username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Silvano Recchia

in archivio dal 31 ago 2011

29 novembre 1973, Verona - Italia

mi descrivo così:
Amo correre, scrivere e ascoltare sempre il mio cuore. Qualunque siano le conseguenze. Adoro perdermi negli angoli delle stanze della mia mente, osservando continuamente le mie emozioni e sensazioni.
Ho imparato a muovermi con lentezza, guadagnando serenità e pace.

20 ottobre 2011 alle ore 21:29

RICORDI

" Respiro l'aria al mattino,
  sa di nebbia e me ne riempio i polmoni più che posso.

  Mescolo il latte caldo appena munto e per tutto il giorno, mi perdo nei tuoi occhi,
  mentre tu alterni gioia di essere a casa a momenti di dolore impossibile da dimenticare.

  Grazie per tutta questa vita che mi stai passando, gioia e dolore. Non è forse questa la vita?

  Osservavo la vita come la osservava un cieco, non vedevo le sfumature delle cose.

  Ora vedo la tua ombra allungarsi attraverso le tombe di questo cimitero così umile da non sembrarmi
  vero.

  Abbracci il dolore, il tuo dolore come il freddo marmo a cui ti aggrappi.

  Io non sò che dire e resto in piedi accanto a te...pensando.
"

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento