username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • Fu un sospiro memorabile
    Lungo, desiderato, inatteso, oltraggiato
    Ma comunque un sospiro
    Dunque meraviglioso
    Ammaliati dal giorno quadrato
    il sospiro è metafora di resa
    un'umile rinucia a blandire gli spigoli
    per le inerti lusinghe di smussature caine
    egli,
    giuda
    maledetto cretto dilatato
    nessuno è disposto a presentarlo:
    il sospiro lo si conosce di nascosto
    Ho allora immaginato una clessidra
    e placcato il tempo
    il traffico in mostra sulle strade starnazzanti
    d'un tratto muto in un gesto d'ossequio,
    ho cercato l'albero più verde e dispettoso
    poi l'ho guardato negli occhi:
    la fotosintesi è prodigiosa
    essa è ladra del nostro fiato
    e pesante in egual modo.
    Ho sospirato,
    riempito la corteccia di sogni
    il piacere intenso da fiaccare un'erezione
    sposo della meraviglia su un altare di cobalto:
    la sorpresa d'un pesce inconsapevole
    all'amo da tempo
    la liberazione dell'arto incancrenito
    al distacco dal tomento del tronco
    la gioia del primo bacio
    sulle rughe dell'evo senile
    un oceano di atomi pensatori
    bacchettati dalla cellula insensibile
    un angelo assediato, dal nome impronunciabile
    un semplice sospiro memorabile.

  • "Chi ha la ventura di nascere personaggio vivo può ridersi anche della morte. Morrà l'uomo, lo scrittore, strumento della creazione; la creatura non muore più".
    L. Pirandello

     

    Alla mia Adele

     

    Vorrei mi fossi eterna voce
    tra queste marionette di carne
    che credono vero ciò che per me
    è svendita a poco d’illusioni.

     

    Affittami il viso, disegnami viva.
    Che non sia nel tuo mondo solo memoria,
    sopra il palco respiro e battito.

     

    Creatura di chi mi scrisse
    in più battute e tempi scissi d’applausi,
    bandita nel silenzio fin quando
    non mi rendi il fiato.

     

    Cerco attore sempre in scena
    che di vita mi dia illusione.

     

    Affittami il viso, mostrami viva

     

    … sono frammento di chi sei
    nascosto nelle tasche dell’anima.

  • 30 maggio 2007
    Essere d'un bicchiere

    Polveri di brezza come stormi di gabbiani
    al tramonto, sulla scia del reitto pescato
    spinte dagli umori del mare in cenere
    muovono indolenti pensieri dolosi
    Vorrei udire in ciascuna onda una nota
    comporre melodie di calcata onestà
    come le coperte consunte di esperte galere
    di uomini pesanti di nottate e di rum
    Niente di male nell'essere d'un bicchiere
    gocce di amnesia perverse lunghe un calice
    sapore acre e delizioso/ozio
    schiudi gli occhi, corpo imbarazzato
    piangi con me!

  • Dove tutti si scoprono poeti
    è una stanza attorno a un tavolo ebbro di vino
    quando il pensiero diviene fertile
    e la penna feconda

     

    Ciascuno si impossessa del proprio strumento
    diviene poeta, pittore, cesellatore di immagini dorate
    sublime
    leggero posa il capo su un cuscino di nuvole
    aspetta che le stelle mostrino lui la strada
    per l'anfratto di cielo in cui discorrono gli artisti
    un circolo affollato di antichi giocatori
    le carte han loro predetto un futuro d'azione
    da allattare con l'arte del verso e del colore
    da celare dietro tende di pietra viva
    e riproporre al primo impeto di creativa scienza 

     

    Mi basterebbe solo un posto da usciere
    annoterei le loro mosse su un taccuino di margherite
    annoterei pure l'etichetta delle bottiglie
    e tornerei a scoprirmi poeta

  • 29 maggio 2007
    Il Canto di Amore

    Come un bimbo che guarda il mare.

     

    La porta è ancora aperta,
    un piccolo spazio ancora,
    lascia intravedere i miei sogni.

     

    Il mio braccio si tende,
    la mia mano pesante,
    abbozza la chiusura.
    Ma ritorna,
    dondolando al mio fianco.

     

    Immagini chiare,
    riesco ancora a vedere,
    da quella che ormai è fessura.
    Profumo di vita, acre, persiste.
    Risate e singhiozzi,
    che danzano un tango vivace.

     

    E resto a guardare,
    e provo a pensare..
    come un bimbo che guarda il mare.

     

    Sarà un pò morire,
    il braccio deciso,
    accompagnerà la mano,
    leggera,
    convinta,
    a chiudere e sigillare,
    questo ingresso al mio cuore.

     

    Altre porte si apriranno,
    nel tempo,
    sul mondo.

     

    Sono ancora qui,
    in piedi,
    davanti alla porta socchiusa,
    dondola il braccio al mio fianco.

     

    E continuo a pensare...
    come un bimbo che guarda il mare.

  • 29 maggio 2007
    Il Poeta

    Il Poeta.

     

    Saggiamente svampito,
    io guardo,
    io vedo.

     

    Scolpisco un pensiero
    lo tengo sospeso nel cuore.

     

    Tessendo i momenti,
    unisco e sviluppo,
    ricamo parole,
    incido emozioni,
    coperta intrecciata,

     

    e diventano il tempo.

     

    E come un pittore disegno la vita,
    usando colori estratti ed astratti,
    la mente è il pennello,
    e la tela è il ricordo.

     

    E canto canzoni,
    al buio ed al sole,
    le labbra son chiuse,
    e l'arpa è il silenzio.

     

    E volo,
    senz'ali,
    cercando e godendo di mille sorrisi,
    straziando e imparando da lacrime calde.

     

    E scrivo poesie.

  • 29 maggio 2007
    Un Pugno di Emozioni

    Mi manchi così tanto...

     

    Mi sento una bambina
    sperduta e spaventata,
    con la gola chiusa
    da un disperato pianto.

     

    Mi scopro tanto donna
    nel caldo mio pensarti,
    trattengo un dolce gemito,
    e soffoco un sospiro.

     

    E cerco di sviare
    il corso dei pensieri...

     

    ma un pugno di emozioni
    mi colpisce il petto...

     

    e dopo quel dolore,
    il respiro si quieta,
    il battito rallenta.

     

    Aspetto,
    rassegnata,
    intrisa di dolore,
    sperando di scordare
    almeno il tuo sapore.

  • 29 maggio 2007
    Vestita di pioggia

    Vestita di pioggia
    soffiata dal vento
    sulla pelle calda
    dall'amore accesa
    rossa la tua bocca
    avida di baci
    lieve sboccia in un sorriso.

     

    Sulle voluttuose labbra
    sensuale soffio alita
    occhi lucenti
    dalla passione ardenti
    brilla eterna luce di stella.

     

    Timida goccia scorre
    tra la valle del seno
    trepida vibra
    scossa dal battito scomposto del cuore
    s' unisce in un amplesso
    al rivolo che scorre
    sul capace vellutato ventre
    tra le cosce roventi
    nel vergine antro indugia
    s'infrange in mille gocce
    come velo di sposa
    lieve ai piedi si posa
    lasciando il tuo corpo
    vestito di pioggia.

  • 29 maggio 2007
    'O cecato

    Addo’ stive??
    Te steve aspettanne…

    E’ nu sacco ‘e tiempo  ca te penso
    Sento l’addore tuoio.
    Dint’e suonne t’aggiu visto

    E m’addumannavo: Ma Quanne??

    E mò staje ccà.

    Nun c’è vuluto niente,

    T’aggio riconosciuta d’int ‘a nu mumento.
    E’ bastata ‘na parola

    E finalmente, sò fernute ‘e turmiente.

    Mò sì, ca me sento comme a ‘llate
    Nun tengo cchiù bisogno ‘e niente,

    Mò c’Ammore pure pe mè è arrivato
    Sò cuntento, e

    Veche cu ll’uocchie tuoje 
    Tutto chello ca me sta attuorno

    ’A vita nunn’è cchiù nera,

    Pecchè nun me sento cchiù cecato.

  • 29 maggio 2007
    'O primmo Ammore

    Steve llà,
    appuggiato a chella machina,
    e parlavo cu 'e cumpagne 'e scola.

    Cammenanno me guardaste,
    te fermaste
    e me veniste a salutà.

    Ddoie resate d'int 'a classe
    'na partita 'e bowling e 'na pizza,
    era marzo e ce fuje 'o primme vaso.

    'A lotta cu 'e famiglie
    fujette d'a casa pe' venì addu te
    e sta 'na semmana assieme.

    Eppure 'a primma vota
    ca addiventajeme 'na cosa sola
    forse ancora t'a puorte d'int 'o core.

    Te sì pigliata quacche mese d'a vita mia;
    m'haje fatte pruvà p'a primma vota ammore
    ma pure 'o primme dulore.

    Quando 'o core se spacca a metà
    e nun saje comme se fa a continuà.
    T'aspettaje n'estate sana sana

    ma tu nun sì turnata,
    e aggio abbandunato 'o pensiere tuoje.
    Tuccato 'o funno poi, me sò aizato

    Quando accumminciaste a me gira attuorno n'ata vota
    ormai t'avevo capito
    e me levaie ddoie pretelle a d'int e scarpe

    Nun facive pè me.
    E' stato bello, ma non puteva jì annanze
    E mò sò cuntento accussì

  • 29 maggio 2007
    Il giullare di corte

    Fa ridere
    con le sue battute
    simpatico e divertente
    vede nei sorrisi altrui
    la felicità che vorrebbe vivere
    e regala gioia
    mentre combatte la tristezza
    del suo cuore
    maschera estroversa
    brillante e ironica
    nascondiglio di ferite mai chiuse.
    La sua condanna è vivere
    per apparire.

  • 28 maggio 2007
    Densità

    Probabilmente amare è provare la sensazione più densa del mondo.


    Densità che dilaga in tutti i fori dell'essere sensibile, finché una vicinanza provoca l'inondazione più grande, che spezza il respiro, fa tacere il suono della voce, fa sfumare ogni pensiero.


    E si rimane nella pietrificazione di un corpo incapace anche di tremare, davanti alla grandezza di un sentimento che si sminuisce anche solo pensando di poterlo rinchiudere in suoni di parole.


    E si rimane nel più egoistico e inconsapevola silenzio, a godere di un momemnto troppo raro, sperando che il denso diluisca nella forza di una lacrima, altruistica spiegazione di un amore che non si riesce nemmeno a chiamare.

  • 28 maggio 2007
    La finestra

    Diventa voglia incontrollabile


    quella di uscire, per agire e non vedere, da una finestra che si apre, un mondo fuori che le finestre le chiude..


    troppo preoccupato a costruire alte mura per il recinto, senza avere problemi nell'entrare in stanze vuote che raccontano pareti bianche.


    Gli occhi dietro le finestre raccontano di terre e di sassi, di guerre e di passi,  di torri che cadono e vite che si spengono, di aerei che volano e di case che crollano, di bambini che sorridono e di mamme che non possono vederlo.


    Gli occhi scrutano, giudicano, si commuovono, ma da dietro la finestra non si muovono... il giardino è intatto, il letto è fatto, la tv è accesa...


    il mondo.. . bè... il mondo è fuori... quello è un'altra storia... Vera!...


    Fa troppa paura uscire...


    Mi raccomando, chiudi la finestra, potrebbe entrare l'aria.

  • 28 maggio 2007
    Io ci credo

    Voglio finalmente credere che continuerò a crederci sempre:


    in ciò che faccio


    in ciò che dico e penso


    in ciò che vivo


    in ogni mondo che reputo possibile.


    Crederci anche se la realtà mi minaccia a non farlo, perché la realtà è una ma non è assoluta, perché c'è ma può essere cambiata.


    Crederci con rabbia, con voce, anima e cuore; crederci con calma e tristezza, crederci, crederci, crederci...


    perché non credo in una vita di impotenza nei confronti di un presente dove tutto è più alto di me, incomprensibile per il mio modesto pensiero, che nella modestia ha la forza più grande e nel crederci la spinta più forte.


    Il lavoro paga sempre. Io ci creco

  • 28 maggio 2007
    Buon viaggio

    Salpa la nave del ricordo
    in un tiepido mattino
    caldo abbraccio salino
    nel gelo del tuo fiordo

     

    lascia l'ancora a terra
    non può servire adesso
    chiudimi in una serra
    senza il mio permesso

     

    sparirò così dalla vista
    del tuo cuore intristito
    e sul molo solo un basito
    uomo fuori dalla tua lista

     

    Fuggi da me velocemente
    stacca da te ogni sorriso
    che di me hai in mente
    sarò solo un albero reciso

     

    Non tornare e non voltarti
    sappi camminare da sola
    spera, stupisciti e vola
    senza chi ha saputo amarti

     

    Vivi i colori del futuro
    odora i profumi di maggio
    Abbatti finalmente il muro
    adesso, per sempre, buon viaggio.

  • 28 maggio 2007
    Oltre

    Salire in cima
    vedere al di là
    notti lunghe e scabrose
    dietro separè silenti
    Vedi solo il resto
    di quello che permane.
    Non tardare, non cantare
    Muta ascolta il notturno
    canto dell'oblio.
    Parti nella nebbia
    cercando il mio sguardo
    tormento interiore
    di un'anima senza tesoro.

  • 28 maggio 2007
    Un lampo

    Tuona fuori
    è notte dentro me.
    Aspetto la luce
    ancora non c'è.
    Un tumulto
    come un lampo
    mi porta a te scomparso.

  • 28 maggio 2007
    L'amicizia

    Un Io errabondo, alla ricerca
    Delle radici del suo essere, è caduco e
    Vulnerabile nell’offerta ingenerosa della
    Sua amicizia. La piccola e folle bugia
    Che cela inattese le sembianze di un amante.
    Di un nemico, o di entrambe le apparenze
    Di chi da ut des, e sporca il suo sentire
    Dalla volubilità dei sensi.
    Le radici dell’essere emergono
    Di fronte alla tua indissolubile curanza
    Delle dissolute carni eburnee.
    Le immemori sporgenze del tuo ego spossato
    Dalle intemperanze di una vanità femminea,
    ostacolano il rituale che la reale alterità mette in
    scena questa notte.
    Giacqui immobile e smarrita
    Paventando l’illusione di un’armonica
    Figura, distrutta in verità, dalle parole che
    Si esprimono da ignare bocche sul suo conto.
    Odio ogni riflesso che emette questo vetro colorato
    Poiché rifrange la fragilità della mia speranza, e
    Nel frattempo continuo ad osservarmi immersa
    In un campo di papaveri, mentre respiro le
    Esalazioni oppiacee della mia apparenza laida.

  • 28 maggio 2007
    Quiete

    E' calmo lo specchio di mare
    nei fiordi
    col vento che si smussa
    sugli scogli
    e giunge
    stento
    alla saggezza del tramonto.
    Resta
    sul fondo
    il rigurgito della corrente
    nell'intervallo della marea.

    *

    Come è distesa la fronte
    a cui sfugge
    nella bonaccia
    il ricordo della burrasca!

  • 28 maggio 2007
    Nanya

    Tra le dune
    Dei miei sogni
    Si leva ad est
    Un senso di sollievo
    Come un purpureo sole
    Appena destatosi.
    I silenzi
    Divengono scrigni
    Di quegli iestimabili tesori
    Che portano il nome di
    Pensieri...
    E sento
    Una silente armonia
    Che accende
    Un lieve tepore
    Di speranza
    Nelle viscere
    Del mio Io...
    E assoluta
    E' la sensazione
    Di appartenenza
    Ad un etereo
    Microcosmo,
    Corpo fruttifero
    Dalle nobili sembianze,
    Luminoso orgoglio
    Che parte
    Dal mio petto,
    L'orgoglio di poter
    Chiamare amica
    Una silente Musa
    D'altri tempi
    Che possibili
    Ha reso
    Tali sublimi
    Sensazioni...

  • 26 maggio 2007
    Precari

    Si può stare lontani
    senza avere pensieri,
    non sfiorarsi le mani
    perché sembrino veri?
    tempestare il silenzio
    dei nostri richiami,
    sino a spendere il tempo
    a non dirci precari..
    è un po' un riparlarsi,
    quasi un dirsi di sì
    ma tu
    tu non sei qui.

    Si può credere ancora
    che non siano reali
    questi modi di dirsi,
    di non dirci lontani?
    dirlo in faccia alla vita
    cosa siamo davvero,
    ma guardare negli occhi
    non si fa allo straniero..
    è un po' un rivedersi,
    che vedere vorrei
    ma tu
    tu non ci sei.

    Ma la vita continua
    -che le frega di noi? -
    due punti sospesi
    contesi dal vento,
    eppure frammenti
    d'un solo segmento..
    e un anno che passa
    non passa per noi,
    fra pochi secondi
    -silenzio-

    e poi

  • 25 maggio 2007
    Ad occhi chiusi

    Bevo un respiro
    in un sorso di profumi.
    Scintillio di sensi.
    Estasi colorata
    delicata
    tempesta interiore
    tra il vago
    e il tripudio.
    Nelle vene dischiuse
    scorre un attimo
    infinito.
    Ad occhi chiusi.
    La vita è qui.

  • 25 maggio 2007
    Giusy

    Ti tenderò  la mano metre sto cadendo...
    ti guarderò mentre ti  allontani...
    mi guardo mentre sto cadendo

  • 25 maggio 2007
    Radice impossibile

    Radice profonda
    è tardi.
    Schianto immerso
    nel bianco tepore
    d'altrui veleni.
    Scopri le tue unghie
    addenta la polpa
    succhia il senso
    del mio vagare.
    Cerchio concentrico
    senza fine,
    vortice incompiuto
    insanabile volontà
    di essere
    l'impossibile.

  • 25 maggio 2007
    Anima volante

    Scappa anima,
    fuggi forte,
    vola e perditi
    in un mondo altrui
    che non ti appartiene
    parte di uno spartito
    perduto per caso.
    Non tornare, apri le ali
    al vento che soffia.
    Chiuditi un passato ombroso
    dentro un presente faticoso
    e salva il futuro
    da un ricordo pericoloso.
    Plana,
    lontano,
    fin dove puoi arrivare.
    Felice di approdare
    in un eterno ricercare.