username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Maria Angela Carosia

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Maria Angela Carosia

  • 02 novembre alle ore 18:34
    Cuore che non può

    Cuore che non può 
    regalare, i doni immerge
    si ritrova a fronteggiare
    il maltempo, passo dopo passo
    ostinato si prende tutto
    niente resta per gli altri
    ruba pure le più piccole cose 
    senza donare pretende
    che tutti lo cercano
    sta male e per questo
    si arrabbia. Vorrebbe
    voltare pagina, rinascere
    per una nuova esistenza
    E' stanco di vedersi malato
    desidera sognare
    sperare che ci sia una possibilità
    di vedere un sole bellissimo
    passeggiare con la vita
    che cambia, dove volano
    gli aquiloni e verdissimi prati
    in sogni stupendi

  • 17 ottobre alle ore 15:34
    Oltre il vento del cuore

    Parole si fermano
    lungo i pendii di una strada
    sostenuta da sostegni
    per i quali si smortano
    idee per invidia forse
    oppure per ostinazione
    Presto si sveglia, a volte
    la stessa melodia
    che incomincia a cantare
    Com'è monotona
    i tasti chiude
    riaprendoli, partendo
    dal medesimo punto
    dove aveva interrotto
    la predica, usando
    uno strumento noioso
    Poi risposte stanche
    l'allontanano, si muovono
    non facendosi trovare
    oltre il vento del cuore
     

  • 11 settembre alle ore 18:57
    Spiraglio di speranza

    Desolante è il pensiero
    di un brivido freddo
    è un sentimento morto
    costellato di avarizia
    di indolente ipocrisia
    soffia fortissimo
    veloce si allontana
    peggio che curare
    la fine di una vita
    la fine di una pianta
    ove il sole scompare
    e al suo posto
    c'è la mancanza
    del nutrimento colmo
    d'amore, che respira
    adorandoti. Incontro ti viene
    avvolgendoti con un bacio
    sincero senza farsi pregare
    sorridendo a pupille
    grandi, si dona
    Lo accolgono e non dimenticano
    quanto sia prezioso o è stato
    mentre trasportati dalle onde
    sbattevano rimanendo impigliati
    a graffi profondi
    nelle valli scoscese
    La speranza non deve mai mancare nella vita, è il sapore della poesia, l'essenza stessa della nostra esistenza...

  • 29 agosto alle ore 13:14
    Forse speranzosa

    Voglio dirti
    che scrivo pensando a te
    nel greve silenzio
    di vuote parole
    so di offuscare
    arie e nello scrivere
    interrompere
    profondità di abeti
    con grosse radici
    che si incamminano
    e abbracciano il terreno
    inzuppato sotto un cielo
    nuvoloso, chiedendoti
    d'aspettare la nascita
    di un'altra alba
    forse speranzosa

     

  • 13 luglio alle ore 10:15
    Sospesi in eterno

    Sono i ricordi
    che ci tengono vivi
    in un angolo di cielo
    che sovrasta il mare
    assenti saremmo
    se non esistessero
    la nostra vita non avrebbe
    alcun senso
    dovremmo darle
    immediatamente un taglio
    e sparire sospesi in eterno
    fra le nubi silenziose
    bagnate dai nostri pianti
    di tristezza ma anche gioia
    intrise da malinconia
    e nostalgia
    Viviamo attaccati al passato
    stretti a lui
    Ci bacia e sciogliendoci
    ricorda, di non dimenticarlo
    perchè è ossigeno per noi

  • 19 maggio alle ore 11:49
    Senza tracce trascurare

    Se non c'è nulla 
    a cui aggrapparsi
    qualsiasi tentativo fallisce
    fallisce
    e tu non puoi fermarlo
    va avanti, procede dritto
    verso una discesa
    che si impenna
    quando ti fissano negli occhi
    non sai che dire
    accorciandosi il fiato
    crollando pure, viadotti
    sotterranei
    Li senti crollare
    sotto ai tuoi piedi
    che fanno tremare
    e non c'è verso
    per poterti raddrizzare
    l'unica possibilità
    è di accogliere il verdetto
    e farlo tuo
    non facendolo scappare
    che rimanga con te
    come una perla preziosa
    da mostrare
    rallegrandoti che ci sia
    Guai se non ci fosse
    nel tuo armadio
    disordinato
    dove lo straccio
    può servire
    per fare le pulizie
    senza tracce trascurare

     

  • 30 aprile alle ore 14:27
    La farfalla

    Leggera vola.
    Si posa su di un fiore
    le sue ali continuano
    a sbattere delicatamente
    petali che ha scelto
    li contempla
    al sole è più bella
    e nell'attesa del domani
    si spera, di veder
    tramonti lontani
    nell'anima che danzerà
    sulle punte della dita
    girando abbracciata
    alla speranza
    di un suono
    incantevole e vivo
    Che sarà mai, la bufera
    se non intimorisce
    se si guarda con coraggio
    trasformandola, in una piuma

  • 19 marzo alle ore 10:54
    Il tempo è mite

    Il tempo è mite
    ma la ragione
    scolpisce atteggiamenti
    quelli che feriscono
    indubbiamente
    si portano appresso
    nelle borse delle cose
    lì c'è tutto. Le conti
    una ad una e dopo
    averle osservate
    l'espressione si fa scura
    mentre si piega
    scavando un passato
    vecchissimo
    che ricorda ricordi trafugati
    Emergono stringendo
    cuori affranti
    nel cinismo cattivo
    dell'arroganza
    nascosta nella paura
    che tiene molto svegli
    con poche ore di tranqullità
    per la mente ed il cuore.

  • 19 marzo alle ore 10:51
    Miracolo

    Spesso qualcuno lo aspetta
    lo aspetta con ansia
    la paura attanaglia 
    sempre più invadente
    ponendosi un quesito
    Mi terranno le mie braccia
    o mi lasceranno andare
    ad aspettare un altro cammino
    dove si sta tranquilli?
    Il tempo fugge, si veste lontano
    scruta l'orizzonte ed abbandona
    in assenza di una lacrima
    e di uno sguardo
    che il cuore rasserena
    senza esser schiaffeggiato
    da omicidi e distruzioni
    per una vita migliore
    dove non c'è egoismo
    ed ingordigia

     

  • 18 gennaio alle ore 18:52
    Sulle note dei poeti

    Sulle note dei poeti
    il cielo appare
    dipinto si lascia
    ammirare ed estasiato
    accoglie tutti i pensieri
    belli o brutti
    che siano
    e dall'alto si dispera
    in un profondo mistero
    tantissimi uno dentro
    l'altro e nel guardarli
    si commuove
    come il mare d'inverno
    scosso dalla pioggia
    che riga visi
    toccati dal ghiaccio
    assorto in preghiera
    rivive senza scoraggiarsi
    per altri tempi che verranno
     

  • 15 dicembre 2018 alle ore 21:09
    Soffia tra le dita

    Sei in un posto
    e non sai se indietro
    tornerai
    a rivedere tramonti
    mentre la vista si posa
    su un piccolo fiore
    che soffia tra le dita
    avvistando un cielo rapito
    da chi lo guarda intenerito
    Ti volti ma non t'accorgi
    di nulla. Tutto sembra normale
    che la vita possa continuare
    come ogni giorno
    nella solita routine
    distraendoti anche
    scoprendo cose nuove
    riempiendo un vuoto grande
    comunicandolo al mondo
    Le radici ben piantate sembrano
    che si staccheranno
    quando vecchie saranno
    dal suolo benvoluto
    e dalle traiettorie percorse
    senza badare al nemico
    che può spuntare all'improvviso
    Avanti qualcuno ti aspetta
    non sai dove, ma c'è
    pure se lo ignori
    nelle ripide discese
    dei tuoi viaggi terminati
    quando i cambiamenti di umore
    sono più frequenti

     

  • 19 novembre 2018 alle ore 19:07
    Nella sua meraviglia

    Non dimenticare che la poesia
    di una eterna follia
    impavida si avvolge
    nel suo scialle
    romantico lei
    come nessuna al mondo
    può darti quel che vuoi
    la senti, vive
    dentro di te
    E'sola, quando ti vede
    sa emozionarti
    non ti fa sentire sola
    scalda il tuo corpo
    e cancella le paure
    sognando
    si immerge nei sogni
    in dolori immensi
    dove cura le cicatrici
    con i suoi versi eleganti
    L'amore cresce, mentre
    ascolta la voce del cuore
    che è triste
    e scorge un temporale
    che finisce nella sua meraviglia

  • 12 novembre 2018 alle ore 14:32
    Nel raggio di un sole

    Nel raggio di un sole
    sboccia una rosa
    splendente più che mai
    petali rossi
    ravvivono il cielo
    e visi incantati
    esprimono lo stupore
    di quanto la natura
    sia speciale
    per creature buone
    e belle, che rispettano
    il ciclo di gesti naturali
    e non superficiali
    osservando antiche
    tradizioni cancellate
    dalla smania
    di essere potenti
    per conquistare la vetta
    più alta e lanciarsi
    con il paracadute
    mentre guardano
    con gli occhi in su.

  • 17 ottobre 2018 alle ore 16:27
    Raccontare il silenzio

    Magari sapessimo
    raccontare il silenzio
    non farlo stancare
    e un'ombra portarla sempre
    con noi rivedendoti
    potessi credere che era
    tutta un'illusione
    che traspariva nel tuo viso
    ingannato da una pioggia di sole
    lontana. Come ridevi
    quando la nebbia non c'era
    eri quieta, convinta di vedere
    il mare calmo pure a nord
    con la tramontana pacifica
    ed un'alba sorridente
    Per te, fingeva.
    Il buio, molto presto ti rapiva
    e lo sentivi, nervoso.

  • 21 settembre 2018 alle ore 18:33
    Domani forse

    Domani forse
    andrà meglio
    domani forse
    saremo sereni
    ci sentiremo un pò
    più liberi
    senza la paura
    che un vuoto ci schiaccia
    nel pianeta
    molto complicato per un cuore
    che non vola
    tra vita e morte
    in venti che camminano forte
    Non è facile tenere il timone
    di una nave quando il mare
    è mosso, non è facile
    andare dritti senza sbattere
    sulle scogliere senza sprofondare
    ma che ne sanno quelli
    nati, nell'oro prezioso?

  • 02 settembre 2018 alle ore 17:45
    Mi emozionano sempre

    Mi emozionano sempre
    intramontabili veramente
    quando le ascolto
    mi faccio trasportare
    più dalla musica
    che dalle parole
    può darsi, perchè
    la leggerezza è un'azione 
    lenitiva dalle lettere
    non esce niente
    da far distendere i nervi
    mentre tasti lenti
    conquistano l'anima
    accarezzandola nei punti
    giusti facendoli sparire
    facendo nascere pensieri
    meno cupi arrivando al sole
    ed alle stelle, sorridenti

  • 24 agosto 2018 alle ore 13:28
    Rivolti al passato

    Sei apparsa nei miei sogni
    in quei respiri sento il silenzio
    una musica nuova
    traspare nel sole
    vellutata si adagia
    e posandosi sui pensieri
    vedo uno sguardo sorridente
    molto rilassato
    che non sa dare una risposta
    mentre un'emozione
    vola e di impulso l'anima respira
    quando insegue la mattina
    dubbiosa con gli occhi
    rivolti al passato
    non tanto lontano.

  • 18 gennaio 2018 alle ore 9:41
    Con la neve nel cuore

    L'aspetti
    mentre dolcemente la senti arrivare
    nell'ebbrezza di un'aria
    che accarezzi e scoprendola
    cammini senza pensare
    alle cose tristi nei sentieri
    tortuosi che impediscono
    di uscire dalla tana del tuo lupo
    che grande si fa imponendo
    il suo tempo e la sua storia
    in un bosco fitto dove la luce
    se ne va, con la neve nel cuore

  • 13 gennaio 2018 alle ore 21:00
    Nel fluire di una nevicata

    Nel fluire di una nevicata
    ci si sente rapiti
    dal suo fascino bianco
    avvolti dal ghiaccio
    che si rapisce in un respiro
    affannoso che tremando
    si abbellisce nelle sue forme
    più chiare come limpidi occhi
    tra pensieri cancellati
    dalla morbidezza sinuosa
    di un delicato lenzuolo
    e invisibili stelle
    rinchiuse da una notte eterna

     

  • 09 gennaio 2018 alle ore 15:45
    Dalla finestra

    Dalla finestra
    il cielo si respira
    nell'arduo di un pensiero
    che angusto si posa
    su una pioggerellina
    sottile in un arrivederci
    alle feste finite
    riflesse nel verde
    invernale, un tempo
    lasciato nelle rive
    a raccogliere gli ultimi resti
    di conchiglie cercate
    adagiate sul bordo del fiume
    malinconico e triste
    che l'aria assorbe

  • 04 dicembre 2017 alle ore 9:44
    Canzoni intramontabili

    Hanno un volto
    una sola faccia
    ti emozionano
    come gocce di profumo
    si espandono sentendole vive
    ogni volta che le ascolti
    Ti fan venir voglia di seguire 
    quel ritmo vecchio
    ma che vorresti seguire sempre
    L'umore migliora, gettando lo sguardo
    infelice cambiandolo con un altro
    Ti muovi danzando oltre quel sipario
    di un errante destino che ti ha infastidito
    molte volte incominciando a farsi sentire
    quando la musica finisce e sola ti lascia
    nel vuoto del tempo

     

  • 13 ottobre 2017 alle ore 11:24
    Nelle sere

    Nelle sere di certe giornate
    il tempo mente
    vaga nel suo mondo
    che non ha ritorno
    si concede a pause riflessive
    vorrebbe mettere tutti i tasselli
    a posto rivedere storie passate
    come temporali d'autunno
    che gocciolano immensamente
    riprendere fiato, e attendere
    di illuminarsi ancora
    e trovare un piccolo tassello
    spostato da una lingua
    spaventata dai suoi imbrogli
    senza fine

  • 05 ottobre 2017 alle ore 17:01
    Nella terra bisognosa

    E' lei, la semplicità, che non mette in difficoltà
    è lei che d'innanzi a una parola in più
    fa risplendere  volti che pensano di non avere un futuro
    che possono vederlo soltanto in un miraggio
    Lei è la vita, con le sue doti gentili, che si appresta
    a ridare speranza alle genti scoraggiate 
    da un ingorgo di fiumi che si intrecciano
    fermando un cammino spaventato
    e abbandonato, da quelli che molta strada fanno
    e non varcano un respiro nella terra bisognosa

  • 11 settembre 2017 alle ore 18:23
    Arrivò all'ìimprovviso

    Arrivò all'improvviso
    quell'aereo si schiantò
    il pianeta tremò difronte
    ad un boato che nel cielo
    occhi arrivarono scrutandolo
    e pensando da lontano
    Immediatamente la notizia
    si diffuse, in quel vuoto
    devastante, ove invisibili pianti
    presero posto ad urla silenziose
    fornite a televisioni
    che fecero il giro di tutto il mondo
    con il fiato sospeso, in interminabili
    voci di domande numerose

    11 settembre

     

  • 17 giugno 2017 alle ore 22:44
    Riscrivi il tempo

    Riscrivi il tempo e pensi
    a quello che è passato
    e poi lo scegli, fra tanti
    dispiaceri. È lui che vuoi
    non lo cambieresti, neanche
    per un miliardo di stelle
    anche se sono più belle
    più intelligenti. Ti accontenti
    non dici niente, ma capisci
    che la tua ragione di esistere
    può aiutare a dimostrare
    che non bisogna demoralizzarsi
    perché c'è solo un'alternativa
    o proseguire, oppure spegnere
    tutti i riflettori e prenderci il posto
    che ci aspetta lassù, senza ma
    senza se, nel paradiso spensierato
    dei colori infiniti, ove il tramonto
    si addormenta rapidamente
    abbracciato ai pensieri finiti