username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Luciano Ronchetti

in archivio dal 29 set 2018

03 novembre 1962, Taranto - Italia

mi descrivo così:
Non ho esperienza letteraria pregressa.Libero pensatore,poeta, appassionato di arte, musica,cinema (e altro ancora), sport nonché "venditore di parole" (in genere, però, alle belle donne, ed anche a quelle meno belle, le regalo!) a cui piace scrivere di tutto - e su tutto:cittadino del mondo intero

04 luglio alle ore 22:10

Stories from Palestine - La giovane psichiatra uccisa

Il racconto

 - Mai Afana era una ragazza palestinese di ventivove anni ed esercitava la professione di medico psichiatra: é andata via da questo mondo il sedici giugno scorso, uccisa a sangue freddo dai soldati israeliani delle forze di occupazione, mentre si trovava all'interno della sua auto, nei pressi di un checkpoint ad Hizma, piccolo villaggio situato a circa sette chilometri da Gerusalemme, all'interno della cosiddetta "area C" della Cisgiordania. Quando sento parlare di checkpoint mi tornano spesso alla mente, come fosse un riflesso condizionato o autoindotto (o forse, chissà, sono soltanto reminescenze della memoria che solo quelli di una certa età possono avere: il Vietnam non dice un bel nulla a quarantenni, trentenni o ventenni!), quelli del conflitto statunitense in Vietnam che resero (tristemente) famosi luoghi sconosciuti ai più, oltre che remoti, come Da Nang o Lang Son: allora i marines stars&stripes (i famosi buoni dei film di guerra, così come le giubbe blu lo sono nei film di cowboys e indiani!) e la fanteria americana li chiamavano generalmente checkpoint "Charlie", identificandoli col nemico, i soldati nordvietnamiti o Charlie, appunto ma...molto spesso accadeva, però, che sotto le micidiali spire delle bombe al napalm, restassero imbrigliati anche numerosi civili, tra cui donne e bambini (ben pochi ricordano i bombardamenti del natale del 1972, quando i micidiali B-52 statunitensi misero a ferro e fuoco le città di Hanoi e Haiphong...io rivedo le immagini diffuse dai notiziari televisivi e i cieli che invece d'essere pieni di stelle sembravano dei vulcani in eruzione). Oggidì in Palestina sono disseminati tantissimi checkpoint: sono molti di più, probabilmente, di quelli che erano in Vietnam nonostante le dimensioni dei territori occupati dagli israeliani siano nettamente inferiori a quelle dello Stato del sud-est asiatico (quasi 158 mila chilometri quadrati contro 28 mila). Quello più noto si trova a Kalandia (conosciuta anche come Qalandia o Kalandiya), piccolo villaggio della Cisgiordania, a metà strada tra Ramallah e Gerusalemme. Nei pressi del villaggio si trova anche un campo profughi: circa diecimila persone lo popolano, vivendo in condizioni di fatiscenza estrema e povertà come accade in tutti gli altri disseminati lungo i territori occupati. Esso fu costruito nel lontano 1949 dall'Unrwa (Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e l'Occupazione dei Rifugiati Palestinesi nel Vicino Oriente). E' da dire che ogni campo ed ogni checkpoint raccontano spesso storie dolorose (come quella di Mai, appunto), ognuno di essi é intriso soprattuto di pianto piuttosto che di sorrisi. Questo, però, in particolare, é uno dei punti focali dei territori occupati lungo la cosiddetta linea verde (o green line), ossia quella linea di demarcazione immaginaria (lo era, nonostante fosse ben visibile nelle cartine geografiche e venisse citata sui i libri di testo che insegnano storia e geografia a scuola o nelle università) che venne stabilita nel 1949 tra Israele e i suoi confinanti (Egitto, Giordania, Siria e Libano ruotando da sudovest a nordest) all'indomani della prima guerra arabo-israeliana, quella dell'anno precedente, segnandone i confini sino alla guerra dei sei giorni, avvenuta nel 1967: dopo di allora, infatti, i territori annessi da Israele sotto la sua "custodia" (o messi al sicuro nella sua cassaforte, secondo come affermano alcuni: Israele viene definito Stato silos o cassaforte, appunto, per via del suo apparato militare e di sicurezza che lo circonda e lo rende quasi inespugnabile dall'esterno) furono quelli di Gerusalemme est; della Cisgiordania (o West Bank secondo la ripartizione e nomenclatura classica di matrice anglosassone); della Striscia di Gaza, che si affaccia direttamente sul Mediterraneo e comprende Gaza City - per gli anglosassoni - o Ghazza in arabo, o Azza in ebraico: altre definizioni della lingua araba la snocciolerebbero come Ghazzah e Gazzah, mentre in antichità veniva chiamata anche Ghazzat o Ghazzat Hashem, in onore del trisavolo del profeta Maometto - la quale passò poi nelle mani della AP (Autorità Palestinese) nel 2005 e definitivamente in quelle di Hamas (dopo le elezioni amministrative vinte nel 2006 sul rivale Fatah e al termine della "battaglia di Gaza" dell'anno seguente); delle alture del Golan (o Gaulantide), promontorio montuoso situato all'estremo confine occidentale proprio di fronte al territorio siriaco; della Penisola del Sinai, che delimita i confini tra territorio egiziano - nel versante africano - e israeliano - nel versante dell'Asia - e venne definitivamente restituita all'Egitto dopo gli Accordi di Camp David del 1979 stipulati tra il presidente Usa Carter, il premier israeliano Begin e quello egiziano Sadat. Molti li chiamano territori della Palestina o della Cisgiordania occupata; oppure, in modo più semplice e sbrigativo, territori occupati da Israele. Dal 2002, sotto la regia dell'allora primo ministro Ariel Sharon, Israele ha cominciato a erigere un muro vero e proprio la cui costruzione formalmente non si é mai arrestata: un enorme cantiere a cielo aperto, dunque, che copre all'incirca settecentotrenta chilometri di territorio in Cisgiordania, al di qua del confine con Israele (a tutt'oggi sono stati costruiti 570 chilometri di muro rispetto a quelli pianificati). All'interno di esso vi sono la maggior parte delle colonie israeliane e delle fonti idriche. Solo il 20% della barriera si trova in effetti lungo il confine tra i due Stati. Oltre ai checkpoint conta torrette, trincee e porte elettriche. Quella linea immaginaria così è diventata realtà, oggi (ma forse, chissà, esisteva già da molto tempo nella mente e nel cuore di migliaia di uomini!), materializzandosi: quella linea sono i muri, le recinzioni o i reticolati, i checkpoint (appunto), che demarcano confini, ampliano distanze a dismisura e rendono ancor più distanti le persone...ad anni luce tra loro. Nel 1979 (proprio lo stesso anno degli Accordi di Camp David) i Pink Floyd pubblicarono il loro undicesimo lp dal titolo profondamente emblematico e drammaticamente premonitore: "The Wall"! Roger Waters nel 2006, dopo un concerto da solista tenuto a Nevè Shalom, scrisse la frase "Tear Down The Wall" (Abbattete il muro) sul muro: la frase è la stessa che si trova nel brano The Trial, (anzi, è l'ultima frase di quel brano) contenuto nel doppio lp "The Wall" che l'artista aveva inciso con i Floyd ventisette anni prima (la prima strofa di quel brano suonava a questo modo: Buongiorno, vostro onore il Verme/Il pubblico ministero mostrerà chiaramente/Come il prigioniero che ora è di fronte a lei/Sia stato catturato in flagrante mentre manifestava dei sentimenti/Manifestava sentimenti di natura quasi umana).E' da notare che la scelta di quella località non fu casuale: Nevè Shalom è un villaggio sito a ovest di Gerusalemme (l'espressione sta per "oasi della pace"), venne fondato nel 1972 e vi risiedono tanto Arabi palestinesi, quanto Ebrei israeliani. A proposito del muro è interessante quanto scrisse Pietro Crippa, professore di Storia e Filosofia, nell'ottobre del 2014, in un articolo apparso nella rubrica Fortress World, dal titolo "Il muro tra Israele e Cisgiordania": "Lo scopo dichiarato dalle autorità israeliane è quello di ostacolare l'ingresso di terroristi palestinesi nel territorio statale. A sostegno di questa tesi si cita il netto decremento dei casi di attentati terroristici dal 2003 in poi. La Palestina, dal canto suo, giustifica tale dato specificando come negli ultimi anni vi sia stata una maggiore collaborazione tra gli attivisti anti-israeliani e il governo di Al-Fatah. La Cisgiordania e la sinistra isareliana, al contrario, vedono nella barriera un mezzo de facto per annettere buona parte della regione allo Stato di Israele. Nel 1949 viene tracciata una linea verde (o green line, appunto) tra Israele e la Cisgiordania: il muro verrà costruito all'interno di essa, dalla parte araba, a volte spingendosi fino a 28 chilometri nell'entroterra. L'obiettivo sta nel tutelare le numerose colonie israeliane presenti in territorio cisgiordano e sottrrarre terre a quest'ultimo. Come dirà il colonnello israeliano Arieli, parlando dell'omologo Tirza, responsabile della costruzione della barriera: "Tirza conosce la verità riguardo al muro; sa che esso prefigura la futura frontiera occidentale di Israele. Quindi ha capito che il tracciato doveva accaparrare il massimo di terre con il minimo dei palestinesi". "Nel 1991, prosegue Crippa nel suo articolo, i coloni in Cisgiordania erano solo 112 mila. Oggi sono più di 300 mila". Secondo il movimento pacifista israeliano Peace Now, nel febbraio del 2018 vi erano 132 insediamenti e113 avamposti (ma il numero aumenta di anno in anno esponenzialmente: sembra un malefico incantesimo...algoritmo!) in cui vivono oltre 400 mila coloni israeliani. A questi si aggiungono 97 insediamenti costruiti senza autorizzazione ufficiale (la stessa comunità internazionale li ha dichiarati più volte illeggittimi). - Con la costruzione del muro non possiamo più accedere ai nostri terreni, - dice Umm Judah, docente palestinese in pensione. - Tutto quello che avevamo ci è stato rubato. Piangiamo ma nessuno vede le nostre lacrime. - "Se si considera anche la popolazione di Gerusalemme est, annessa da Israele, sono oltre 500 mila gli israeliani che vivono nei territori occupati al riparo del muro", afferma Crippa; "inoltre vi sono più di cento outpost militari, embrioni di future colonie. Al tutto vanno aggiunti gli insediamenti spontanei". Nell'estate del 2018 il giornale brasiliano Folha de S. Paulo condusse una serie di reportage scritti e video sulle barriere costruite per chiudere i confini, fermare i migranti o nascondere la povertà (il titolo era "Un mondo di muri"): giunse a concludere che nel 2001 vi erano nel mondo 17 muri, diventati ben 70 dopo diciassette anni. "La barriera, inoltre, ha diversi effetti collaterali sulla vita quotidiana della popolazione palestinese", conclude Crippa, "frapponendosi tra case e scuole, erigendosi nel mezzo dei quartieri, esigendo la distruzione di interi mercati o villaggi con un preavviso di poche decine di minuti. Già nel 2003 l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha definito illegale la barriera. Questa decisione non era vincolante e non ha sortito effetti nella questione".  Mohammed Khatib afferma: - Io sono del villaggio di Bjl in, il mio villaggio è in Cisgiordania e il muro e le costruzioni israeliane nel mio villaggio mi dividono dalla mia terra. In quest'area gli insediamenti si stanno espandendo e distruggono gli ulivi e la terra. Solo gli israeliani hanno diritto ad accedere all'area e a noi, che siamo palestinesi, è impedito accedere alle nostre terre. - (la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, stipulata nel dicembre 1948, e conosciuta anche con la sigla di DUDU, recita all'articolo 17: "Nessun individuo potrà essere arbitrariamente privato della sua proprietà"). A Kalandia vi è viavài di gente tutto il giorno: il checkpoint è molto trafficato perché viene usato dai Palestinesi per transitare da (e per) Gerusalemme est per motivi di lavoro, sanitari, scolastici ed educativi, religiosi. Esso regola il flusso alla spianata delle moschee nella città gerosolimitana, anzi è la vera e propria porta d'ingresso verso quel luogo; è il biglietto d'accesso al tempio di al-Aqsa nonché ai quartieri di Silwan (posto sulle colline della città come fosse la cresta di un gallo: a me ricorda la città vecchia di Locorotondo, detta in dialetto murgiano "cummèrse", un avamposto della Puglia centro-meridionale situato su un'altura che domina l'intera Valle d'Itria, zona ricca di vigneti e uliveti che abbraccia le provincie di Bari, Taranto e Brindisi e resa famosa dalla presenza dei trulli e delle cittadine "bianche") e di Sheikh Jarrah, nodo centrale della "ebraicizzazione" e colonizzazione forzata (per molti altri trattasi di mero colonialismo imperialista o imperialismo colonialista, che sono la stessissima cosa, comunque!) messa in atto da decenni dallo Stato di Israele; nonché della pulizia "etnico-territoriale" attuata ai danni dei Palestinesi (palestinians secondo l'idioma english) al fine di renderlo sempre più puro...puramente israeliano e colonizzato ("alla faccia della soluzione fina...della shoah!" avrebbe detto, forse, - fosse ancora vivo - un omino teutonico col baffo breve). Israele, come è risaputo, richiede dei permessi a chi transita da un luogo all'altro, per ogni tipo di spostamento: "i Palestinesi, in buona sostanza," ha detto qualcuno in tivu', sarcasticamente, alcuni mesi orsono, "sono l'unico popolo al mondo a cui sia permessa la libera circolazione ovunque tranne nel caso in cui essi debbano attraversare i confini delle...del giardino di casa!".Ma le cose, purtroppo, non sono così semplici. Secondo la organizzazione B'tselem, la quale ha sede a Gerusalemme e da tempo lungo oramai monitora e documenta le violazioni dei diritti umani in Palestina, la maggior parte delle persone che usano il checkpoint a Kalandia sono residenti di Gerusalemme est separati dalla città dalla barriera della Cisgiordania, appunto. Spesso il luogo é stato teatro di manifestazioni antiisraeliane, proprio in virtù della sua notevole importanza logistico (nevralgica) strategica e simbolico-politica. Il sedici dello scorso mese di aprile, avvenne l'inimmaginabile (lo è, purtroppo, solo per noi occidentali: da quelle parti si tratta invece di normale e consueta amministrazione!). Infatti, proprio durante il primo venerdì del Ramadan musulmano-islamico (o coranico, se meglio garba a qualcuno), molti fedeli si spostarono dai vari villaggi della Cisgiordania per giungere a Gerusalemme, passare la barriera e poter pregare poi al proprio dio in tutta pace e serenità nella moschea di al-Aqsa: a tanti di loro, tuttavia, fu impedito il passaggio da Kalandia verso Gerusalemme. Di lì si susseguirono una serie di eventi tragici, i quali, in breve, finirono per essere senza controllo e portarono alla successiva crisi: gli assalti dei coloni verso i fedeli musulmani, dapprima alle varie porte della città e poi nei pressi della stessa moschea di al-Aqsa; le barriere metalliche innalzate dai soldati israeliani vicino le porte di accesso all'interno di Gerusalemme. Vi furono così disordini e arresti e poi vi...si sollevò il grido di aiuto invocato dai Palestinesi ai loro fratelli musulmani, raccolto da Hamas; infine, si ebbe la reazione israeliana a suon di tromba e petardi...bombe lanciate dai micidiali F-16 ed F-35 di fabbricazione statunitense, nel corso dei loro raid sopra l'inerme Gaza e la sua gente (la città, la quale conta poco meno di seicento mila abitanti, ha una densità che supera i tredici abitanti per chilometro quadro e conta uno dei tassi di urbanizzazione tra i più alti al mondo), etc. La giovane Mai Afana risiedeva ad Abu Dis: villaggio anche esso situato ad est di Gerusalemme ed il quale - secondo l'ultimo censimento del Palestinian Central Bureau of Statistics - conterebbe poco più di dodicimila abitanti mentre secondo The Guardian, noto quotidiano popolare inglese dell'area di Manchester, sarebbero addirittura trentamila. Fa parte del cosiddetto Governatorato di Gerusalemme della Autorità Nazionale Palestinese (ANP) ed è noto tristemente (ogni piccolo villaggio, così come del resto i checkpoint e i campi profughi, lo è in Palestina e Cisgiordania per un motivo od un altro) soprattutto per la presenza di un muro alto ben otto metri (simile, del resto, a quello che circonda Gaza City) che ai suoi abitanti impedisce la vista sulla città santa e - come ha scritto Luigi Gavazzi su Timgate - "separa alcuni di loro dai campi che coltivavano". E' tornato agli onori della cronaca nel gennaio scorso, quando l'allora presidente Usa Donald Trump decise di volerlo riportare sulla mappa: il suo piano di pace, infatti, prevedeva che Abu Dis diventasse la capitale (assai improbabile)  della Palestina. Nell'agosto del 2013 Kalandia (il campo profughi così come la zona vicina al checkpoint) fu teatro di violenti scontri che portarono all'uccisione di tre uomini ed al ferimento di quindici. Harriett Sherwood scrisse su The Guardian: "Gli uomini sono stati uccisi durante un raid mattutino per arrestare un sospetto nel campo di Qalandiya. Le forze di sicurezza israeliane hanno affermato che le guardie di frontiera hanno reagito dopo essere state attaccate da un massimo di 1500 persone che lanciavano pietre dopo essere entrate nel campo prima dell'alba. I giovani hanno dato fuoco alle gomme delle auto e lanciato poi pietre e molotov al vicino checkpoint...l'esercito israeliano ha detto che le guardie agivano per legittima difesa: - durante una incursione notturna delle forze di sicurezza...sono stati accolti con una condotta violenta e disordinata da centinaia di Palestinesi che li hanno attaccati, - si legge in una nota. - Quando hanno sentito un pericolo immediato per le proprie vite hanno aperto il fuoco contro gli aggressori. - (Nota personale: la Palestina e i territori occupati sono una storia a sé stante rispetto ad altrove, al resto del mondo; tuttavia, quello che accadde otto anni fa, raccontato dalla Sherwood nel suo articolo, fa parte a mio parere di un copione scritto milione di volte, d'una pellicola vista e rivista ovunque: polizia, esercito, guardia nazionale, forze di sicurezza o chi per loro, quasi sempre si sentono in pericolo di vita, in strada, durante una manifestazione o dei disordini ma anche si sentono in...altrettanto spesso si sentono in dovere di aprire il fuoco e di farlo, ahimé, ad altezza d'uomo!). Ma i testimoni hanno affermato che almeno due delle tre vittime erano astanti. Robin al-Abed, 32 anni, è stato colpito al petto mentre cercava di andare da casa sua al posto di lavoro, e Jihad Asslan, 20 anni, è stato dichiarato cerebralmente morto dopo essere stato colpito da un colpo di arma da fuoco sul tetto della sua casa dove era andato a guardare gli scontri, ha detto un vicino di casa degli uomini, Abu Omar Hammad. Il terzo morto era Younis Jahjouh, 22 anni, anche lui colpito al petto. Hammad, che vende dolci nel campo, ha detto di essere stato svegliato dai suoi figli alle sei del mattino per trovare - soldati che soffocavano il quartiere. - Ha detto di aver visto sparare ad al-Rabed mentre cercava di raggiungere il suo lavoro con l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, UNRWA. - Non lanciava sassi. I soldati hanno aperto la portiera posteriore della loro jeep e gli hanno sparato al petto. Il proiettile gli è uscito dalla schiena e vomitava sangue. Ho chiamato un'ambulanza ma gli è stato impedito di entrare nel campo. Ho visto molte incursioni in questo campo, ma questa era diversa. Sono venuti per uccidere! -". La dinamica ricorda, per certi tratti, l'uccisione di Said Yousef Mohammed Odeh avvenuta il 5 maggio scorso a Odala, piccolo villaggio del Governatorato di Nablus, nel West Bank del nord. Quella notizia mi lasciò esterrefatto per un bel pò, dopo averla letta. I soldati, infatti, in quel caso affrontarono un gruppo di giovani all'ingresso del villaggio; il ragazzo, il quale aveva soltanto sedici anni, fu colpito alle spalle da due colpi di arma da fuoco, esplosi dai soldati nascosti in un uliveto, all'ingresso del villaggio: una vera e propria imboscata di stampo an...mafioso, nulla da eccepire. Ma quello che mi sconvolse fu questo: gli stessi soldati dopo l'accaduto non hanno permesso ai soccorritori di prestare aiuto immediato al ragazzo (le ambulanze palestinesi furono bloccate per quindici minuti), che morì durante il tragitto in ospedale. Ayed Abu Eqtaish, direttore del programma di responsabilità minorile presso Defense for Children International Palestine dichiara: - Le forze israeliane uccidono bambini e ragazzi anche quando non rappresentano minaccia alcuna. - La Sherwood continua il suo articolo citando un'altra importante testimonianza dell'evento del 2015: "Fadi Mater, 27 anni, è stato colpito ad un braccio mentre cercava di nascondersi vicino alla moschea del campo. Ha detto: - All'inizio ho pensato che fosse una disputa familiare (molto spesso si sente il rumore delle pistole nel campo), ma poi c'erano sparatorie ovunque. Mentre mi nascondevo, ho visto un ragazzo uscire di casa per andare a lavoro e, boom, gli hanno sparato. Normalmente, a quell'ora i bambini vanno a scuola e la gente va a lavorare, na tutti cercavano di nascondersi. - All'ospedale di Ramallah Mater è andato per farsi curare ed ha espresso seri dubbi sul processo di pace: - Gli israeliani ci stanno ingannando. Se avessero voluto la pace, non avrebbero fatto irruzione nel campo! - Hatim Khatib, il cui fratello Youssef è stato l'obiettivo del raid, ha detto che le truppe in borghese sono arrivate a casa loro alle 4,30. - Dopo mezz'ora abbiamo iniziato a sentire sparare dai soldati all'interno della nostra casa, e poi la gente ha iniziato a lanciare loro pietre, - ha detto all'Associated Press. Youssef è stato arrestato dopo essere tornato dalla preghiera del mattino. Ha detto che in precedenza era stato incarcerato per aver lanciato pietre ed è stato rilasciato tre anni fa". 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento