username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Mirko Tondi

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Mirko Tondi

  • 15 gennaio 2011
    Di un deluso amore

    Divelte membra
    resti di un deluso amore
    soffrono per loro stesse

    Anime imploranti
    sorprese in mattini gelidi
    bramano ritorni

    Intanto cadono
    foglie ingiallite
    da alberi spogli

  • 15 gennaio 2011
    Il mostro

    Annerite dal fumo
    rovinose pareti
    chiedono aria

    Un pezzo di carta svolazza innocente
    tra indifferenti passanti
    mentre l'asfalto accoglie
    suo malgrado
    gli scarti dell'uomo

    Il mostro produce
    come macchina instancabile
    metallo e rifiuti
    fragore e frastuono
    nero sul bianco

    Campagne ridenti
    strizzano l'occhio
    da lontano.

  • Nel silenzio ho sentito la tua voce
    era suono di attesa e scoperta
    paure scacciate
    conforto e sollievo

    Nel silenzio ho sentito la tua voce
    rischiarava il buio
    e fendeva l'angoscia
    allontanando il pianto

    Nel silenzio ho sentito la tua voce
    rapiva la mia
    poi senza parole
    mi portava con sé.

  • 11 marzo 2010
    Domenica

    Verdi colline coperte da un manto di sole. Serenità.
    Bambini festanti all’udir campane. Gioia.
    Mani riunite e candidi sorrisi. Il quadro della vita.
    Domenica, malinconico giorno di desolante abbandono.

  • Di tutte le cose non sopporto l’ipocrisia.
    Misto di falsità e non rispetto.
    Sorrisi d’apparenza e parole concordanti.
    È una creatura deforme che non posso fare a meno di notare.
    Si insinua con astuzia, colma di egoistici propositi.
    Subdola e melliflua, non si cura del nonsenso.
    La osservo strisciare con viscidi spostamenti.
    Un perfido ghigno compare sul suo volto.
    Mi ha illuso e deriso, lasciandomi attonito.
    Pieno di risentimento, covo il riscatto.
    Ma solo con l’indifferenza riesco a fronteggiarla.
    È un tumore troppo grande e troppo diffuso per essere combattuto.
    Non le faccio prendere l’iniziativa. Anzi, cerco di allontanarla.
    Non è così che si ottengono le cose.
    Vattene, non ho bisogno di te.

  • 11 marzo 2010
    Un ricordo

    C’è un ricordo dietro ogni cosa.
    C’è un ricordo nei limpidi mattini primaverili,
    nei tetti innevati al risveglio, e nello scroscio battente della pioggia.
    C’è un ricordo in quel vestito che non indossi più,
    ed uno in quello che porti ancora.
    C’è un ricordo in musiche che appartengono a tempi lontani e vicini,
    in un tintinnio, nel fragore, e nel silenzio.
    C’è un ricordo in foto messe ormai da parte,
    e in oggetti polverosi che sei abituato a vedere.
    C’è un ricordo per quello che eri,
    e ce ne saranno per quello che sei ora.
    C’è un ricordo dietro ogni cosa.