username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alessandro Ranieri Guida

in archivio dal 29 set 2008

06 novembre 1982, Roma - Italia

mi descrivo così:
Amo scrivere Poesie, racconti e testi teatrali. Il mio sogno è quello di realizzare un mio progetto letterario o con una pubblicazione o con una rappresentazione.

02 ottobre 2008

Evoluzione

‘Na vorta eravamo animali,
vivevamo sugli alberi,
amavamo fa l’amore libero sotto le Stelle,
l’unico lavoro era quello de er cacciatore
e bisognava sta attenti alle bestie feroci.

 

‘Na vorta abbiamo imparato ad esse umani,
se viveva nelle palafitte e le grotte l’affittavamo,
l’amore ce piaceva farlo sulla zattera,
de lavori  ne iniziaron a esse tanti
ora bisognava sta attenti alle bestie feroci nuove.

 

‘Na vorta eravamo Romani poi Barbari, Spagnoli, Austriaci e Francesi,
se viveva come stranieri in casa nostra,
l’amore se faceva pe’ passà er tempo,
i lavoratori ne iniziarono ad arrivà da fuori ed ecco i primi disoccupati,
bisognava esse simpatico al figlio del Papa.

 

‘Na vorta avemo vinto ‘na guerra ma ‘n’altra vorta l’avemo persa pe’ ricambià er favore,
se riprese a vive all’aperto,
l’amore se faceva de nascosto,
er lavoro era obbligatorio e c’era quello forzato,
bisognava esse paraculi pe’ esse disoccupato.

 

Mò semo tornati ad esse animali,
se vive all’aperto grazie agli affitti delle case che c’hanno fatto vede le Stelle,
l’amore libero ce sta sempre ma mò c’ha un prezzo,
l’unico lavoro che si può fa è er cacciatore almeno quello ti da la sicurezza de mangià,
bisogna nasce Berlusconi.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento