda;
    era cittadino
    del mondo
    [lui]
    scriveva
    pure
    poesie d'amore
    era 
    un sognatore
    triste
    e fragile,
    scriveva
    poesie d'amore
    e le leggeva
    ai gabbiani
    ed al vento
    soffice e gentile;
    scriveva
    poesie d'amore:
    le leggeva
    in barca
    sulla
    Moscova
    eppoi metteva
    un fiore
    in bocca
    ai soldati,
    le leggeva
    nei bordelli
    della 
    Ville Lumière:
    le leggeva
    ovunque
    ci fossero
    donne gentili ad ascoltarlo
    alle fermate
    dei tram,
    per le strade, sui treni
    lungo
    gli argini
    dei torrenti in piena,
    nelle taverne
    davanti
    a masnadieri
    e farabùtti
    d'ogni specie.
    Morì
    impiccato
    in un gulag
    stalinista
    a Jakutsk
    una fredda alba di dicembre
    1950.
    Samarcanda d'estate...
    Ma poi tornerà inverno
    quello che
    indurisce tutto: come pietra fossile
    anche Lui
    è dolce,
    però quì...

    Samarcanda d'estate, in estate:
    ho paura per i lupi
    in inverno,
    quando verrà
    ho paura
    e sono triste
    per loro
    in questa notte
    lunghissima bellissima
    di San Lorenzo
    che
    mi sta portando
    via dai sogni
    e lontano da Lei!

                                                                                                  Taranto, 28 agosto 2018.

     

     

  • 13 ottobre 2018 alle ore 5:38
    Mistica del cuore

    Il mio cuore
    si nutrì
    del nettare degli dei
    in terra caduto dal cielo;
    lavò il suo sangue
    e l'onta del suo sangue
    nel mare del destino...
    infine fu rapito
    da Ishtar
    - il vento che uccide -
    ed insieme a lui
    via
    volò nell'eternità.
     
     

  • 13 ottobre 2018 alle ore 5:14
    Rinascere

    Nudi eravamo
    vestiti solo di noi
    quando
    insieme scoprimmo
    l'amore
    sotto la candida luna
    d'agosto
    un grillo muto
    compagno nostro
    il nostro afflato
    osservò
    di poesia
    e sospiri,
    carezze languide
    voluttà passione
    e senso...
    Nudi eravamo
    quando
    insieme morimmo
    d'amore
    eppoi
    in vita tornammo
    coperti tutti
    di raggi di sole.

  • 13 ottobre 2018 alle ore 5:07
    Vecchia amante

                                                                                          da: Giuseppe Ungaretti.

    Quando
    il silenzio
    della notte
    bacia
    le stelle
    rincorro
    il vento
    nell'ombra
    (gitano)
    torno
    all'appuntamento
    segreto
    con la mia
    vecchia amante:
    vita.

  • 12 ottobre 2018 alle ore 17:44
    Notturno

                                                                                                   ai poeti ermetici.

    Oscuri silenzi
    affari di stelle
    metafore accese nella notte
    ammutolita.