username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Giovanna Nigris

in archivio dal 02 dic 2005

16 luglio 1950, Auronzo Di Cadore

segni particolari:
Dopo anni di sofferenze chiuse dentro di me sono riuscita ad esprimermi tramite la poesia. Ho pubblicato un libro con Aletti Editore http://www.mobbing-sisu.com/libro_poesie.html  ove sono raccolte alcune mie poesie. Le altre sono tutte in internet soprattutto nel sito http://www.mobbing-sisu.com

mi descrivo così:
Sono sensibile, adoro la poesia, la saggistica, la filosofia, la psicologia, l'arte in genere.

05 dicembre 2005

Uccellino ferito

Mentre volavi allegramente
ti hanno sorpreso,
ti hanno sorpreso i cacciatori
e ti hanno colpito a morte.

Tu non sei caduto,
la forza della vita
ti ha portato lontano.
Le ferite dolevano però.
Allora ti sei rifugiato,
ti sei rifugiato
in una piccola gabbia
e da solo hai chiuso la porta.

Pensavi, mentre ti guarivi le ferite,
che non saresti uscito mai più.
Molto tempo sei
rimasto lì,
senza sapere più
quale fosse il sapore
della libertà.

Ad un tratto hai capito….
Hai capito che non eri morto,
ma era come se lo fossi.
Là fuori gli alberi frusciavano al vento,
il cielo era azzurro
e i tuoi compagni di viaggio cinguettavano.
La vita ti aspettava, ma tu temevi di uscire.
Lì, infondo, eri al sicuro..

Un mattino hai aperto la gabbia e, spaventato,
hai tentato di uscire.
Il mondo ti aspettava.
Molte volte, molte volte
sei tornato indietro,
hai richiuso la porta,
hai pianto.
Forse la vita non era per te.

Ma un raggio di luce
è entrato.
Tu hai osato posarti delicatamente
su un ramo, su un altro e su un altro ancora.
Erano tanti i rami da esplorare.
Il cielo azzurro e
la luce infinita
ti aspettavano.
Tu sei volato,
libero,
nello spazio infinito.

Giugno 2003

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento