username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • Recensione contiene
  • Nome autore

Recensioni

“Pensare prima di parlare è la parola d'ordine del critico. Parlare prima di pensare è quella del creatore”
Edward Morgan Forster


Protagonisti di questa pagina sono i libri dei nostri autori e quelli di nomi celebri; se anche tu hai pubblicato un libro e vuoi farlo recensire, chiedi alla Redazione cosa fare.
Se invece ti piace scrivere recensioni, scopri come entrare a far parte del Comitato dei lettori.

elementi per pagina
  • “Il drago non si droga” di Walter Lazzarin (RedFox 2015) è un prodotto narrativo adorabile, dal tono garbato e dai contenuti intelligenti, che racconta di un “quasi” rapimento ma passa attraverso la coscienza dei bambini. Lo sguardo resta basso, a misura dei piccoli anche quando si sposta sugli adulti, che forse per l’occasione rispolverano il loro lato più semplice, semplificando a loro volta anche le introspezioni. Ci sono una mamma con il senso di colpa, un papà senza una famiglia, una coppia senza indipendenza, ma al centro della storia ci sono soprattutto Giacomino e il suo pupazzo Prezzemolo, il drago di Gardaland: è lui il suo fedele amico, il suo grillo parlante, il collegamento con i suoi amichetti Elio e Pollo, che, come tutti i bambini, sono un po’ magici.
    La scrittura procede a un ritmo sano, senza sbrodolarsi. Le descrizioni sono sempre essenziali e si avvalgono spesso di rapide metafore molto efficaci. Ci vuole talento a essere sintetici e Walter Lazzarin lo ha. Il lavoro di editing può competere con quello di una grande casa editrice, ogni cosa risponde alla grammatica interna al romanzo e non fa una grinza. Tutto è in sintonia con la personalità carismatica dell’autore, protagonista dell’avventura “Scrittore per strada”: un vero e proprio tour per le città italiane, in cui Walter Lazzarin si trasforma in un busker della scrittura e dedica ai passanti piccoli tautogrammi realizzati al momento con la sua Olivetti.
    Da ottobre 2015 a luglio 2016 incontrarlo significa anche ascoltarlo raccontare questo suo terzo libro, che mette in campo alcuni luoghi comuni per guardarne le sfaccettature per verificarli e a volte, ironicamente, confermarli. Per esempio: è vero che con i “drogati” non ci si deve parlare?

    [... continua]
    recensione di Cristina Mosca

  • Dieci minuti per vivere. Dieci minuti per cambiare prospettiva. Guardare da un caleidoscopico e sbirciare tutte le combinazioni.
    Questa sembra la strada suggerita da Chiara Gamberale in "dieci minuti". Un matrimonio naufragato che trascina con sé ricordi e crea insicurezze. Invece di ballerini che danzano insieme si è divenuti due pugili. Un incontro terminato dalla fuga dell'altro, ex amico, compagno, marito. Il dolore ha preso il sopravvento per poi scemare e lasciare un caos primordiale. Come reagire? Analizzando, lavorando e consigliandosi con la propria psicologa. Che da esperta del settore ha suggerito un gioco: ogni giorno per dieci minuti bisogna fare qualcosa di nuovo. Obiettivo? La felicità.
    "Dieci minuti" è il diario di questa avventura che ha portato la protagonista a riscoprire i suoi familiari, gli amici e soprattutto se stessa. Nietzsche scriveva: "Ciò che non uccide fortifica". In dodici mesi il quotidiano ha preso nuove sfumature, il quartiere è divenuto sinonimo di "casa" e l'ex marito è scomparso. Un libro incantevole che coinvolge il lettore tra sorrisi e riflessioni. Un'opera biografica in cui ognuno si può ritrovare.

    [... continua]
    recensione di Fabiana Traversi

  • Stephen King si ripete. Ed è sempre diverso.
    Non è un gioco di parole né un ossimoro - chi s’intende di classici lo sa abbastanza bene - ma il semplice frutto di una lettura come quella di “Chi perde paga”. Secondo capitolo della ‘trilogia di Bill Hodges’, il detective che nell’episodio precedente seguiva le tracce del killer dell'automobile detto “Mr. Mercedes”, il nuovo libro del Re del Brivido dimostra che, nonostante le reiterate (e noiose) accuse di ghostwriting e qualche, effettiva caduta di stile, la mente dell’autore è ancora in grado di produrre storie che sappiano eguagliare positivamente le aspettative. O superarle.
    “Finders Keepers” - il titolo originale, dal nome della società gestita dal detective Hodges assieme all’amica Holly - si apre con un ritratto ‘più che kinghiano’: quello dello scrittore in pericolo. Che si biforca, dopo molte pagine, per passare dal punto di vista - differente ma quasi mai opposto - del lettore.
    ‘Ci sono molti modi’, parafrasando una vecchia canzone, di sviluppare un racconto, e King questa volta sembra aver pescato, metaforicamente, fra quelli giusti. Il suo thriller vola basso, fra una proiezione nel passato e l’altra nel presente, fra i pensieri dei protagonisti come degli antagonisti, ristabilendo uno ad uno i nessi. E, come spesso accade nel suo caso, impennando e lasciando esplodere la tensione nel corso delle ultime cento pagine, con un finale aperto capace di increspare la pelle anche del più coraggioso.
    Ma, soprattutto, il cuore alla crema di “Chi perde paga” sta nella straordinaria - perché sottile e insieme profondissima - lezione sull’arte della scrittura e sul suo ruolo nella vita degli uomini che King mette assieme. Nel discorso sull’umiltà e sulla vera umanità: mai nominate perché, in sostanza, ‘fatte di fatti’, di convinzioni e di azioni. La storia ci ha insegnato che i libri migliori non svelano la verità a colpi di aforismi ma la fabbricano con e fra le righe. Chissà che questo “Chi perde paga” non faccia parte di questi ultimi; solo il tempo potrà dirlo.

    [... continua]
    recensione di Francesca Fichera

  • Torna la saga di millenium, con un nuovo volume firmato da una penna esclusiva: David Lagercrantz.
    Noto scrittore e giornalista che a distanza di dieci anni dall'uscita di "Uomini che odiano le donne", prosegue la famosa saga di Stieg Larsson.

    Lo stile e' molto differente da quello dell'autore originale ed anche i protagonisti assumono forme diverse.
    E' come se la storia abbia realmente risentito del trascorrere del tempo, maturando.
    "Quello che non uccide"e' una lettura interessante, non sempre semplice che avvicinerà il lettore al misterioso mondo scientifico- matematico dei buchi neri ed i numeri primi.
    Molti i rimandi anche alla psicologia e psichiatria infantile.

    Tutto infarcito con complotti internazionali, hakeraggi e morti sospetti.
    Perché nulla e' come appare.
    Una lettura accattivante che rapirà il lettore e lo condurrà su sentieri inaspettati e sorprendenti insieme, nuovamente al  famoso giornalista investigativo Mikael Blomkviste e l'hacker Lisbeth Salander.
    La trama è molto particolare:
     "Millennium", rivista  d'inchiesta  e molto popolare, ha risentito della crisi editoriale e  non naviga in buone acque.
    Mikael Blomkvist,  giornalista a capo della celebre rivista  non sembra più molto popolare.
    In molti ipotizzano e spingono per un cambio di gestiione e rinnovamento della testata giornalistica.
    Passato e presente si intersecano, crea un futuro dubbioso e fosco.
    Frans Balder, autorità mondiale nel campo dell'intelligenza artificiale, genio dell'informatica capace di far somigliare i computer a degli esseri umani, invita  Mikael Blomkvist per uno scoopo.
    Inoltre  Balder è in contatto con una super hacker: Lisbeth Salander.
    La giovane donna ed il giornalista si troveranno nuovamente fianco a fiancoin una nuova caccia ai cattivi che punta al cuore stesso dell'Nsa, il servizio segreto americano che si occupa della sicurezza nazionale.
    Inseguimenti unici e testimoni particolari come un bambino incapace di parlare eppure incredibilmente dotato per i numeri e il disegno a custodire dentro di sé l'elemento decisivo per mettere insieme tutti i pezzi di quella storia esplosiva che Millennium sta aspettando.

     

    [... continua]
    recensione di Fabiana Traversi