username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 25 feb 2008

Stefano Filotto

22 febbraio 1962, Valdagno (vi)
Mi descrivo così: Determinato quanto dolce...
Mi trovi anche su:

elementi per pagina
  • 25 febbraio 2008
    La musica...

    Ho scelto lei...
    Ho scelto lei perché è dolcissima...
    Ho scelto lei perché e meravigliosa...
    Ho scelto lei perché è unica...
    Ho scelto lei perchè non invecchia mai...
    Con lei parlo ogni minuto, mi esprimo, gioisco, piango, rifletto, sogno, lavoro...
    Con lei parlo di me,
    Con me parlo di lei,
    Non mi abbandona mai, mi segue ovunque io vada...
    Lei mi ha fatto comprendere moltissime cose, i valori della vita, il pianto di un bimbo, la risata di un bimbo, la gioia e la disperazione, l’amore, proprio quell’amore che stiamo dimenticando, quell’amore che forse non serve più!
    Però Lei è sempre stata l’unica, che non mi ha mai tradito e non mi tradirà mai!
    Di questo ne ho la piena certezza, perché Lei, e solamente Lei, rimarrà sempre LA MIA MUSICA!

     
elementi per pagina
  • 25 giugno 2008
    Ho visto lei...

    Come comincia: Buonasera!
    La stavo osservando e le vorrei confessare quanto segue:
    Ha un viso dolcissimo, un’espressione estremamente solare e due occhioni meravigliosi.
    Il velluto delle sue labbra è ricoperto dallo stesso colore dell’amaranto dell’ovest... sì... di quel tramonto veduto dalla spiaggia della maremma in una calda sera d’estate, e che molto probabilmente non vedrò più.
    Le chiedo perdono per l’eventuale disturbo ma questo, in cuor mio, glie lo dovevo.
    Ora le vorrei regalare l'intensa fragranza del glicine e della mimosa affinché la sua serata e il suo sonno, possano essere sereni e dolcissimi.
    Un ciao e un sorriso...
    Stè.