username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Antonella Giordano

in archivio dal 25 mag 2013

04 giugno 1957, Formia - Italia

segni particolari:
Giornalista e tributarista. Ho pubblicato 8 libri e circa 3.000 articoli in materia economico-fiscale sulle maggiori riviste specialistiche di settore. Vincitrice  di due premi letterari come autrice di sceneggiature  nel 2012 ho pubblicato il primo libro romanzo “CHRYSE” (ed. Albatros).

mi descrivo così:
Amo la saggistica, lo studio del pensiero e la storia. Estroversa e da sempre impegnata nelle grandi sfide per la diffusione della cultura, la tutela del sociale e l'informazione di servizio.

29 luglio 2013 alle ore 8:26

CHRYSE

di Antonella Giordano

editore: Gruppo Albatros Il Filo

pagine: 89

prezzo: 10,97 €

Acquista `CHRYSE`!Acquista!

Un thriller o un’intensa storia d’amore? Sicuramente un’avvincente vicenda, descritta dalla penna minuziosa e attenta di Antonella Giordano. Ogni dettaglio non è mai fuori luogo, tutto segue un preciso filo, partendo da una situazione normale.

Un viaggio, un treno, una direzione. La storia prende così forma, scorrendo sui binari della quotidianità, tra impegni di lavoro e pensieri che si accavallano, facendo dubitare dell’esistenza dei veri sentimenti e della profondità dell’amore che quando arriva, coglie impreparati, come un fulmine a ciel sereno.
Manuela e Lorenzo; lei donna cresciuta in fretta per la perdita del padre in giovane età, laureata in giurisprudenza, amante dell’arte e dedita anche in un lavoro non soddisfacente per le sue capacità. Lui, professore universitario, esperto nel settore e legato al suo mestiere. Entrambi si trovano sullo stesso treno, diretti a Roma e la complicità tra i due è subito un campanello propizio.
Si ritroveranno fianco a fianco, sulle tracce della martire cristiana di Chryse, una giovane ragazza precocemente scomparsa. Ricomponendo i pezzi di un passato, tra le "ombre" che circondano il loro presente. Tra scavi nella storia, si ritroveranno davanti a qualcosa più grande di loro.
Un mistero, che li porta analogicamente ad un’altra giovane vita spezzata: Elisa.
Ecco che gli equilibri si compromettono: chi si sentiva al sicuro inizia a temere, chi aveva già riposto le speranze di conoscere e di avere  giustizia, in un cassetto chiuso a chiave; poichè prova solo rabbia, per non avere fatto o detto cose prima. Chi non capisce cosa stia accadendo, resta attonito e chi agisce, appare "diverso".

Ma il bisogno della verità è troppo forte, e spesso trova la forza di uscire fuori, portando tutto il peso dei pro e contro, e senza evitare il rischio, va avanti, intrecciando inevitabilmente altre vite nel tempo.
 

recensione di Dulcinea Annamaria Pecoraro

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento