username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Luciano Ronchetti

in archivio dal 29 set 2018

03 novembre 1962, Taranto - Italia

mi descrivo così:
Non ho esperienza letteraria pregressa. Libero pensatore, poeta, appassionato di arte, musica, cinema (e altro ancora) nonché "venditore di parole" (in genere, però, alle belle donne, ed anche a quelle meno belle, le regalo!) a cui piace scrivere di tutto - e su tutto: cittadino del mondo intero!

10 agosto alle ore 10:10

Quella terra conosci? A una figlia (canto anarchico)

Quella terra conosci laddove esalasti
primordiale vagito? Laddove giovane madre
tua, sangue del sangue tuo morì
nel darti alla luce?

Colà dove il volo del gabbiano
è lastricato di betulle sempreverdi
ed un vento da ponente
l'accompagna notte e giorno.

Conosci quella terra?
Guarda occidua il mare, 
quella terra;
colà le statue
ridono e piangono
al suono dell'arpa d'eolia
al verso sibillino
e sanguigno dei poeti s'addormentano
vergini e matrone.

Conosci quella terra?
Le sue montagne
ed i suoi verdi pascoli
affollati di giumente
bianche e brune;
sulle sue colline 
crescono dorati cedri,
nelle sue vigne
trovi chicchi dipinti di manna.

Conosci quella terra?
Colà dove le spighe di grano
germoglian di notte
e rossi papaveri all'alba muoiono?

Quella terra sarà la tua terra
figlia se lo vorrai: quella terra
è sorella
d'ogni terra del mondo!

da: "Poesie di maggio" (canti anarchici, lampi di controcultura, visioni ermetiche), 2018.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento