username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Anthony Burgess

in archivio dal 29 apr 2011

25 febbraio 1917, Manchester - Inghilterra

22 novembre 1993, Londra - Inghilterra

segni particolari:
Anthony Burgess è lo pseudonimo di John Burgess Wilson. Nella mia carriera c'è il sacro e il profano: dalla collaborazione con Zeffirelli nel kolossal "Gesù di Nazareth" al romanzo "Arancia meccanica", portato sul grande schermo da Kubrick.

mi descrivo così:
Sono annoverato tra i più grandi scrittori inglesi del Novecento.

29 aprile 2011 alle ore 10:18

Arancia meccanica

di Anthony Burgess

editore: Einaudi

pagine: 240

prezzo: 10,20 €

Acquista `Arancia meccanica`!Acquista!

Il titolo del romanzo (nonché del cult girato da Stanley Kubrick) nasce nel 1945, quando lo scrittore, al ritorno dal fronte, in un pub di Londra sente un 'cockney' (londinese) ottantenne dire di qualcuno che era "sballato come un'arancia meccanica".
Espressione curiosa, non c'è che dire, ed azzeccata per scrivere una storia basata sul lavaggio del cervello.
La violenza giovanile avanza con vigore e, la prigione e i riformatori, non fanno altro che peggiorare la condizione dei malviventi in generale: allora perché non risparmiare denaro sottoponendoli ad una vera e propria terapia del disgusto? 'La cura Ludovico' serve proprio a questo: cerca di associare nei prgionieri l'atto di violenza al malessere fisico e psicologico, fino all'invocazione della morte.
E' la stessa cura a cui viene sottoposto il protagonista principale di questa storia, Alex,  e che rappresenta, allo stesso tempo, l'umanità che è in ognuno di noi in tre modi: è aggressivo, ama la bellezza e si serve di un suo personale vocabolario linguistico, totalmente inventato per comunicare quello che ha dentro al mondo esterno.

recensione di Francesca Arangio

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento