username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Andrea Castellini

in archivio dal 13 lug 2011

31 dicembre 1972, Forlì - Italia

segni particolari:
Creativo applicato alla musica ed alla scrittura. Per quanto riguarda la musica...

mi descrivo così:
Creativo applicato alla musica ed alla scrittura...niente deve essere banale.

03 agosto 2011 alle ore 12:33

Delirio in tre versi

Il racconto

50 coglionerìe in tre versi, rima AbA o AAA

Recatomi a Parigi,
guardai la Senna,
ma preferiì il Tamigi.
-
Ero sbronzo in birreria,
non potendo guidare,
prendevo la seggiovìa.
-
stavo fumando una canna,
arriva lo sbirro,
e poi la condanna.
-
I poteri divinatori,
nella corrida,
li hanno i tori.
-
La donna grida spesso,
se dentro un cesso,
viene violentata con successo.
-
Un animale che soffre,
poi muore,
e come cibo si offre.
-
Le tende da sole,
o in compagnia,
fan giochi di parole.
-
Indòmita vagina,
davver ti bagni,
se un pene si avvicina ?
-
Proprio su quel ramo,
dopo tanto tempo,
rimane scritto che t' amo.
-
L' amore passa,
poi il divorzio,
poi la tassa.
-
Le foto del matrimonio,
tempi felici,
poi vuoi il mio patrimonio.
-
Un uccello è strano,
se non avendo penne,
sta bene in una mano.
-
Un cavaliere errante,
forse gay,
cercava il proprio fante.
-
Un rapporto a due,
nasce un bimbo,
scaldato dal bue.
-
Svoltavo a sinistra senza freccia,
un' auto gay,
mi ha fatto breccia.
-
Annusavo l' odore della terra,
faceva caldo,
ero chiuso in una serra.
-
Conobbi un poeta deluso,
leggendo i suoi versi,
capiì che era eluso.
-
Conobbi l' eroina a 13 anni,
ci litigai a lungo,
per tanti compleanni.
-
Il mare è acqua e sale,
si pesca di tutto,
ma non c’è mai caviale.
-
La bellezza è guardarti,
il tuo profilo è al meglio,
se angolato di tre quarti.
-
Il prete bacia soave,
i bambini sottochiave,
durante il conclave.
-
La collera mi diserta,
anche allo stadio,
anche in trasferta.
-
Ho scritto pagine false,
per conquistare te,
in quasi tutte le salse.
-
L' amore ha un prezzo,
dicesti tu,
perciò non lo apprezzo.
-
La fantasia al potere,
ed il politico, che vada
a lavorare in un podere.
-
Mia nonna non è mica ancora morta,
ma se non vuol che le vada storta,
che si spicci a farsi operare l' aorta.
-
Ci parlano di libero mercato,
cioè di ciò,
che ci ha affamato.
-
Ti darò una bacio sulla bocca,
dolci parole,
per assaltare poi la tua rocca.
-
Vorrei sposarti ogni sera,
per portarti sempre in crociera,
mia bella ereditiera.
-
Ho fatto male a me stesso,
sulla tua illibatezza ho scommesso,
ed ho perso mio già usato cesso!
-
Il foglio da scrivere attrae i curiosi,
ci studiano quando scriviamo oziosi,
o impegnati, ma pur sempre silenziosi.
-
La tua bellezza è per me un ostacolo,
in quanti vorranno, in futuro,
spingersi dentro al tuo miracolo?
-
Mi trovavo in ospedale,
quasi morendo a Natale,
molto ammirato al capezzale.
-
Ero stanco, dormivo in piedi,
tu mi trovavi,
mi suggerivi siedi.
-
Amore, butta la pasta,
del mio ritorno mia casta,
sembri proprio entusiasta.
-
Portando la colazione,
nel letto del tuo Adone,
mi ispiravi seduzione.
-
Non abbiamo più un domani,
siamo umani
e pure anziani.
-
Muore un bimbo in ostetricia,
Che tristezza,
e nato forse senza camicia.
-
Passavan le serate,
sempre adulterate,
da sbronze esagerate.
-
Camminavo leggendo un saggio,
distratto non dal paesaggio,
mi schiantai contro un faggio.
-
Prendevo una medicina potente,
che alle altre era adiacente,
era tutta colpa di un dente.
-
Scrissi t’ amo sulla sabbia,
mi sentivo proprio in gabbia,
e provavo una gran rabbia.
-
Dagli esami ho l’ anemìa,
L’ ho saputo qui in corsia,
che abbia preso la leucemìa?
-
Una volta si mangiavano gatti,
che mangiavano ratti,
serviti come ottimi piatti.
-
E’ nato prima l’ uovo o la gallina,
l’ ho chiesto a mia cugina,
che errando si guardò la patatina.
-
Oggi a pranzo tagliatelle,
ma son scotte alle mascelle,
le mie solite cappelle!
-
Mi si è rotto il rubinetto,
l’ho forzato e qui lo ammetto,
ora serve un bravo addetto.
-
Osservando questo tramonto,
mi sovviene un mio racconto,
scritto sol per tornaconto.
-
Annaffiando il verde ibisco,
con cui il giardino abbellisco,
cado e mi rompo un menisco.
-
La mia ragazza ora dorme,
con Morfeo segue le orme,
di bei soldati in uniforme.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento