username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Maria Angela Carosia

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Maria Angela Carosia

  • 14 febbraio 2015 alle ore 16:34
    Nostalgia

    Rimpiangi il passato
    scrutandoti intorno
    Lo senti con un cuore
    che piange e malinconico
    si veste proteggendosi
    dalle sue languide serate
    spogliate da cima a fondo
    che allungano gli sguardi
    e immaginano un cielo
    variopinto per ritornare
    a sperare ancora, quando
    le parole, non ci sono più

  • 29 gennaio 2015 alle ore 17:08
    Siamo soli

    Siamo soli, come il vento
    che parla distante 
    dagli occhi sinceri
    dalle nuvole
    che oltrepassano
    sentieri tortuosi
    nelle vallate nevose
    incantevoli suggestioni
    delle sere pensierose
    Siamo soli, scrutando gli inverni
    rattristati che inneggiano
    l'età invecchiata, in un volo 
    rassegnato ed eternamente
    infinito, dentro il sogno
    di suoni celestiali

  • 28 gennaio 2015 alle ore 13:21
    Appare stanco

    Il vento appare stanco
    non si misura con la tenacia
    delle corde che sono tese
    ed indurite per storie smarrite
    come tragici colpetti
    che risalgono in alto
    lì al sicuro, dove nessuno
    può prenderli e neanche punire.
    Sono irrangiungibili
    godendosi spettacoli atroci
    con perdite stratosferiche
    dell'immaginabile di menti
    intrappolate nell'agiatezza

  • 19 gennaio 2015 alle ore 13:30
    Vivere, sì certo

    Vivere, si certo ma fino a che punto
    l'anima può sorreggere tutto il male
    che pesa, ingannando se stessa
    a proseguire per la sua strada
    non abbattendosi e non arrabbiandosi
    coi bisbigli della gente, se non vuol
    solo sognare, ed incontrare la vera realtà
    che fa paura ma necessario è 
    per non imbrogliare la verità

  • 02 gennaio 2015 alle ore 16:54
    Sarò solo una poesia

    Sarò solo una poesia
    nell'azzurro
    dove solo il vento mi vedrà
    e da là ti parlerò
    ti dirò quanto ho ascoltato
    la mia verità, perchè possa
    tu comprendere
    che bisogna accettare
    anche se male farà
    ma non come la menzogna
    che lentamente sfinisce
    e per sempre morirà

  • 24 dicembre 2014 alle ore 17:19
    Confondi l'amore

    Confondi l'amore
    con il perdono
    alleggerendo la testa
    che comprime
    togliendoti il respiro
    paragonandolo
    ad uno spauracchio
    e non ciò, che vale
    veramente, per il corpo
    esistente, sacro per il vivere
    armoniosamente fra dissensi
    e consensi, in un parsimonioso
    treno ritardatario

  • 21 dicembre 2014 alle ore 14:28
    Le pieghe dell'anima

    Le pieghe dell'anima si nutrono
    con un battito di vento
    che friabile aggredisce, momenti
    spogli e miserabili padroni
    al termine di viaggi scontenti
    osannati dalle pesti incatenate
    a terre dove climi si surriscaldano
    nell'arteria che si immette
    su una rampa franata, per le pietre
    assassine
     

  • 13 dicembre 2014 alle ore 14:15
    Amano

    Amano quelli che nel cuore
    hanno solamente amore
    Amano quelli che sopportano
    e si nascondono nel vento
    dei sogni vivendoli profondamente
    senza interrompersi mai
    e come favole compiono azioni
    straordinarie, ascoltando disperazioni
    piangendo, in preghiere sentite
    rivolgendole ad esseri, che non sanno
    chi sono, quelli caduti, nel pozzo profondo

  • 13 dicembre 2014 alle ore 10:55
    Ombre nuvolose

    Spariscono vite
    straziate immerse
    dal dolore ingiurioso
    con elastici stretti
    che arrestano storie
    rinnovate nella convinzione
    di viver gioiosi sotto altre coperte
    nuove, desiderose di una svolta
    miracolosa, che sboccia
    solamente, dalle ombre nuvolose
     

  • 07 dicembre 2014 alle ore 13:03
    C'è un limite

    C'è un limite
    che esplora la forza
    e la sostiene
    anche se tutto
    sembra perduto
    di non poter resistere più
    farneticando in quei dolori
    opprimenti che asciugano
    la gola e tolgono i respiri
    non permettendo di vivere
    come vorremmo, in quella
    calma interiore, indispensabile
    per noi che viviamo inseguiti
    dai fantasmi del nostro passato
    turbandoci infinitamente, quando
    finiamo d'apparir
     

  • 05 dicembre 2014 alle ore 22:55
    Ogni alba rivive

    Ogni alba rivive
    un nuovo giorno
    e formandosi da un calcio
    alla luna assopita
    che si sveglia all'imbrunire
    temendo di soffrire di nuovo
    per l'ennesima volta ancora
    nell'ascoltare pene severe
    con ascolti
    vertiginosi, e immediate
    risposte taglienti
     

  • 03 dicembre 2014 alle ore 11:35
    Tutto passa

    Tutto passa, assecondando
    i morti deceduti per venti
    malati che scoppiano
    per l'esagerato cemento
    continuo, in soli imbevuti
    di arie modificate, dall'eccesso
    dei super poteri. Svegli ma
    imprudenti, senza domandarsi
    cosa si aspetta la terra
    che avvolge il mare rattristato
    col timone che lo salpa

  • 02 dicembre 2014 alle ore 13:05
    Amiamo scivolando

    Amiamo scivolando
    in pensieri accavallati
    che ci sotterrano
    ed afferrandoci
    crescono dubbi
    e momenti dispettosi
    dividendo i buoni
    dai cattivi
    che competono fra loro
    dentro noi
    nella nostra intimità
    nei segreti rovistati
    dai segnali indicati

  • 27 novembre 2014 alle ore 14:51
    Sebbene il silenzio

    Sebbene il silenzio
    possa guarire
    ci son tormenti
    che non danno tregua
    logorandoti all'infinito
    su fili sottili, stesi
    e mai guariti nelle anime
    rapprese dei cervelli
    pensanti di tutte le ore
    sbiadite
    Sebbene ci si provi
    il rimedio non c'è
    e passi dal buio del giorno
    e della notte, ad immaginare
    di salvare, l'universo crollato

     

  • 24 novembre 2014 alle ore 21:36
    Dimenticare il tempo

    Dimenticare il tempo
    che passa e non sentirlo
    mai, nella pesantezza
    dei giorni, mesi, anni
    quelli sentiti forti nel petto
    a cominciar dal tramonto
    malinconico
    come un devastante
    tuono, misericordioso
    accolto gioiosamente
    per la sua benevolenza
    con l'amor che guarisce
    i segni dolorosi, dimenticati

  • 24 novembre 2014 alle ore 15:03
    La ragione dell'anima

    S'accanisce
    nel fiume dei ricordi
    adagiandosi su fulmini
    di una corrente che ricorda
    destini furiosi, colmi
    di vendette intrappolate
    da segni che intercedono
    il tempo minato, coltivandolo
    ancor, come un bambin
    viziato, da svezzare ancor

  • 22 novembre 2014 alle ore 11:03
    La moda passa

    La moda passa
    con i suoi consueti
    girasoli, che si voltano
    per vedere dov'è il sole
    e dove va a riposare
    tra lo scaldare e proteggere
    dall'inverno insidioso
    e dirompente indagatore
    che si limita appena, a proseguire
    il ciclo della vita composto
    nelle immense soddisfazioni

  • 20 novembre 2014 alle ore 9:35
    Torneranno le piogge

    Torneranno le piogge
    a bagnare visi provati
    ad illudere speranze
    che si son lasciate morire
    come notti abbandonate
    sulle sedie del mondo
    e su soffici divani mentre
    assistono a storiche imprese
    che costeggiano esperimenti
    precedenti, applauditi da spettatori
    con il naso all'insù, guardando le stelle
    ed esprimendo desideri, meravigliosi
     

  • 14 novembre 2014 alle ore 15:12
    Le pagine del tempo

    Son le pagine del tempo
    che ci uniscono e fan di noi
    un solo ricordo, dimenticando
    i nostri cupi pensieri
    che ci perseguitano portandoci
    alla deriva in un falso sogno
    che di lui non si avverte neanche
    il suo solito amaro profumo
    miscelato qualche volta con essenze
    dolciastre, per ingannare le delusioni

  • 08 novembre 2014 alle ore 13:14
    Bontà

    Sopravvivi nel tormento
    di un peso, tracciandone
    linee infinite, che afferri
    dimenticando chi sei
    in quel pianeta che non vive
    il tuo, come vorresti tu
    pensiero doloroso infinito
    di innocue dimensioni
    scontate, ma non per te
    che bravo sei, a trasmettere
    amore pulito e non bugiardo
    come i falsi predicatori
    seguaci del male
     

  • 04 novembre 2014 alle ore 14:36
    Avido cuore

    Pretendi di essere amato
    ma tu che cosa fai in cambio
    per meritarti questo?
    Credi che chiunque possa
    stare ai tuoi piedi, che tutto
    ti è dovuto. No, ti stai sbagliando
    La vita non è come la immagini tu
    bellissima dentro un unico sogno
    e magari con angeliche creature
    che ti servono come un principe vero
    saziandoti affinchè non dici di sentirti
    sazio fino al bordo del tuo piatto
    Rispetta ed accontentati di quel che hai
    perchè potresti non avere più
    nemmeno quello
    per riempire il tuo avido cuore

  • 04 novembre 2014 alle ore 14:24
    Sofferenza

    Aspetta la sera
    che nel vento
    vola via e amandosi
    porta ricordi
    rigati dalle nuvole
    passeggere, che piene
    di pioggia bagnano
    interminabili tristezze
    ed immense solitudini
    dietro le finestre coperte
    da tende, dove filtrano le luci

  • 30 ottobre 2014 alle ore 23:25
    Colpevole

    Righi il cielo e ti adagi
    in una menzogna
    con un amore segreto
    che spesso sogni
    col pensiero di non trovarlo
    al tuo ritorno, quando è cessato
    quel vento caloroso che indisturbato
    ha preso le valige, dimenticandosi di te

  • 29 ottobre 2014 alle ore 23:36
    Mortale silenzio

    Incattivirsi, è un mortale silenzio
    in quegli occhi di senso, che non vedono
    il sole di impavidi sogni sbriciolati
    nella notte del fuoco eterno
    che si consuma come una candela
    immersa nel dolore immenso
    senza incontrare l'amore
    quello vero, che ti fa battere
    il cuore, non lasciandoti mai
    su aghi spinosi, sulle spighe
    senza grano fiorito

  • 22 ottobre 2014 alle ore 23:38
    Quante parole

    Quante parole
    per non dir niente
    nel sentirci vivi
    in una casa sotterrata
    a due metri dal cuore
    che non vede e non sente
    nulla, separando anime
    sole, senza poter vedere
    le stelle, e adagiandosi
    su morbidi cuscini, i nostri
    salvatori vicini
    Quante vite dubitano
    di resistere a bufere di neve
    dove segni donare alla cenere
    dissolta al vento