username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Luciano Ronchetti

in archivio dal 29 set 2018

03 novembre 1962, Taranto - Italia

mi descrivo così:
Non ho esperienza letteraria pregressa. Libero pensatore, poeta, appassionato di arte, musica, cinema (e altro ancora) nonché "venditore di parole" (in genere, però, alle belle donne, ed anche a quelle meno belle, le regalo!) a cui piace scrivere di tutto - e su tutto: cittadino del mondo intero!

09 luglio alle ore 5:08

Sulla riva andante del lago Bakunino

Il racconto

Dialogo breve tra l'anima Caronte - di un morto - ed il morto Estragon - da trasportare; liberamente ispirato e tratto da: "Aspettando Godot", di Samuel Beckett.

                                                =Personaggi=
+Caronte=l'anima di un morto;
+ Estragon=il morto;
+il bardo;
+il filosofo cieco (Andromedo).

Caronte     Allora che cosa aspettiamo? Andiamo: l'ora è già buona!
Estragon   Aspettiamo ancora un po': è meglio così. A volte ritornano; aspettiamo di                          sapere: se qualcuno verrà e cosa ci dirà. Qualcuno, sì, penso proprio che                        verrà.
Caronte     Chi?
Estragon   [Loro]...I morti a volte ritornano (...almeno loro!). E'meglio così che                                    aspettiamo.
Caronte     Sai, amico mio, credo che nessuno mai ritornerà da lì, dall'altra sponda. I                        morti: no, di certo...Non sono sicuro di niente, di ciò che dici; del "ritorno"                        come tu parli. Non sono sicuro (mai) di niente: ho visto tanto nella mia vita,
                  ormai! Forse le anime [dei morti] ritornano, a volte. Non sò: mai, però, mi è
                  capitato di vederne una. Dai, su, andiamo.
Estragon   Non aver fretta, caro amico mio. Ti prego, dai, non avere fretta. Non bisogna                    mai averne nella vita: che la fretta...mai porta (di) buono, niente!
Caronte     Va bene, va bene. Allora aspettiamo ancora un po'.

Breve pausa. I due rimangono immobili, le braccia appese, il mento sul petto e le ginocchia piegate. Ad ascoltare il silenzio: grottescamente in attesa. Dopo di che...(ovvero, qualche minuto più tardi).

Caronte     Dai, su, andiamo: che l'ora è già buona da un pezzo. Andiamo.
Estragon   Sssssssss! Non senti anche tu uno strano fruscio, laggiù tra i cespugli?
Caronte     Non sento nulla: eppure non sono (mica) privo di udito!
Estragon    Senti? E' sempre più forte.
 
I due - all'unisono - tendono l'orecchio. Caronte perde l'equilibrio e quasi cade. Si aggrappa al braccio destro dell'altro che, a sua volta, barcolla. Rimangono per qualche momento in ascolto...(ancora) del silenzio, abbracciati l'uno con l'altro  e gli occhi negli occhi. Poi...

Estragon     Eccolo!
Caronte       Chi?
Estragon     Sssssssss! Ma...è soltanto un piccolo gatto bianco!

(Sospiri di sollievo di entrambi. Distensione. Si allontanano l'uno dall'altro). Poi riprendono a parlare.

Caronte      Mi hai (quasi) spaventato: per un attimo, sai, ho creduto...Anche io ho                             creduto a qualcosa; credevo fosse proprio nero: è invece...
Estragon     Vedi che anche tu, quando vuoi: allora non sei proprio un maledetto                                  lurido bastardo miscredente! Sei recuperabile!
Caronte       Ma è stato un attimo, sì un attimo soltanto: ho creduto...sono bastardo                            dentro io!
Estragon     Sì, lo so quello che sei, amico. Hai creduto che fosse lui?
Caronte       Chi?
Estragon     Hai creduto che fosse lui? Che fosse qualcuno?
Caronte       Ma no, dai, che dici? Ho creduto soltanto per un attimo...Nessuno.                                  Andiamo che l'ora è (già) buona da un bel pezzo, ormai. I morti non                                ritornano mai, forse - chissà - le anime, quelle dei morti a volte, quelle che                      nessuno ha voluto o quelle che non trovano pace neanche dopo la morte:                      ma...non so, non sono sicuro di niente. Ficcatelo per bene in quella testa                        vuota che hai: anche tu, amico, hai la testa uguale alla mia, sai? Andiamo!   Estragon     No, aspettiamo ancora un po': magari fino alle tre e poi andremo, se                                vorrai.
Caronte        Aspettiamo ancora un po' allora.

                                         =Post dialogo
il bardo ne: l'appello (degli appelli)  Tappezziamo la realtà di buchi neri: per modo che                       la mente vi si possa dentro infilare, (e) vagare - colà - alla cerca della via                         d'uscita.
il filosofo cieco (Andromedo) ne: il post-appello  Il tempo è illusione: tutto è illusione; il                       tempo trascorre ma tu puoi solo rincorrerlo, invano! - Il tempo gira su se                           stesso - mi disse una volta un monaco buddista di nome Zarathustra, - ma
                   ogni momento possiede in se il suo senso...Nessuno torna, loro non                               tornano indietro dal viaggio.
 
Taranto, 27 febbraio 2017.
 

 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento