username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • Recensione contiene
  • Nome autore

Recensioni

“Pensare prima di parlare è la parola d'ordine del critico. Parlare prima di pensare è quella del creatore”
Edward Morgan Forster


Protagonisti di questa pagina sono i libri dei nostri autori e quelli di nomi celebri; se anche tu hai pubblicato un libro e vuoi farlo recensire, chiedi alla Redazione cosa fare.
Se invece ti piace scrivere recensioni, scopri come entrare a far parte del Comitato dei lettori.

elementi per pagina
  • Nella sua raccolta Massimo Elia raccoglie raggi della sua vita e li trasforma in poesie.
    Versi che parlano di amore, solitudine, ricordi oppure sogni… Citazioni di pensieri buttati qua e là con la voglia di trasmettere emozioni, senza la pretesa di identificarsi; con l’ambizione di essere “quasi poesie”, che si gettano sulla carta con la speranza di parlare, con il desiderio di esprimersi, con la voglia di disperdere una solitudine annunciata, risaputa; poiché la poesia è in ognuno di noi, in ogni nostra situazione giornaliera, e la differenza sta tra chi la sa cogliere.
    È un invito a uscire allo scoperto da parte di una personalità introversa che è quella dell’autore, un invito a non rinunciare ad esporsi, a manifestarsi, a non rinunciare alla vita, a viverla  come fosse un’eterna e magnifica Poesia.
    Leggendo un libro ti fermi a pensare, ti tuffi nell’immenso mare che ondeggia ad ogni parola racchiusa lì dentro, in quelle pagine, per poi riaffiorare a galla e portare a riva conchiglie di cultura; le quasi poesie di Elia creano un mare spumeggiante in cui annegare, e non importa se a volte una parola può sembrare inadeguata, una frase esuberante: l’importante è farsi trasportare…
    Il libro si presenta con una prefazione che è l’umile discolpa ad ogni critica del suo contenuto, l’autore stesso scrive : “ Non so cosa vuol dir poesia,/ ma alcune di queste cose/ sanno di poesia… o quasi/ Sono ignorante,/ ma che importanza ha?/ E intanto scrivo”… Scrivere, questo è l’importante: far uscire da sé tutto il possibile, strizzare lo straccio bagnato delle emozioni e riversarne le gocce, ognuno nell’espressione che meglio sente propria, ognuno con il suo bagaglio di messaggi che pensa di dover trasmettere. Massimo Elia trasmette questo attraverso la poesia, incurante se qualcuno lo critica, poiché almeno ci prova, dato che il poeta stesso non sa chi è, consapevole soltanto del fatto che nascono versi dalla sua follia, dalle sue emozioni, dalla sua vita agitata, da un amore, da un fiore, sia che essi nascano o muoiano, tanto non fa differenza sulla carta.
    In poco più di un centinaio di pagine egli si mette in mostra, pronto a farsi sfogliare da ognuno che lo voglia, e che lo comprenda immedesimandosi con i suoi stessi stati d’animo. Questo è ciò che scrive: un libro poetico, la porta d’accesso nell’universo affascinante di un esistenza che si racconta tra situazioni quotidiane, in modo semplice ma intenso, e che sa cogliere briciole di poesia nella propria ricerca del vero.

    [... continua]
    recensione di Federica Ciccariello

  • "Un semplice gesto, come prendersi per mano: per Stefano e Marco non era adeguato [...] la gente non avrebbe capito [...]".

    È intorno a questa frase che la scrittrice Tarabella tesse la storia di due giovani, Stefano e Marco, che nel periodo adolescenziale scoprono di amarsi, di essere omosessuali. Con la loro crescita anche il loro "amore" cresce, giorno dopo giorno diventa sempre più forte e prorompente. Ma i due protagonisti, immersi in un mondo a loro ostile, si sentono frustrati e incompresi, in particolar modo Stefano, il quale non ha la fortuna di avere un padre comprensivo. Tra sensazioni nuove e amare verità, i due finiranno il liceo e finalmente, dopo alcuni scontri e incomprensioni con la società,  riusciranno a coronare il sogno di vivere insieme condividendo tutto. Durante lo svolgersi della storia, l’autrice ribadisce spesso che la "diversità" di Stefano e Marco sia dettata da sciocchi canoni, crudeli luoghi comuni che tendono a deriderli, isolandoli dal mondo dei "normali". Ciò purtroppo accade, benché si tratti di un'ingiustizia, perché l'ignoranza e l'intolleranza bollano i casi di "amore" omosessuale come derivazioni di depravazione e disadattamento. Laddove invece potrebbe esservi un "amore" vero e puro.
    Questi "amori diversi" meriterebbero solo  di essere vissuti dai protagonisti, con più rispetto e comprensione da parte di chi li circonda.

    [... continua]
    recensione di Paolo Coiro