username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Peppe Millanta

in archivio dal 07 ago 2018

13 giugno 1985, Francavilla al mare - Italia

segni particolari:
“Vinpeel degli orizzonti” è il mio primo vero romanzo, già vincitore nel 2018, di diversi concorsi letterari. Peppe Millanta, invece, non è il mio vero nome.

mi descrivo così:
I miei compagni musicali di viaggio sono l'orchestrina del malaffare, la Balkan Bistrò e la Bruja, band abruzzese di musica balcanica e folk messicano mariachi.

07 agosto alle ore 18:57

Vinpeel degli orizzonti

di Peppe Millanta

editore: Neo Edizioni

pagine: 246

prezzo: 12.75 €

Acquista `Vinpeel degli orizzonti `!Acquista!

Tutti, a Dinterbild, ripetono sistematicamente e meccanicamente che non si può andare via. In realtà forse non se lo ricordano più, perché non hanno più un motivo per cambiare vita: hanno dimenticato le loro storie. Ma ci pensa Vinpeel (pron. Vìnpel) a rompere gli schemi: lui è lì non per sua scelta, ma perché fa parte della storia che suo padre - al contrario degli altri - non vuole dimenticare. Gli è più facile, quindi, intuire e inseguire l’Altrove. “Vinpeel degli orizzonti” (Neo Edizioni 2018), la bella favola di Peppe Millanta, cantautore al suo esordio nel mondo della narrativa, prosegue dolce ed esilarante, con un susseguirsi di scene alla Pennac o Stefano Benni, più d’una a strappare una risata. Ci sono il lancio del nano e il lancio dell’ubriaco; c’è la storia di un’insegna sfortunata; e la storia di una gamba di legno, che ogni tanto torna a galla in maniera assolutamente fortuita. Ci sono dei bambini che cercano soluzioni nelle parole di un dizionario, nelle nuvole e nelle definizioni. Seguiamo Vinpeel e un piccolo manipolo di amici nel perseguimento del loro obiettivo: andare a vedere cosa c’è al di lá del mare. 

E qui arriva la parte che ho preferito. Che strada scelgono, per realizzare il loro scopo? Chiedono aiuto a un adulto. Naturalmente non è un adulto qualsiasi: è considerato il matto del paese, perché anche lui farnetica di un Altrove al di là del mare. In realtà sembra essere, semplicemente, l’unico adulto che non esclude le soluzioni; l’unico adulto che della fanciullezza mantiene il senso del “tutto-è-possibile”, nonostante questo lo abbia reso un emarginato. È questo resto di fanciullezza in un adulto a fare da ponte tra l’idea di Vinpeel e la realtà. È questo che si può ancora fare, di fronte ai sogni degli altri: rimetterci in contatto con noi stessi, con la nostra storia e le nostre speranze... con la consapevolezza che le cose perse in mare, come nel passato, ritornano.
Una chicca: sul sito dell’editore ci sono gli spin-off di alcuni personaggi  :) http://www.neoedizioni.it/neo/vinpeel-degli-orizzonti/

recensione di Cristina Mosca

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento