username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Maria Angela Carosia

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Maria Angela Carosia

  • 17 ottobre 2014 alle ore 10:17
    Scrivete

    Scrivete anche se
    davanti ad un foglio
    bianco la vita si spegne
    non si emoziona più
    impassibile restando
    con penne che illudono
    di poter scrivere ancora
    poemi che tracciano il cuore
    a grappoli impauriti
    di non esser capiti
    se tutto marcisce
    nelle nostre infermità
     

  • 16 ottobre 2014 alle ore 14:31
    Il buio

    Sommerge inseguito
    da un torbido tormento
    che vola fra sgomenti
    arricciandosi e smarrendo
    il sentiero rapito
    da nuvoloni scurissimi
    con divieti di soste continue
    puntualmente presenti

  • 09 ottobre 2014 alle ore 17:17
    Arte

    Nell'ombra cerchi il profumo
    di un soffio di sole. Cercandolo
    in magiche aspirazioni attendi
    di ritrovarti con curiosi visitatori
    che senti in quegli occhi incantati
    fra gallerie dall'aria irreale
    e immutevole passione, soltanto per te
    incamminandosi nei quadri che sfoggiano
    misteri racchiusi nella bellezza di un tempo
    medievale, che forse tornandoci, sognano

  • 08 ottobre 2014 alle ore 14:52
    Stai con un uomo

    Stai con un uomo
    e con un uomo
    che non ti ama
    costruendo nidi
    d'amore
    che non ci sono
    immaginandoli
    veri, per nascondere
    al cuore la verità
    che è dentro di te
    nei silenzi forzati
     

  • 07 ottobre 2014 alle ore 11:02
    Pessimista

    Il sole splende
    ma tu non ci sei
    inasprendoti
    ad ogni tuo respiro
    che si materializza
    imprigionando rinascite
    gioiose, vicine a te
    che sono vive
    e vorrebbero
    lo fossi pure tu
    come ricordi tornati
    per essere perdonati
    in delicatissimi baci
     

  • 29 settembre 2014 alle ore 13:23
    I tramonti delle albe

    I tramonti delle albe
    importunano le calme
    di ascese che si arrestano
    e procedono in salita
    pedalando a più non posso
    fra smottamenti ed intensa magia
    riducendo riserve caloriche
    mentre scoppiano e rivivono
    come angeli novelli, dentro sogni
    infiniti, tra frusciame e poesie
     

  • 28 settembre 2014 alle ore 10:34
    Energia (riflessioni)

    Osserva l'abbandono
    di capi inamidati
    ma senza esser stirati
    mentre si commentano
    da soli, senza essere guardati
    in quell'esitenza che si rinnova
    e fa da paladino nel vedersi
    agiata, quando mondi si sentono
    scartati e girano per domandare
    come si può morire, fra le vie
    inosservate
     

  • 26 settembre 2014 alle ore 9:12
    Non puoi curare

    Non puoi curare
    se non ami
    ci dev'essere l'amore
    a guidarti se vuoi
    sentir la felicità
    negli occhi
    un caldo che ti respira
    e t'accarezza dolcemente
    la mano, prendendoti
    come un bambino smarrito
    guidando i tuoi turbolenti respiri
    che più lievi sentirai, in quell'animo
    freddamente distaccato
    dai mali del mondo disperato
     

  • 25 settembre 2014 alle ore 22:26
    Quello che senti

    Quello che senti
    non ti deluderà
    Le percezioni
    si riveleranno
    come giuste sensazioni
    ed ottime compagne
    di percorsi immaginari
    e indefinite collusioni
    che nell'anima sentirai
    come uno scossone
    violento, nell'intramontabile
    silenzio, con aghi spinosi
    eterni compagni di vita
    colpita ripetutamente
    dicendo forse non è

     

  • 20 settembre 2014 alle ore 22:33
    Haiku

    Diario conserva
    ricordi, ignorati
    dal tempo

  • 19 settembre 2014 alle ore 22:20
    Memore infelici

    Memore infelici
    si apprestano
    a rimaner
    in piccoli
    nascondigli
    dove non vi sono
    spiegazioni
    da dare, ad abbigliamenti
    esigenti, che si attaccano
    agli scalini senza pensare
    alle diversità, fra fortuna e sfortuna
    ottimi litiganti

  • 17 settembre 2014 alle ore 10:41
    Affettuosi gesti

    Le vedi che ti sfiorano
    e ti dan quel gran calore
    con il respiro che nasce
    nel dubbio di una notte
    inquieta all'estremità del viso
    che trattiene il tuo pianto
    e dentro lo senti danzare
    intensamente come crisalide
    di un giovane fiore
    buono, consolatore di vite
    perdute, nel cielo turbato
     

  • 16 settembre 2014 alle ore 22:47
    Nascerà

    Foto sbiadiscono
    passando negli anni
    impolverandosi
    come ricche biografie
    distratte, da profonde
    malinconie, che scoppiano
    in pianti dirompenti
    fra spighe di grano
    coltivate tra la luce
    che nascerà

  • 14 settembre 2014 alle ore 14:44
    In rime delicate

    I mali si susseguono nell'ombra
    con rapidi respiri costanti
    nell'atmosfera silenziosa
    in rime delicate
    che pensano a tuoni passati
    sulle cime sparite dagli sguardi
    persi e mai più ritrovati

  • 13 settembre 2014 alle ore 9:23
    Ogni pensiero

    Ogni pensiero è un ritorno
    un susseguirsi di parole
    uno strano sentire
    che va al di là dei sentimenti
    ripercosi dai ricordi
    dimenticati esternamente
    ma dentro ancora vivi
    come se vivessero nel presente
    non volendoci lasciare mai
    per riportaci indietro

  • 11 settembre 2014 alle ore 16:01
    Sono i poeti

    Sono i poeti che amano
    colorando i pensieri
    di una notte, che amano
    con il silenzio del cuore
    dipingendola con parole
    sofferte, addormentandosi
    nella speranza, di veder un sogno
    per sempre, anche nell'aldilà

  • 10 settembre 2014 alle ore 8:13
    Tenendoti ad una fune

    Cerchi una strada
    ma non c'è via
    d'uscita. La cerchi
    in una domanda
    che sai già
    qual è la risposta
    tenendoti ad una fune
    stretta stretta
    cercandone un'altra
    se ti dovesse
    scappare la prima
    Per inseguirla sudi
    e nel frattempo speri
    di aggrapparti a denti stretti
    a quel che non trovi
    per mentire senza mete

  • 07 settembre 2014 alle ore 15:11
    Fanno male le offese

    Fanno male le offese
    rigando il pensiero
    nelle notti buie
    che trafiggono con il chiaro
    della luna luminosa
    e girano fra le lenzuola
    faticando per farti addormentare
    tutta sola nel tuo dolore
    immenso, che annienta
    non facendoti dormire
    nel graffio profondo
    di un misero meschino

     

  • 06 settembre 2014 alle ore 10:43
    Mondo triste

    Quel mondo se ne va
    alla frontiera
    e resta a guardarsi
    fra sconfitte ammainando
    vele issate da rassegnazioni
    che non guardano più
    oltre l'orizzonte
    dei loro persi pensieri
    costretti a dimenticare
    non rimettere piede
    in quei ricordi
    che affievoliscono
    lentamente la vita

  • 02 settembre 2014 alle ore 13:38
    Animo sensibile

    Cammini accarezzato
    dal pensiero del vento
    che cammina con te
    nell'immobile di un tempo
    ignoto, all' animo tuo
    al cieco fiato, che pesa
    a portarlo sulla schiena
    rattristata
    Vorresti liberartene
    abbandonando la nave
    ed acciuffare cieli migliori
    per sentirti migliore

  • 02 settembre 2014 alle ore 13:17
    Tasti dolenti

    Potrai puntar sull'infinito
    su tasti dolenti
    che lascian respirare
    appena appena
    in piccole aperture
    geniali e del contrario
    di quello che i buoni
    si aspettano da te?
    Potrai cadere, sentire
    ciò che dovresti fare
    per riparare danni
    a insignificanti piantagioni
    ma che sono dolcezza
    e non delusione

  • 31 agosto 2014 alle ore 16:48
    Smarrimento

    Guarda senza sentire
    distraendosi in vicoli
    ciechi che si illudono
    di esserci ancora
    fra parole interrotte
    da impenetrabili silenzi
    mentre suoni arrivano
    sfiorando la testa disorientata
    in quelle vene che pompano
    il cuore e lo trattengono
    per non fare rumore
     

  • 27 agosto 2014 alle ore 14:14
    Sentimento letterario

    Sentimento letterario
    ammazzi il tempo
    e la speranza nutri
    infondendo ottimismo
    rincuorando anime
    bisognose di talenti
    che affondano in penne
    fantasiose
    quando i treni non fischiano
    più, nelle albe di tramonti
    andati, con la valigia partita

  • 26 agosto 2014 alle ore 14:17
    Son le carezze

    Son le carezze
    che ci liberano dal cemento
    e ci rendono immortali
    facendo sognare il vento
    caduto da un'ultima
    ciglia bagnata, di acide piogge
    innaturali, prese da deserti
    straziati, nelle ultime pagine
    folli, stordite dalle invenzioni
    e dai soliti poemi

  • 26 agosto 2014 alle ore 9:03
    Vecchiaia (Impressioni)

    Passi i giorni
    a capire, quel che potevi
    e non hai fatto, rovinando
    anche il bello della vita
    che ti ha dato tanto
    legandoti solo a bellissimi
    ricordi, impressi nella mente
    nelle sere tempestose
    quando la corrente ti trascina
    via, non inseguendo
    il fiume, dell'eterna euforia