username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Pupi Avati

in archivio dal 16 mar 2007

03 novembre 1938, Bologna

segni particolari:
Negli anni 90 ho consolidato il mio successo con "Fratelli e sorelle" (1991), "Magnificat" (1993), "Dichiarazione d'amore" (1994) e "Il testimone dello sposo" (1997). "I cavalieri che fecero l'impresa" (2001), vinco il David per "Il cuore altrove" (2003) e riunisco dopo diciotto anno il cast di "Reg

mi descrivo così:
Sono un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.

16 marzo 2007

Pupi Avati dixit:

La macchina da presa è quell'imbuto attraverso il quale le cose vere diventano bugie, menzogne... Ecco perché mi piace la macchina da presa, perché fa diventare falso ciò che è vero, fa diventare sogno la realtà.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento