username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Sigmund Freud

in archivio dal 25 giu 2001

06 maggio 1856, Freiberg, Moravia - Repubblica Ceca

23 settembre 1939, Londra - Inghilterra

segni particolari:
Sono il papà della psicanalisi.

mi descrivo così:
I miei studi hanno rivoluzionato, nel campo della psichiatria, le teorie fino ad allora conosciute.

17 aprile 2013 alle ore 8:29

Il sogno e la sua interpretazione

di Sigmund Freud

editore: Newton Compton

pagine: 128

prezzo: 0,84 €

Acquista `Il sogno e la sua interpretazione `!Acquista!

Scritto dopo la sua opera più famosa che sicuramente è L’interpretazione dei sogni, Freud un anno dopo dalla pubblicazione del succitato volume, tenta di pubblicare un libro a suo vedere più semplice, più fruibile per tutti, che semplifica tutti i concetti e le nozioni che lui vuole presentarci. Il libro in realtà è un saggio articolato in quattro articoli scientifici scritti in un lasso di tempo variabile tra il 1901 e il 1923, in cui Freud semplicisticamente tenta di spiegare le sue ricerche. Nel libro analizza il sogno sin dalle prime fasi di individuazione del “contenuto manifesto” e del “contenuto latente”, sino a spiegare i meccanismi più complessi del processo onirico quali “la condensazione”, “la drammatizzazione” e “lo spostamento”. Ciò che rende un po’ agevole la lettura, che comunque richiede molta attenzione sono gli esempi che aiutano a capire e il riproiettare alcuni casi clinici. Oggi siamo soliti non dare molta importanza ai sogni, soprassedendo ad essi, in realtà comprendere almeno un po’ i sogni aiuterebbe a comprendere e comprenderci, a disvelare i nostri strani meccanismi così poco razionali, a confrontarsi con noi stessi ed agevolare le nostre paure, tormenti, inutili problematicità. Un libricino che può essere utile a chi voglia iniziare a capire un po’ più del pensiero e del lavoro freudiano.

recensione di Gino Centofante

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento