username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Samuel Beckett

in archivio dal 30 lug 2001

13 aprile 1906, Dublino - Irlanda

22 dicembre 1989, Londra - Inghilterra

segni particolari:
Sono amico di James Joyce ma anche vincitore del Nobel nel 1969.

mi descrivo così:
Io aspetto Godot, mentre l'uomo continua ad angosciarsi dinanzi all'assurdità dell'esistenza.

20 marzo 2006

Dortmunder

Nella magica penombra omerica
oltre la guglia rossa di santuario
io nullo lei scafo regale
di fretta verso la luce viola verso
l'esile musica K'in della mezzana.

Lei mi è davanti nel padiglione illuminato
a reggere le schegge di giada
lo sfregiato segnacolo della calma dei puri
gli occhi gli occhi neri finché l'oriente plagale
non risolverà la lunga frase della notte.

Poi, come un rotolo, piegata,
e la gloria della sua dissoluzione ingrandita
in me, Abacúc, feccia dei peccatori.
Schopenhauer è morto, la mezzana
mette da parte il suo liuto.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento