username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Michela Zanarella

in archivio dal 26 mar 2008

01 luglio 1980, Cittadella (PD) - Italia

08 settembre 2008

Seconda lirica d'amore

Tu forse non ricordi
che ti feci straripare l'anima
con una sola carezza.
Dalla notte raccolsi qualche attimo
per spingermi nel tuo stupore.
Ah, fu troppo breve il canto
delle nostre pelli sgombre di pudore,
ci avvolgemmo nel sonno della luna
cadendo ai suoi piedi come due corpi
dorati in penitenza.
La nostra natura terrestre e celeste
faticava a separarci dal buio,
intorno alle stelle noi portavamo
il fascino dell'amore.
Cerchi di luce cercavano
di mettere radice nei nostri occhi,
volevano addolcire le nostre pupille
annunciando l'alba.
Rimanemmo immobili a sepellire
il midollo oscuro
alzando le fronti al fondo luminoso
che ci trovò esausti.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento