username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Maria Angela Carosia

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Maria Angela Carosia

  • 14 agosto 2014 alle ore 9:54
    La sognatrice

    Viaggi di sole fantasie
    ammirando il cielo
    con nuvole bianche
    che disseta la sua fantasia
    in preamboli rose
    con trucchi caldi
    e menù a scelta
    di suo gradimento
    senza neri dipinti
    ma solamente chiari
    capolavori, che rendono allegri
    lasciando brutti ricordi
    alla stazione della partenza
    di sola andata, col biglietto
    scaduto, nel tempo respinto

  • 09 agosto 2014 alle ore 9:45
    Leggi ma non ascolti

    Leggi ma non ascolti
    quello che hai dentro
    che lascia un vuoto
    e non asciuga la pelle
    se il vento soffia
    minacciandoti di farti
    cadere, non appena
    prende il volo, per allontanarsi
    da te, quando vorresti
    la sua forza per rivivere
    un'altra volta senza paura
    senza che un pensiero
    ti opprime e riprende in mano
    le briglie, per le strade da seguire

  • 08 agosto 2014 alle ore 23:21
    Pentimento (Impressioni)

    Strofina gli occhi
    e nel cortile dell'anima
    si mette a pregare
    con le lampade accese
    di una luce che soave
    si prepara a colpire il suo petto
    contrito, davanti ad uno specchio
    della sua verità, informandone
    il cuore di aver pagato
    ripagando la sofferenza
    per il male ricevuto
    in quegli sbagli odiati
     

  • 06 agosto 2014 alle ore 10:07
    L'eternità

    L'eternità, un volo di memoria
    assopito fra reali conclusioni
    che con l'infinito
    tramontare del sole
    nell'essenza del cuore
    svanito in pianti di pensieri
    infiniti, continuano
    a lavorare, in quell'insolita mania
    autoritaria, senza fermarsi
    neanche difronte al pianto
    raccontato, dove termina la vita

  • 04 agosto 2014 alle ore 0:34
    La fissazione

    Si adagia su un solo movimento
    che scorre verso l'interno
    in una sola direzione percorsa
    più volte, senza neppure ascoltare
    cosa suggerisce il cuore
    per una giusta spiegazione
    impigliata ai neuroni
    che disturbano le vie
    ripetendo dilemmi malati
    con lame taglienti, conficcate
    nella mente, eternamente

  • 01 agosto 2014 alle ore 9:27
    Occhi che lacrimano (Riflessioni)

    Piangono, si sentono
    perduti, non vedono
    più le stelle
    con i contorni immensi
    mentre il bianco scompare
    fra orizzonti desiderosi
    di andarsene, e sparire per sempre
    tra ali di uccelli, che si alzano
    in volo, nell'acqua che li guarda
    e sospira piano
    quando giunge la sera
    colorata di nero

  • 30 luglio 2014 alle ore 22:45
    L'aurora nasce

    L'aurora nasce
    conficcata nel cuore
    mentre il tramonto
    indebolisce le emozioni
    che si annidano
    in frammenti d'amore
    universali
    che prendono corpo
    discutendo del reale

  • 29 luglio 2014 alle ore 23:00
    Scrittura

    Isola a volte
    fra tanti pensieri
    di visi che si sentono
    smarriti, in quei cespugli
    riempiti di spilli
    che sbattono fortemente
    a ridosso di tempi impossibili
    da dominare, e scavare
    quando le onde odono venti
    facendosi cullare, dall'enorme mare

  • 28 luglio 2014 alle ore 23:16
    La strada

    Trasporta i passi
    consumati dalle suole
    pensierose, ascoltando
    tutto quel che succede
    alla mente disturbata
    fra vie affollate, di occhi
    che spiano il muoversi
    delle labbra asciutte
    mentre l'aria origlia
    le giornate offuscate
    e l'andare senza una meta
    precisa e convincente

  • 22 luglio 2014 alle ore 15:16
    Il buio

    S'impossessa del male
    come una tigre inferocita
    addentrandosi
    nella foresta soffocante
    di carnefici rubini
    avvolti in un tetro abbaglio
    che distoglie prede
    buttandole nel sacco
    chiudendolo stretto
    con un passo deciso
    senza far respirar
    il vuoto svuotato
    che lentamente nell'abisso
    sprofonda

  • 11 luglio 2014 alle ore 23:02
    Ambiguità

    Inganna gli occhi
    accarezzati da ombre
    che divergono in sogni
    metallici, come calamite
    nel sospirato
    punto sospeso
    di domande dentro dubbi
    infiniti nei cieli perplessi
    e ricercate per smontare
    enigmi misteriosi che trafiggono
    aspettando la luce vera
    bloccata dalla tenebra del buio

  • 11 luglio 2014 alle ore 14:14
    Scriviamo

    Scriviamo senza esserne certi
    che la vita non si opporrà
    alla passione di un cielo
    che è stato scritto per noi
    con l'inchiostro in mano
    adoperando la tristezza
    disarmante, nascosta
    nel taschino dei ricordi
    Pensiamo che saremo lodati
    e sentiremo la pace
    trasformata in felicità
    riavendo il mare
    che ci conforterà

  • 22 giugno 2014 alle ore 15:01
    Il tempo non ha segreti

    Lui non ha segreti
    li depone credendoli
    sempre uguali
    come discrete delizie
    da conservare delicatamente
    parlandone in silenzio
    con uno sguardo scaltro
    fra mura di cristallo
    mentre il sole si alza
    e scruta occhi tranquilli
    per appoggiarsi piano
    alla tristezza che piange
    e non fa rumore
    ma composta si nasconde
    dietro ai sipari socchiusi

  • 19 giugno 2014 alle ore 17:51
    Conosci l'amore (Riflessioni)

    Conosci l'amore
    ma non sai cos'è
    il perdono, lo confondi
    tra miriadi di stelle
    che attendono di essere
    amate mentre il vento
    si inclina al tuo cielo
    grigio, di illuse speranze
    quando pensi d'esserti liberata
    da quelle prigioni, dove
    urlare non puoi
    e raccontare nemmeno
     

  • 18 giugno 2014 alle ore 8:42
    L'ombra

    Agisce nelle pieghe
    del mistero, e cammina
    con lui, rimanendo soffocata
    tra le spire buie che l'avvolgono
    irrigidendosi ad un vento
    impetuoso, costruendo
    dighe dove l'acqua non si muove
    ma scopre rifugi accampati
    sulle cime, di montagne
    protettive

  • 15 giugno 2014 alle ore 19:34
    Noia

    Chiami giorni, che son
    tutti uguali, e li descrivi
    come oggetti senza senso
    Li ammanetti procurandole dolore
    che lo mischi con un pizzico di gioia
    ma quella gioia che avverti appena
    consumandoti la vita
    quella vita che non senti e vorresti
    trasformarla senza rancore
    per ore e ore, affinchè un portone si apre
    dove passano raggi solari, nei contorni
    dell'amore

  • 06 giugno 2014 alle ore 12:11
    Volere non sempre è potere

    Volere non sempre
    è potere. La vita
    mormora, e da il giusto
    valore alle cose
    declinando forti intonazioni
    a chi si ostina
    e ricerca ragioni
    alle strade che sentono
    e logorano il tempo
    urlandole di tutto
    nel battito del cuore
    incavolato, rimanendoci
    male, sommergendosi
    in quel passato
    che non punisce
    le ingiustizie subite

     

  • 05 giugno 2014 alle ore 23:03
    Mendicante

    Come barche alla deriva
    vedi sfuggire il mondo
    immergendoti
    nei tuoi scatoloni
    che si aprono mostrando
    una povera realtà
    sotto stelle di carta
    con scintillanti polverine
    azzurre, negli angeli
    promessi, da spiriti
    buoni, che aspettano
    di ritrovarti, inseguito
    da anime buone
    pitturando le tue storie
    di un color verde smeraldo

  • 05 giugno 2014 alle ore 22:49
    Non ci sono parole

    Non ci sono parole
    per descrivere
    una brutta vicenda
    annegata in una disgrazia
    mondana, colorando
    di nero i tetti che osservano
    il mondo dall'alto e lo distruggono
    fotografandolo con uno sguardo
    inferocito
    Non ci sono parole per dire
    che il mondo è
    non come ce lo descrivono
    dietro inquadrature precise
    ma finte, che non convincono
    le mezze misure insoddisfatte
    nei quartieri molto bassi

     

  • 02 giugno 2014 alle ore 14:30
    Li semina fra mulini

    Non sei tu
    a cambiare le cose
    ma il vento
    che trascina i ricordi
    e li semina fra mulini
    lenti in strascichi rimossi
    da organi viventi
    ingiuriati dal tempo
    Perchè non desiste
    nel vederti assopita
    mentre lui va di fretta
    e tu ti abbandoni piangendo
    Ha bisogno che lo segui
    lo sostieni, per ridarti
    la vita

     

  • 31 maggio 2014 alle ore 22:38
    Si nascondono

    Si nascondono verità
    ed implorando
    sommergiamo di avarizia
    in mezzo alle montagne
    nude, che si confessano
    dietro a specchi
    delle anime segrete
    Si disintegrano, e con noi
    depressioni a non finire
    trasformandoci in schiavi
    dei vuoti delle rare processioni
    senza lavanda benedetta
    che purifica, la vita distrutta

  • 26 maggio 2014 alle ore 21:35
    La fiducia manca

    La fiducia manca
    quando non la vediamo
    quando cammina senza
    girarsi e guardare la terra
    che ha bisogno di lei
    sotterandoci nella nostra
    più piena indifferenza
    minacciosa, che disperata
    vorrebbe cantare
    per non essere strappata
    al suo egoismo, trasformandosi
    in un labirinto nero, dove
    uscita non c'è, nel buio
    più canceroso, delle sue gallerie

  • 23 maggio 2014 alle ore 11:07
    Son le carezze

    Son le carezze
    che ci liberano dal cemento
    e ci rendono immortali
    facendo sognare il vento
    caduto da un'ultima
    ciglia bagnata, di acide piogge
    innaturali, prese da deserti
    straziati, nelle ultime pagine
    folli, stordite dalle invenzioni
    e dai soliti poemi

     

  • 21 maggio 2014 alle ore 22:46
    Malato terminale

    Si illude di essere guarito
    con la terapia del dolore
    che riappare nel tramonto
    di un sogno normale
    costellato di semplici auree
    in giorni che vorrebbero spegnersi
    senza soffrire troppo
    prima che quel corpo voli via
    verso una terra finita
    uccisa da illusioni velenose
    incastrate nei sentimenti
    senza emozioni e ritorni
    infiniti, nelle dimore di tempi
    passati

  • 21 maggio 2014 alle ore 11:08
    Il dubbio

    Il dubbio attende
    quando in lontananza appare
    il buio, con i pensieri
    che vanno via, lasciando
    una scia, una tangibile prova
    mescolandosi fra riflessioni
    sfiorate dalla mente inconsueta
    dove un tormento aggredisce
    l'anima, ogni volta che trema
    Dispettoso si scaglia contro
    quel cuore offeso
    che al vento si abbandona
    in quella fangosa palude