username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Maria Angela Carosia

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Maria Angela Carosia

  • 03 marzo 2014 alle ore 14:04
    Una pallida luna

    Il sentimento ci appartiene
    ma se nel cuore non c'è più
    una speranza tutto muore
    e con lei anche gli ultimi rintocchi
    di una pallida luna, che si nasconde
    agli occhi del suo sole

  • 01 marzo 2014 alle ore 21:13
    La luce c'è

    La luce c'è, se tu la vedi
    se arrichendoti di lei
    ti sommergi nei pensieri
    e li rendi unici come vuoi tu
    Ascoltala con il cuore
    in mano e abbandona
    il tramonto che si perde
    sotterrando nuvole
    dove il cosmo è sepolto
    dalle cattiverie che infondono
    il peccato, allargandolo
    dentro una nuvola vuota

  • 28 febbraio 2014 alle ore 8:47
    A che scopo

    A che scopo dobbiamo vivere
    quando l'acido
    ci assorbe, rendendoci
    viscidi ed invidiosi
    di tutto ciò
    che ci sta intorno
    alimentando un grosso
    falò? A che scopo dobbiamo continuare
    se si è arrabbiati dentro
    ammalandosi nel ritrovare
    ripugnanza, in sguardi
    servitori che prestano
    la loro correttezza
    la loro dignità
    che noi non possediamo
    ed essi si?

     

  • 27 febbraio 2014 alle ore 19:38
    Generoso

    Quanto manchi alle parole
    che non bastano, per dire
    quanto amore puoi dare
    a chi ha bisogno di te
    cercandoti come se fossi
    un grande Dio, illuminato
    dai fedeli del mondo
    che rischiarano sentieri
    tortuosi, unendoli
    al perdono e alla sapienza
    del dono, ammirabile pregio

  • 23 febbraio 2014 alle ore 14:38
    Non sono i desideri

    Non sono i desideri
    che ci portano
    ad un bivio
    obbligandoci
    a fermare
    i limiti del tempo
    ma la vita
    che insensibile
    non ubbidisce
    non si piega
    al nostro volere
    condannando
    destini già pronti
    a morire, vendicandosi
    per quello che han
    dovuto subire
    nel coltivare il male

     

  • 23 febbraio 2014 alle ore 13:54
    Vorrei

    Vorrei rileggerti
    vedendoti crescere
    e passo dopo passo
    sulle righe del mio cuore
    ascoltare l'ispirazione
    sperando che arrivi
    a colorare le mie attese
    di speranza
    e viaggiare
    nella giusta direzione
    dimenticando per un attimo
    nebbie fitte
    nostalgiche, per seguire
    strade tracciate
    da antichissime anime
    dalla vita mediocre
    che adorava la semplicità
    in tutto quello che faceva
    tra terre coltivate
    dove crescevano cibi
    genuini
    ancora rammentati
     

  • 22 febbraio 2014 alle ore 0:11
    Sopportare

    Sopportare non è facile
    ma ci dev'essere un modo
    per farlo
    se non si vuol ferire la coscienza
    che penetra nel mondo
    incontrando l'esistenza
    Se vuoi raggiungere la pace
    voltati, e solleva chi soffre
    colui che t'ha reso infelice
    Quando guarderai la notte
    sola, sensi di colpa non avrai
    ed il buio paura non ti farà

  • 21 febbraio 2014 alle ore 23:52
    Ascolta l'amore

    Ascolta l'amore
    lei non tradisce
    se volare la farai
    con la musica
    che balla
    Inavvertitamente
    danza, amandoti
    come vuoi
    in quel piacere
    armonioso
    che t'abbraccia
    affettuosamente
    in un abbaglio di luce
    splendente, richiudendosi
    nel cuore, per risvegliarlo
    dal coma profondo

     

  • 19 febbraio 2014 alle ore 23:20
    Nel suo cuore malato (Impressioni)

    Com'è difficile tollerare
    quando un essere
    è vuoto, nel suo cuore
    malato che non chiede perdono
    Com'è inutile lui, che non insegna
    nulla, e pretende di essere rispettato
    pentendosi poi, cercando di rimediare
    quando s'accorge d'essere sbagliato
    e con pacata ironia, chi lo aiuta distrugge

  • 19 febbraio 2014 alle ore 20:45
    Un cipresso lontano

    Spesso il mondo ci mette
    difronte a delle scelte
    che non faremmo mai
    se non fossimo decisi
    a rivivere quelle passate
    eludendo la nostra memoria
    ai confini degli sconfitti
    Lo lasceremmo perdere
    vincolandoci da lui
    e perseguire la strada
    evitando di incontrarlo
    per sparire nell'ombra
    di un cipresso lontano

  • 17 febbraio 2014 alle ore 13:42
    Scriviamo

    Scriviamo senza esserne certi
    che la vita non si opporrà
    alla passione di un cielo
    che è stato scritto per noi
    con l'inchiostro in mano
    adoperando la tristezza
    disarmante, nascosta
    nel taschino dei ricordi
    Pensiamo che saremo lodati
    e sentiremo la pace
    trasformata in felicità
    riavendo il mare
    che ci conforterà

  • 16 febbraio 2014 alle ore 23:14
    Si rivedono

    Si rivedono le luci, le porte
    si aprono, ti danno
    quello spirito
    che non senti
    di avere
    in un crescente stupore
    di malinconiche manie
    che afferri e nel riprenderle
    ti stupisci, come fanciulle
    sognatrici, che pitturano
    scuri colori e li rendono chiari
    armonizzando la vita
    con pennelli speranzosi
    in fantastiche stelle

  • 15 febbraio 2014 alle ore 14:29
    Un giorno muore

    Quando un giorno muore la luce si attenua, sulle spalle degli anni, quelli che ascoltano, il nostro sentir
     

  • 11 febbraio 2014 alle ore 23:16
    Amiamo

    Amiamo senza accorgerci
    che siamo solo treni
    di un viaggio che aspettiamo
    Lo aspettiamo con molto desiderio
    che se non arriva ci perdiamo
    guardando una sconsolata realtà
    fra angoli nascosti in una pozza
    d'acqua, dove c'è il nulla
    niente più, in lamenti lontani
    con mari separati

  • 11 febbraio 2014 alle ore 10:54
    Solo nel vento

    Solo nel vento
    potrai trovare
    quel calore che ti manca
    Dopo una delusione
    ti sentirai ferita
    e non vorrai sentir nessuno
    parlare, provando
    a consolarti nel mistero
    del tuo cuore
    Solo cosi riuscirai
    a trattenere l'ira
    che albeggia nell'infanzia
    abbandonata
    ritrovandola
    nella tua nostalgia
     

  • 09 febbraio 2014 alle ore 22:22
    Giorni in cui non sai (Impressioni)

    Giorni in cui non sai
    che fare, come imbastire
    il tempo, arrotolato
    sotto una valanga di ghiaccio
    scosso da paure giganti
    complicate da scavalcare
    per un abbassamento dell'umore
    che impedisce d'agire
    di non seppelirsi, tra rottami
    da buttare, senza poterli riutilizzare
    rinascendo in chiavi sostitutive

  • 07 febbraio 2014 alle ore 17:59
    In continua evoluzione

    Il male non è di fronte a te
    ma di fronte alla vita
    che ti sommerge
    e non ti da una via d'uscita
    per reprimere quello che senti
    nei tuoi verbali sentimenti
    operosi di proliferare
    ed impiantarsi nelle tue radici
    per non accelerare i tuoi battiti
    animali, dandoti completa serenità
    metabolizzando il tuo lato esteriore
    in continua evoluzione

  • 05 febbraio 2014 alle ore 21:43
    Passi incerti (Impressioni)

    Passi incerti avanzano
    sul fiume della ragione
    distaccandosi
    da quelle certezze
    che aprono gli occhi
    non facendoli smarrire
    come pecore timorose
    di perdere il gregge
    spaurito, inseguendo
    il buio, che non trova pace
    ma soltanto oppressione
    sul petto dolorante
    trafitto dalle sconfitte

  • 05 febbraio 2014 alle ore 11:40
    Ascoltiamoci (Impressioni)

    Ascoltiamoci, diamo un segno
    all'anima che ci comanda
    e senza indugio risponde
    rieccheggiando
    un campanello d'allarme
    avvertendo il corpo
    che siamo in totale apprensione
    Parlarsi addosso annulla
    tutto ciò che vorremmo dire
    soffrendo di più, dimenticandoci
    qual è la nostra vera natura
    per quale motivo
    al mondo siamo venuti
     

  • 28 gennaio 2014 alle ore 8:40
    Cosa sono le parole

    Cosa sono le parole
    se non sappiamo scrivere
    con la polvere del cuore
    Cosa sono se non amiamo
    quello che scriviamo
    intenerendo il senso delle cose
    Cosa faremmo se non riuscissimo
    a interpretare le nostre emozioni
    che alimentano la nostra anima
    e la mente del segreto nascosto
    in noi, nei rifugi riservati?

  • 27 gennaio 2014 alle ore 21:42
    Erano rinchiusi

    Erano rinchiusi nel dolore
    presi dalla nostalgia si avviavano
    povere vittime
    ad incontrare la morte
    lasciandosi dietro, amori sinceri
    che non rividero più
    Quelle fosse scavarono
    bruciando nei roghi
    solitari, che nessuno guardò
    nemmeno dietro una lacrima
    scolpita dal sole

    Giorno della memoria

  • 24 gennaio 2014 alle ore 13:33
    Ogni pensiero (Impressioni)

    Ogni pensiero è un ritorno
    un susseguirsi di parole
    uno strano sentire
    che va al di là dei sentimenti
    ripercosi dai ricordi
    dimenticati esternamente
    ma dentro ancora vivi
    come se vivessero nel presente
    non volendoci lasciare mai
    per riportarci indietro 

  • 21 gennaio 2014 alle ore 11:31
    Malato religioso (Impressioni)

    Quando il sole arriva
    la vita ti sorride
    ti da quel senso di pace
    che cerchi ogni mattina
    al tuo risveglio preoccupato
    Sorridi timidamente, per non
    apparire stanco, in quegli occhi
    segnati dalla sventura
    che ha fermato i tuoi percorsi
    costruiti con fatica, in assenza
    di paure e fragilità, nell'ottimismo
    senza cedere un momento
    in tanta sicurezza, nella grazia
    di Dio, con il cuore fortemente sentito

  • 20 gennaio 2014 alle ore 16:45
    Attore di teatro

    Recita guardandosi
    con la sua maschera
    si guarda, scorgendo
    la platea che incantata
    ammira, il suo repertorio
    vivendo pienamente
    nell'emozione
    che non traspare mai
    in quel vestire non suo
    sulle scene molto marcate
    tra riflettori che vivono
    il poema, assimilando
    sentimenti condivisi
    e calorosi, accolti
    dall'atmosfera

  • 19 gennaio 2014 alle ore 13:35
    Se pensassimo

    Se pensassimo che il male
    non è provocato dal mondo
    il cuore potrebbe gioire
    restituirci l'avvalente
    armonia, che si forma
    addolcendo l'interiore
    di quell'essere malvagio
    rinchiuso in noi, lui
    che non desidera venir fuori
    ma fermarsi lì e sbarrarci
    la strada, abbassando le sbarre
    e non tirarle più sù, neppure
    se imploriamo pietà
    fino all'ultima nostra ora