username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Luciano Ronchetti

in archivio dal 29 set 2018

03 novembre 1962, Taranto - Italia

mi descrivo così:
Non ho esperienza letteraria pregressa.Libero pensatore,poeta, appassionato di arte, musica,cinema (e altro ancora), sport nonché "venditore di parole" (in genere, però, alle belle donne, ed anche a quelle meno belle, le regalo!) a cui piace scrivere di tutto - e su tutto:cittadino del mondo intero

28 maggio alle ore 11:16

Diario di bordo - impressioni di primavera, ovvero: pillole, ritagli&frammenti intorno alla "questione israeliana e (arabo) palestinese" (prima parte)

Il racconto

 Non sapevo come cominciare questa parte del mio diario di bordo, per un motivo particolare (o particolarmente importante: direi essenziale!): trattasi di una questione addirittura ultrasecolare (per alcuni, come per il grandissimo Bruce Chatwyn, che spesso definisco "viaggiatore del tempo", ed il quale aveva letto per intero, tra le altre cose, nella sua vita, la Bibbia, ed il Corano, risalente addirittura al tempo di Caino ed Abele: si sa, però, quanto spesso i testi sacri raccolgano leggende e raccontino di miti piuttosto che di evidenze storiche documentate) intorno alla quale sono stati scritti fiumi di parole e, purtroppo, intorno alla quale sono scorsi fiumi di sangue; tuttavia, gli eventi delle ultime settimane mi hanno indotto a prendere una posizione netta in merito alla suddetta questione, per cui il primo ritaglio (o frammento, o pillola per parafrasare il titolo stesso che ho dato al racconto) ritengo dovesse farlo capire a tutti, in maniera inequivocabile. Spererei anche, con i miei scritti, di fare un po' di chiarezza (cosa alquanto pretestuosa, la mia, anzi, direi pretestuosamente, scarsamente ed impossibilmente attuabile!) o quanto meno di fare, nel mio piccolo, cosa utile alla causa del popolo palestinese.
 - Dina Qoran è una donna palestinese di mezza età, oggi. Nel marzo del 1989 (correva il giorno otto del mese, per la precisione), mentre prendeva parte ad una pacifica manifestazione a Ramallah (la cittadina posta nei pressi di Gerusalemme è in pratica la capitale di Palestina), per celebrare la Giornata internazionale della donna, venne ferita al mento ed alla spalla dai proiettili di gomma sparati da un cecchino dell'esercito israeliano: se la cavò con diversi punti di sutura ma una sua amica, che prendeva parte alla manifestazione insieme a lei, perse addirittura un occhio.
 - Abbiamo protestato pacificamente, - disse la donna, - non sono state lanciate pietre o altro. Un cecchino mi ha colpito con un proiettile di gomma. All'epoca si concentravano sugli occhi o sulla schiena per paralizzarci quando sparavano. Sparavano per procurare danni. Eravamo in piedi e il cecchino si è concentrato sulla mia faccia. Mi sono mossa e invece degli occhi, il proiettile mi ha colpito il mento. Le persone intorno a me mi hanno aiutato a mettermi in macchina e mi hanno portato in ospedale. E' stata una marcia pacifica ma a loro non importa della vita umana. Sono stati loro a venire da noi, non noi che siamo andati da loro. -  La donna dice anche di essere stata fortunata, quel giorno, perché a molti altri era capitato di peggio. Da quel lontano 1989 (avevo ventisei anni, all'epoca), migliaia sono le persone che hanno perso la vita, in Cisgiordania, a Gerusalemme, lungo i borders dei territori occupati, lungo tutta la striscia di Gaza che si affaccia sul mare; le cose non sono cambiate di una virgola ed il tutto - cosa più orribile di tutte - avveniva allora ed avviene oggi con l'avvallo della maggior parte dei governi occidentali (Italia inclusa e tranne piccole eccezioni: il 30 ottobre del 2014, infatti, la Svezia - unica nazione europea - riconobbe lo stato libero di Palestina, attraverso una dichiarazione ufficiale dell'allora ministro degli Esteri Margot Wallstrom distribuita alle agenzie di stampa e ai media). Fortunata davvero, quindi, questa donna, che ha potuto raccontare ciocchè gli sia accaduto. (fonte/source: WestbankNarratives). 
 - Leggo un tweet, ad opera di una donna araba, seguente a quanto scritto. Esso dice (non lo ricordo parola per parola, il concetto tuttavia è quello che conta): "chi sopravvive al dolore, a una propria esperienza dolorosa non dovrebbe raccontarlo". Non sono assolutamente d'accordo, su questo pensiero: nella fattispecie Dina Qoran può senza dubbio definirsi "sopravvissuta"; lei lo è stata, ed è stata anche fortunata ad esserlo. La sua esperienza è stata raccontata a WestbankNarratives e poi filtrata da me, in questo mio racconto; ciò lo ritengo fatto positivo: la maggior parte delle storie, in Palestina e nei territori occupati, sono dolorose, questa invece può ritenersi una storia "dolce&amara" al tempo stesso, o meglio amara e poi dolce nel suo concludersi visto che la donna ha svolto in seguito una esistenza (abbastanza) normale, nonostante tutto quello che li accadde tanti anni fa. Raccontare le proprie esperienze, dolorose o meno che siano, fa parte dell'esistenza stessa degli uomini (intesi come esseri umani, non solo di genere maschile): l'esistenza, la vita non è fatta solo di sorrisi o solo di pianti; essa consta degli uni e degli altri e...raccontare degli uni e/o degli altri va bene in egual modo. 
  - Le radici palestinesi/palestinians roots - "Il palestinese pensa che vi sia legame di sangue con l'Algeria: un suo bisnonno viveva nel deserto algerino prima di essere mandato nel deserto del Negev, e che l'algerino sia nato a Giaffa/Jaffa, prima di diventare abitante di Orano/Oran" (Osama Mohammed)
 - "Sessantuno bambini sono stati uccisi a Gaza in meno di dieci giorni. Non erano terroristi e non erano soldati: erano soltanto bambini. Adam Al-Tinani era uno di loro, aveva quattro anni. Non si sveglieranno mai più!". Questo è il testo dell'appello lanciato in video sui social da Sami Yusuf, cantautore britannico di origine azera, definito il Bono musulmano" (Bono è lo pseudonimo di Paul David Hewsom, cantautore, attivista, compositore e musicista irlandese, nonché membro della rock-band degli U2).Yusuf è nato a Teheran, in Iran, da genitori  originari dell'Azerbaigian, nel luglio del 1980, ma è cresciuto (anche artisticamente) nel Regno Unito (soprattutto a Londra). Il suo appello si chiama "saytheirnames" (scandisci i loro nomi): della serie - a mio avviso - "quello che le televisioni di stato non vi diranno mai"
 - L'Irlanda mostra la via al mondo ma...non è orbo, più che altro penso che sia sordo - "L'Irlanda mostra la via per l'annessione di fatto della Palestina da parte di Israele", questo titola oggi (28 maggio 2021) Memo (MidlleEastMonitor). Ramona Wadi scrive: "Quando si tratta di Palestina, la Repubblica d'Irlanda continua a fare da apripista per le violazioni del diritto internazionale da parte di Israele. Una recente mozione del Sinn Fein (in gaelico irlandese la dicitura sta per "Noi stessi"; in inglese moderno per "Ourselves Alone", ossia Noi stessi da soli: il movimento indipendentista irlandese di ispirazione socialista) che richiamava l'annessione de facto da parte dell'Oireachtas, il parlamento irlandese (esso, in breve, è presieduto dal Presidente della Repubblica ed è formato da due assemblee: camera bassa e camera alta). Ciò ha reso l'Irlanda il primo stato europeo ad utilizzare una terminologia politicamente accurata per l'ultimo accaparramento di terre da parte di Israele. Gli emendamenti alla mozione, inclusa l'espulsione dell'ambasciatore di Israele in Irlanda e l'appello a imporre sanzioni a Israele, non sono riusciti a ottenere un sostegno sufficiente. La reazione isaraeliana, ovviamente, non ha atteso a farsi sentire: "Questa posizione riflette una politica palesemente unilaterale e semplicistica", ha belato il ministro degli esteri Gabi Ashkenazi che ha descritto il movimento Sinn Fein come "una vittoria per le fazioni palestinesi estremiste". Le mie impressioni sono queste: a Ramallah, la bandiera tricolore irlandese oggi volteggiava nell'aria insieme al quadricolore (rosso, nero, bianco, verde) palestinese...l'Irlanda aprì la via "antiapartheid" in Sudafrica (l'ho letto da qualche parte, non importa però dove!): sarà così anche questa volta? Inoltre, è da dire che sia troppo semplicistico, da parte del ministro degli esteri dello stato più potente del Medio Oriente nonché quello che vanta uno degli apparati militari più potenti ed efficaci al mondo, dare una simile risposta: non è forse unilaterale, da parte di Israele, bombardare obiettivi e persone che nulla hanno a che vedere con la sicurezza interna dello stato? A questa risposta contrappongo il pensiero di una donna ebrea; quello, cioé, della novantenne attivista newyorkese Shatzi Weisberger, che ha dichiarato: "L'olocausto è esistito, l'antisemitismo anche, ma il mio cuore piange nel vedere che gli ebrei adesso siano gli oppressori!". Fatto importante, secondo me, sia che questa anziana ed arzilla signora sia apparsa sui social in una foto che la ritrae seduta sulla sua sedia a rotelle mentre imbraccia il cartello recante scritte le parole di cui sopra che ho tradotto in italiano dall'inglese: non è una fake news virale (come suol dirsi) bensì Shatzi esiste per davvero ed è ancora alquanto viva e sicuramente vegeta, direi!
 - A proposito di...bambini (da un post pubblicato su facebook) - Zeid Mohammad Odah at-Tilbani, 5 anni: è stato ucciso il dodici maggio scorso insieme alla sua sorellina Mariam (tre anni) da un missile che ha colpito la loro casa nel quartiere di Tal al-Hawa, a Gaza City. Ora mi faccio le seguenti domande: era forse un terrorista? Era forse un soldato israeliano? No, davvero! Era soltanto un bambino! Le fonti della notizia sono le seguenti: israelipalestinenews.org&if americansknew, agenzia indipendente di notizie e informazioni dal mondo. La traduzione letterale del nome dell'agenzia è "se gli americani lo sapessero". Ma siamo sicuri che soltanto la maggioranza degli americani non sia a conoscenza di queste notizie? Quanti europei (italiani inclusi) ne sono a conoscenza in maniera dettagliata? I notiziari delle televisioni private, in Italia, e della televisione di stato, hanno passato notizie di questo genere? Alla fantomatica organizzazione "Amici di Israele" rispondo scrivendo che "non sono amico di Israele se per esserlo è da intendersi: amico dello Stato di Israele, del suo Primo Ministro Benjamin Netanyahu, degli esponenti tutti del partito di destra del Likud (di cui Netanyahu è esponente di spicco), del Ministro della Difesa israeliano Benny Gantz, dell'esercito israeliano, dei coloni israeliani e di tutti i capi di stato amici dello Stato di Israele". Essere (o soltanto considerarsi) tale equivale - a mio modesto modo di intendere - né più né meno ad essere un nazista: nessuna differenza alcuna vi é tra l'una è l'altra cosa. Per cui, molti cattolici che si schierano con Israele farebbero bene a rivedere le loro posizioni...essendo ateo, mi ritengo fortunato in questo frangente, scevro da impedimenti "teologici" di sorta nell'operare le mie scelte.
 - A proposito di...missili, coloni e terre defraudate - 4000 missili di Hamas questa volta hanno colpito le città israeliane; 10000 800000: addirittura un milione, dicono alcuni! (cifre gonfiate ad arte, secondo moltissimi altri: pur volendo, Hamas non potrebbe mai disporre di una tale potenza di fuoco e comunque non arriverebbe ad eguagliare neanche il 10% di quella messa in campo da Israele...i suoi F16 e i suoi F35 - di costruzione e finanziamento statunitense - sono quanto di più moderno possa esistere al mondo in ambito di aviazione militare). La genesi di tutto, però, è un'altra, visto che i missili sono soltanto un pretesto, come spesso è accaduto da parte israeliana: risiede nel quartiere (simbolo) di Sheikh Jarrah, Gerusalemme est, che si trova in prossimità della spianata delle moschee e della zona industriale. Quattro famiglie di palestinesi hanno ricevuto ordine di sfratto, per far posto a famiglie di coloni israeliani; poi sono diventate ventuno, anzi, altre ventuno si sono "aggiunte" alle altre. Stranamente, il 94% delle domande di alloggio da parte di civili palestinesi alle autorità isaraeliane vengono respinte...(nell'ottobre di cinque anni fa Nena News riportò un rapporto pubblicato dal quotidiano progressista israeliano Haaretz, basato su dati ufficiali, secondo cui dei 3238 permessi di costruzione emessi dal comune di Gerusalemme nel 2015 soltanto 189 erano destinati a palestinesi, mentre, se si guardano gli ultimi cinque anni, i numeri variano poco: su 11603 permessi solo 878 sono stati riconosciuti a quartieri palestinesi; oserei dire che trattasi di un vero e proprio suffragio universale sancito a furor di popo...di permessi negati) le famiglie sono andate via, per far posto a proprietari illeggitimi secondo il diritto internazionale: alcuni dicono che sorgerà nella zona un parco giochi, altri che nascerà una sorta di silicon valley sul modello americano della California... ma due organizzazioni dei coloni israeliani, Nahalat Shimon International e Ateret Cohanim, risultano essere (non proprio casualmente, è probabile!) tra le più attive nelle richieste di sfratto di famiglie palestinesi a Gerusalemme est, e sono registrate negli States dove godono anche di sgravi fiscali. Sul quotidiano Repubblica così si è espresso, al proposito, Tahar Ben Jelloun, il 23 maggio scorso: - Il conflitto in corso fra Israele e Hamas non assomiglia all'ultimo in ordine di tempo, quello del 2014. La guerra attuale è nata sulla spianata delle moschee a Gerusalemme est il 10 maggio in seguito al tentativo di soldati israeliani venuti a sgomberare famiglie palestinesi dalle loro case a favore di nuovi coloni. Nulla a che vedere con Hamas -. Interessante è anche la testimonianza di uno studente iraniano, di stanza a Gerusalemme. (nota personale: il racconto che segue, non è testuale, ossia non sono sempre le parole testuali, per filo e per segno raccontate dall'interessato: a volte ho dovuto cambiarle per via della doppia traduzione - dapprima dall'arabo all'inglese e poi dall'inglese all'italiano - sperando di non aver alterato il senso od il significato delle parole stesse). Così scrive, dal suo diario, Dewan su Zeytoonaut (ex rivista studentesca "Olive" della Amir Kabir University of Technology di Teheran, Iran): "Da diversi anni seguo gli eventi in Palestina direttamente dalle pagine palestinesi nel cyberspazio, e ho incontrato un nuovo mondo. Un mondo completamente diverso da quello palestinese che i media ci hanno sbandierato. Durante il mese sacro del Ramadan, l'atmosfera in Palestina é diversa da tutti i paesi islamici, ma i palestinesi credono che il ramadan sia diverso a Gerusalemme. Hanno una frase famosa: "il ramadan a Gerusalemme non é...". I palestinesi odorano di lotta in tutte le loro attività quotidiane, e la lotta si mescola alla loro carne e al loro sangue. Durante il ramadan queste attività si intensificano cosicché anche la preghiera  e l'interruzione del digiuno sono in difficoltà (nota personale - leggo alcune opinioni in giro sui social e mi faccio la mia opinione: i bombardamenti isaraeliani sono assolutamente "scientifici", non casuali; tendono a fiaccare la resistenza morale dei palestinesi ed é per questo che vengono effettuati in prossimità del ramadan; loro li chiamano "mirati", appunto...mi arriva un tweet in risposta ad un mio tweet - in gergo dicasi che il mio tweet é stato reetwittato -, è quello di Shahd Abusalama, attivista, attrice, scrittrice palestinese di stanza in Inghilterra, a Sheffield, la quale mi ringrazia e mi dice che il suo popolo é sotto le bombe; li dico che sono onorato di avere una sua risposta, poi manda un suo tweet, in cui dice che un suo amico, vicino di casa della famiglia, é rimasto ferito: io li dico che il mio cuore piange per il suo amico; poi mi scrive: gli israeliani avvertono prima di bombardare; io li rispondo, in inglese, con sarcasmo:"israeli armies...they're very kind, afterwards!"/ in fondo le forze israeliane sono gentili! E come colui che, pur vedendo la porta della tua casa aperta, chiede permesso prima di entrare ma...poi, alla fine, nella tua casa entra ugualmente, anche se il permesso di entrare non glielo hai concesso. Sono preoccupato, ho paura di aver mancato di rispetto a Shahd e al popolo palestinese: il sarcasmo, nella traduzione dall'italiano all'inglese potrebbe essere travisato da qualcuno; inoltre, ne sarei immensamente dispiaciuto: quella ragazza come tanti suoi connazionali hanno sofferto troppo per meritarsi questo da qualcuno, me compreso). Anche il loro cibo preferito, maqloubeh, fa riferimento al rovesciamento del regime sionista ed é considerato una attività politica (nota personale: probabilmente al pari, se no di più, dell'indossare il kefiah - copricapo tradizionale della cultura araba e mediorientale in genere - o dello sbandierare il quadricolore della Palestina: anche bambine sono state malmenate, aggredite ed addirittura arrestate in passato per averlo fatto), poiché deve essere restituito al vassoio. Pertanto, la moschea di Al- aqsa è più tesa che mai durante il ramadan, ma quest'anno si sono verificati eventi più recenti. Vi sono numerosi precedenti di occupazione sionista nell'anniversario della moschea di Al-Aqsa. La moschea è la red-line dei palestinesi e, per evitare che ciò accada, sono venuti alla moschea da ogni parte il giorno prima della manifestazione. I sionisti li hanno bloccato la strada ma hanno abbandonato la loro auto e si sono avviati a piedi verso la moschea. Quella notte, che fu anche la notte dei palestinesi, tutti rimasero nella moschea per impedire l'aggressione sionista. La promessa dei sionisti era di arrivare alle sette del mattino e dal momento in cui arrivarono sono cominciati gli scontri. La moschea è stata bombardata e negli scontri centinaia sono rimasti feriti. Hanno cercato aiuto, i palestinesi, da altri palestinesi, dal mondo arabo e dai musulmani (nota personale: esiste una diaspora giudaica ma esiste una diaspora palestinese, nel mondo: dal continente americano all'Oceania, passando per l'Asia; me ne sono reso conto in queste settimane e...meno evidente e meno nota dell'altra, eppure esiste e non é meno "dolorosa": racconta di un popolo estromesso dalla sua terra; da quella terra che i suoi avi abitavano ancor prima degli altri!). La loro resistenza continuò e gli ebrei sionisti non osarono entrare nella moschea e si dispersero. Questo incidente è stato uno degli eventi più importanti. Sheikh Jarrah è il nome di un quartiere a Gerusalemme est (nota personale: non meno importante è quello di Silwan, posto sulle alture della città) dove i sionisti hanno cercato di "giudaizzare" l'area e hanno pianificato di impadronirsi e occupare quelle case con la forza (nota personale: la loro è una occupazione "scientifica" o scientificamente pianificata nel corso degli ultimi die...settanta anni, almeno; essa prosegue lentamente ma inesorabilmente al fine di scardinare la identità culturale, religiosa e familiare arabo-palestinese. Mi ricorda una "soluzione finale" di teutonica origine, una sorta di pulizia "etnico-religioso-territoriale": è un processo molto meno appariscente - non così tanto, tuttavia, se si leggono le scarne ma impietose cifre riguardanti vittime, arresti, torture, soprusi continui, assassinii, occupazioni di terre, espropri di case, abbandono e isolamento, bombardamenti - ma non meno destabilizzante; mi ricorda anche il vecchio colonialismo - soprattutto quello francese in Africa, nel Maghreb, ma anche quello britannico-boero-tedesco nell'Africa del Capo, quello dei belgi nel Congo attuale, quello degli aborigeni nel continente australiano, degli indiani nativi nel continente americano - che tendeva a sradicare l'identità dei popoli indigeni al fine di accaparrarsi della loro stessa "anima"...ci sarà mai, mi domando, una Little Big Horn per gli israeliani?). Gli abitanti di Sheihk Jarrah erano solo venticinque famiglie, ma erano un piccolo esempio dell'oppressione della Palestina nel 1948. Quindi, non erano solo venticinque famiglie ma rappresentavano tutti i palestinesi sfollati dal 1948. E' stata la somma di questi due eventi che ha segnato l'evento". Gerusalemme, prima del 1948, data miliare non solo per Israele ma anche per i palestinesi, purtroppo, rappresentava la parte neutrale, per così dire, all'interno dell'enclave arabo-israeliana: o meglio, una sorta di stato cuscinetto tra le due "compagini" in campo, sotto la custodia dei britannici i quali, alla fine, dovettero abbandonare il campo (il mandato) no per decorrenza dei termini (come si è soliti affermare in ambito legale e giudiziario) bensì per manifesta inferiorità...palese incapacità a risolvere la questione. In poche parole se ne lavarono le mani, come lo stesso Ponzio Pilato, il più famoso prefetto della storia dell'uomo, aveva fatto nel I° secolo a. C., dando in mano ai leoni (erano proprio, neanche a farlo apposta, i sadducei, ovvero gli aristocratici giudei del tempio) Gesù Cristo: sancendone, de facto,  con quel gesto, la successiva crocifissione. Ma i britannici non avevano le mani pulite, allo stesso modo in cui (come raccontano i Vangeli) non dovrebbero essere considerate tali quelle di Pilato.
 - Balfour e il 1917 - Il 1917 viene considerato dagli storici un anno importantissimo. Questo è il parere, ad esempio, di Furio Biagini che su Eunomia, Rivista semestrale di Storia e Politica internazionali, pubblicata ad opera dell'Università del Salento di Lecce, il 2 novembre del 2017 (nel 100°anniversario, cioé, della Dichaiarazione Balfour/Balfour declaration), parla di quell'anno come di "un anno cruciale", appunto; per i seguenti motivi: l'entrata in guerra (la grande guerra) degli Stati Uniti al fianco delle potenze dell'Intesa (Russia, Inghilterra e Francia, poi coadiuvate da Italia e Giappone ancor prima che dagli Stati Uniti); lo scoppio della rivoluzione bolscevica in Russia (a ottobre) che sancì, in pratica, l'abbandono da parte di quella della suddetta alleanza; la dichiarazione Balfour, come detto. Gli inglesi giocarono un ruolo importante, come sempre; ma anche mostrarono un atteggiamento a dir poco equivoco...utilitaristico: anche questo è accaduto spesso, nel corso della storia. "Il 6 aprile ", scrive Biagini, "gli Stati Uniti entrarono in guerra contribuendo, in maniera decisiva, a mutare il corso del conflitto, ma, soprattutto a modificare l'idea politica che i rapporti tra le nazioni si basassero esclusivamente sulla forza e non anche sul diritto. Per di più, l'intervento statunitense andava oltre i problemi strategici contingenti, inaugurando quello che potremmo chiamare il "secolo americano", l'inizio di un futuro radicalmente diverso per il mondo intero". In calce a quanto scritto, Furio Biagini aveva prima inserito (dopo il titolo del paragrafo che fa "L'anno che ha cambiato la storia") lo stralcio di un discorso di Woodrow Wilson, all'epoca presidente degli Stati Uniti, tenuto di fronte al senato il 22 gennaio 1917 (solo due mesi prima dell'intervento in guerra americano): "Nessuna nazione cercherà di estendere la sua politica su ogni altra nazione o popolo [...]; ogni popolo sarà libero di determinare la propria politica, dal più piccolo al più grande e potente".
 - E mangiamo terra, se abbiamo fame...e non ce ne andiamo. E con sangue puro, non saremo avari. Qui abbiamo un passato, un presente, un futuro. Ecco la mia patria Palestina. Non ho patria tranne me e non ci sono persone tranne me (Nona Nina - nonanina46 su instagram).
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento